Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 11-12-2017 - 01:02:35
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Editoriale - a cura della Redazione Nimue e Melusina
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
962 Un Pionierismo di nuova specie Editoriale Nimue 02/2014 Apre eventuale link con Articolo 962 già pubblicato
Testo Articolo
Nuova pagina 1

L’immagine con cui si apre questa slide, rappresenta la realtà che andiamo ad illustrare: un Istituto all’avanguardia in un quartiere sostanzialmente povero di istanze culturali, per un futuro all’insegna della condivisione e dell’azione, in un mondo inclusivo di ogni diversità.
Sono passati molti anni dal 1981; anno internazionale del “portatore di handicap”, che vide a Foggia la nascita dell’ASSORI. Fondatori, genitori di bambini handicappati e genitori di bambini normodotati, con un credo comune: promuovere la nascita di una sana società, a misura di ogni diversità.
Sono gli anni degli interrogativi, della ricerca e della sperimentazione di progetti didattici ed educativi-innovativi. Il tutto in una sfera di coinvolgimento emotivo talmente forte, da fare emergere ed unire, in sinergica azione, tante individualità che nel silenzio operavano da tempo per una qualità di vita migliore, a favore dell’handicap.
Le prime attività che vedono insieme normodotati e portatori di handicap, genitori e volontari, riguardano lo sport, la musica e l’espressività, con la certezza di un’osmosi possibile, nella convinzione che, se l’eterogeneità è la realtà del mondo, la didattica in tale direzione non solo è praticabile, ma è la base della vera educazione.

Volontari e simpatizzanti dell’Assori, pertanto, sempre più numerosi e presenti nella scuola di Foggia, di ogni ordine e grado, s’impegnano a diffondere e praticare la cultura dell’attenzione all’handicap, visto per la prima volta come risorsa da valorizzare in una società che si connota come civile.
Intanto un impianto natatorio, voluto tenacemente dal Dott. Costanzo Mastrangelo, subentrato al Dott. Dino Curatolo, alla presidenza dell’Assori, perché trasferito a Roma, dava vita a un vivaio di energie sportive, capaci di gareggiare a livello nazionale per primati, prima ritenuti impensabili.
Lo sport, realtà per l’integrazione, diventa motore di ricerca e veicolo per tante individualità, di affermare la propria fisicità, nella gioiosa condivisione di uno spazio vitale per tutti.
Lo sport non fa differenza, come giustamente sottolinea Luca Pancaldi; presidente del CIP (Comitato Italiano Paraolimpico): il disabile ha occasione di interagire con altre persone, per esprimere la sua voglia di vivere, gode della possibilità di far parte di un gruppo e si impegna per dare il meglio di sé. La sua fisicità messa alla prova giorno, per giorno, diventa energica presenza di sé, nel mondo accanto a chi, impara a cogliere la sua specificità e se ne arricchisce.

Il nuoto sincronizzato, un’ulteriore sfida dell’Assori, rende visibile l’integrazione sociale con il superamento dell’handicap e pone le basi di una nuova possibilità di riscatto, da offrire come modello addirittura sul palcoscenico internazionale, dal Portogallo al Giappone, dall’Inghilterra al Messico.
A poco, a poco, si abbattono i pregiudizi di una società, che per troppo tempo ha considerato la disabilità un problema esclusivo, di chi la viveva e non ha capito il senso di travaglio delle famiglie impotenti a dare “da sole” dignità al loro dolore.
Solo “insieme” si può infatti abbattere il muro della solitudine, condividendo le lacerazioni delle ferite e le gioie delle conquiste in un cammino difficile, certo non impossibile, se il sogno non è di pochi, ma diventa di tutti.
La scuola così diventa il luogo privilegiato per forgiare piccoli cittadini attivi, capaci di stare accanto alla disabilità, per tutelarla e crescere con la consapevolezza che basta poco per realizzare sogni e aspettative comuni, purché si tentino “insieme” percorsi nuovi e possibili.

