Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 17-10-2017 - 13:33:24
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Sanità e dintorni, un viaggio su alcune patologie e su alcuni aspetti amministrativi del settore. Antonio Lucci
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
958 Apiterapia e propoli Sanità e dintorni Luca Magrini Cupido 02/2014 Apre eventuale link con Articolo 958 già pubblicato
Testo Articolo

L’Apiterapia
E’ il termine che indica l’insieme dei trattamenti medici con i prodotti secreti e trasformati dalle api; polline, miele, pappa reale, veleno, propoli.
E su quest’ultima ci soffermeremo tracciandone un po’ la storia e gli utilizzi, alleggerendo il tutto con qualche piccola curiosità.
La propoli, che etimologicamente significa “davanti la città”, “a difesa, o a favore della città”, è una sostanza prodotta dalle api, come abbiamo già accennato. Esse, infatti, raccolgono la sostanza resinosa, che trasuda da alcune piante, come: pioppi, abeti, olmi, betulle, ecc. e la mescolano con la saliva e cera, utilizzando la sostanza così ottenuta all’interno dell’alveare. Essa serve infatti, come materiale da costruzione per cementare, sigillare fessure e rinforzare i favi più deboli.
Ma è utilizzata anche come antisettico per sterilizzare l’entrata delle cellette, dove l’ape regina depositerà le uova. Un utilizzo molto interessante è rappresentato dalla copertura di propoli di quegli animali, che s’intrufolano nell’alveare, come: insetti, lucertole. ecc.. Le api uccidono gli “ospiti estranei”, ma a volte, a causa del peso, o delle dimensioni, sono impossibilitate a trasportarli all’esterno dell’arnia e così la propoli, permette che i corpi morti non si decompongano, non imputridiscano e non danneggino l’alveare.

 



Un po’ di storia
L’uso documentato della propoli è antichissimo, già i sacerdoti egizi la utilizzavano per mummificare i faraoni, mentre i medici la usavano come cura contro le infezioni della pelle come cicatrizzante di ferite e disinfettante dell’apparato respiratorio. Ma l’uso della propoli, come quello del miele (chiamato nettare degli dei) nell’antichità, era pressoché universale, visto che anche gli Incas, la civiltà indiana e quella cinese ne conoscevano l’uso. Anche gli antichi greci, i romani e gli arabi ne facevano grande uso.
Dagli anni ’70 del secolo scorso, in Italia e in tutto l’occidente, si assiste all’incentivazione dell’utilizzo della propoli come rimedio a svariatissimi mali.
La composizione della nostra sostanza, però non è universale e cambia di sapore, colore, proprietà, ecc., secondo i luoghi dove viene raccolta e prodotta.
In generale si può affermare che la propoli contiene circa 300 molecole attive, cosi suddivise:
30% di cera
50% di resine e sostanze balsamiche.
10% di oli essenziali.
5% di polline.
5% di materie organiche e minerali.
La componente più interessante è data dai flavonoidi che hanno proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, favoriscono l’assunzione della vitamina C e del calcio.

Le proprietà della propoli
Elencarle tutte sarebbe lungo e noioso ecco un piccolo elenco:
Antiossidante,
antinfiammatorio del cavo orale e dell’apparato respiratorio,
cicatrizzante,
anestetico locale,
disintossicante e protettivo per il fegato,
stimolante della circolazione sanguigna,
fungicida (contro la candida),
antivirale (contro l’herpes),
battericida (contro l’helicobacter Pilori),
stimolante della circolazione sanguigna..

 

Utilizzo della propoli
Essa può essere utile per gli uomini, per le piante e per gli animali.
Infatti, in veterinaria serve per curare la mastite della mucca, per aiutare la produzione delle uova delle galline, per le infezioni e gli eczemi degli animali da compagnia.
In agricoltura è possibile avere buoni risultati contro i microrganismi patogeni e i funghi; come cicatrizzante di mele e arance dopo la grandine.
Per l’uomo ha un raggio di azione vastissimo, che va dalle infezioni della bocca, gola, bronchi a quelle urinarie e vaginali e a quelle articolari, può essere utile all’ulcera di stomaco, all’intestino, nelle bruciature, come pure all’acne e ai foruncoli, oltre che ai tumori.
La propoli è venduta sia in farmacia, che in erboristeria, sotto forma liquida, come tintura, in spray, o aerosol, come pomata, o unguento per uso esterno, sotto forma di dentifricio, shampoo, saponi, in pastiglie, o caramelle masticabili, in capsule e in sciroppo.
Si consiglia sempre di consultare il medico, per uso e dose.

Qualche curiosità
Nella mitologia romana troviamo la propoli protagonista. Si narra che Giove, nutrito col miele, trasformasse Melissa in ape, affinché producesse una sostanza miracolosa per la guarigione.
Nel XX secolo l’uso della propoli fu importantissimo nella guerra angloboera (1889- 1902) e nella rivoluzione russa del 1917, perché unita alla vasellina, fu spalmata sulle ferite per rigenerare i tessuti e disinfettare le stesse.
E’ strano a dirsi, ma si sa per certo che i grandi liutai italiani, costruttori di preziosissimi strumenti musicali, usassero spalmare con la propoli a mo’ di vernice i violini, per conferire allo strumento un suono melodioso e argentino.
E che dire degli antichi sellai che lucidavano il cuoio con la propoli? E non dimentichiamo che gli antichi doratori e restauratori usavano la stessa, come mordente per attaccare le sottilissime lamine alle cornici.

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 958-Musica Rilassante.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7