Ed ecco che nel 2005 la Regione Puglia riconosce l’ASSORI come ente di formazione. Il Settore Cultura, che ha promosso tanti corsi di specializzazione per il sostegno, per creare figure professionali qualificate e capaci di realizzare l’inclusione, diventa il crocevia di persone con aspirazioni da realizzare e delusioni che attendono di essere confortate e superate, grazie al grande laboratorio di risorse umane, che è diventata ormai l’Assori, dove chi entra viene contaminato dal desiderio di adoperarsi personalmente, per realizzare le pari opportunità per tutti.
Quale la realtà odierna dell’Assori?
Una scuola inclusiva, che dal Nido, alla Scuola Primaria, utilizza la piscina e la palestra come campi di esperienza, per la conoscenza del sé e dell’altro, come essere unico, insostituibile e inimitabile, in un percorso ricco di stimoli, che conduce al pensiero nella gioiosa consapevolezza delle proprie potenzialità, arricchita dagli strumenti multimediali a disposizione.
I bambini e le bambine in difficoltà non hanno bisogno di progetti differenziati, in quanto le singole attività sono svolte secondo i tempi dei singoli soggetti; in una scuola improntata alla relazione costruttivista tra educatore ed educando, capace di realizzare livelli di apprendimento per le singole individualità, a prescindere dai suoi limiti.

La valorizzazione delle specificità di ciascuno, la progettazione di itinerari formativi opportunamente diversificati diventano garanzia di uguaglianza sostanziale dei risultati per i più piccoli ed impalcatura emotiva e mentale per i più grandi, in un contesto scolastico che vede la relazione come premessa fondante di un nuovo iter pedagogico.
Se l’educatore saprà infatti interrogarsi sulle strategie migliori per ottimizzare tempi e risultati, ogni bambino potrà approdare ai traguardi a lui congeniali, realizzando i prerequisiti necessari per conseguire l’autonomia cognitiva e comportamentale richiesta dalla scuola primaria.
E i genitori vanno accompagnati a riconoscere i bisogni reali e le potenzialità vere dei propri figli, per tutelare la loro naturale curiosità, il piacere della conoscenza e il gusto delle sfide quotidiane, che impareranno giorno, dopo giorno, a praticare, partendo da ciò che sono, nella piena consapevolezza della loro forza.
Insieme, genitori e docenti potranno collaborare per formare bambini e bambine consapevoli delle proprie afferenze, vissute non come limite all’espressione di sé e alla relazione con il mondo, bensì come ricchezza della propria unicità.

Una scuola siffatta è in piena adesione alla teoria costruttivista, che riconosce il bambino; soggetto attivo in grado di “fare” e “riflettere”, su ciò che sta facendo e capace di riconoscere l’azione e trasformarla in strategia di apprendimento.
E il bambino con disabilità? Vive il mondo scuola con la gioia di appartenervi, condividendo laboratori e percorsi comuni possibili e praticabili, grazie alla formazione di tutti i docenti, curriculari e di sostegno, capaci di creare sinergie educative ad ampio raggio, per realizzare il bene comune e salvaguardare i bisogni delle nuove generazioni, stimolati eccessivamente da una società mediatica, ove vige l’apparenza, l’effimero in un susseguirsi di stimoli-risposte, che si esauriscono nell’attimo e non costruiscono tasselli di impalcature emotive e mentali, capaci di elaborare la complessità del pensiero.
Così diventa inesauribile la costruzione di spazi nuovi per laboratori sempre più strutturati ed inclusivi, ove i bambini con disabilità possono crescere in armonia con i loro pari, guidati da maestre educate a uno “sguardo” e ad una “cura” speciale.

Ateliers, ludoteca sperimentale, come “l’Officina del Gioco, che non c’è” con “Supermaestre” efficienti e dedite alla continua sperimentazione del possibile, legato ai bisogni emergenti di ogni bambino e, perché no, a quelli dei loro genitori, per dare loro l’opportunità di vivere momenti di coppia e fortificare il sodalizio, garantendo tempo libero a loro e tutela sicura ai bambini. Tutte queste realtà convivono con i progetti dei ragazzi adulti con disabilità: il pastificio per chi sa impastare, un bar per chi sa servire, un atelier delle bomboniere per chi sa confezionare, o dipingere, un giardino per chi sa curare le piante, teatro-danza per tutti quelli che conoscono il proprio corpo e le proprie risorse e tante altre attività per vivere in allegria lo spazio di una cittadella, costruita anno, dopo anno, per dare visibilità a ogni diversità e promuovere l’inclusione in una prospettiva sociale, ormai sempre più praticabile e possibile.
Questa è l’Assori a Foggia: un faro che illumina l’orizzonte di futuro, a misura di ogni diversità, grazie a Supermaestre come Lucia, Maria Adele, Donatella, Giulia, Valentina, Raffaella, Marianna e a geni del fumetto, come Giuseppe, contagiato dalla loro voglia di agire e di essere, per educare i bambini a una pratica di comunicazione e rappresentazione mentale, molto stimolante e innovativa.
 

A cura di: Nimue

Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7