Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 28-04-2017 - 06:31:47
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
I miti della canzone Italiana e Internazionale. Biografie e successi. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
956 Pino Daniele è…. I Miti della Canzone Nimue 02/2014 Apre eventuale link con Articolo 956 già pubblicato
Testo Articolo

Si potrebbe parafrasare un successo internazionale del grande bluesman: Napule è.. per tratteggiare velocemente il mascalzone latino come spesso viene definito.
Pino è
A voce e’ Napule,
Mille canzoni,
Mille liriche,
Tradizione e intuizione musicale,
Blues napoletano,
Grande,
Legato ad un filo,
Il filo si è rotto,
Pino è morto ... ma
Pino è indimenticabile,
Pino è insostituibile,
Pino è… con noi.
Parlare di un artista, un poeta, un cantante, un musicista, un genio che improvvisamente ci lascia, è difficile. Tante sono le cose da dire. Tanta è l’emozione che assale e non permette di esprimere tutto e bene. Ma Pino Daniele è morto ed è impossibile tacere, è impossibile non parlare anche per sommi capi e raccontare quello che ha fatto, quello che è stato e quello che ha rappresentato e rappresenterà per la musica.

Giuseppe Daniele nasce a Napoli nel 1955, in uno dei tanti “vasci”, che caratterizzano la città. Fin da piccolo ama cantare e suonare. A 13 anni riceve come dono una chitarra. Non la lascerà più. Studia da ragioniere, si diploma, però la musica è nel sangue. Dopo il diploma suona in un gruppo, con la sorella di Alan Sorrenti e con Gianni Nazzaro, ma il Pino Daniele vero nasce con l’incontro di James Senese. Siamo negli anni ’70, a Napoli nasce e si sviluppa una nuova idea di canzone, un nuovo suono, un nuovo modo di intendere la musica partenopea. Napoli è una città addolorata, dolorante e queste emozioni non vanno taciute. Inizia così, Bennato ne è il precursore, l’allontanamento dai contenuti melodici della canzone napoletana, dove sogno, amore, cuore, sole, hanno fatto da padrone. Pino porta qualcosa in più; il ritmo, il suono; esso, infatti, non può essere lo stesso di prima, le parole sono ironiche, i concetti sono di denuncia: ecco allora il blues napoletano. Come i neri americani hanno dato vita al blues, all’improvvisazione, così i “neri” napoletani, discriminati dal Nord, danno vita al blues Mediterraneo. Ma torniamo a James Senese, famoso nero italoamericano, che comprende subito, da musicista navigato, che Pino è bravo, è incisivo ed eclettico, lo aiuta, lo incoraggia e lo vuole nella sua band. Pino entra a far parte di questa piccola famiglia musicale chiamata “Napoli centrale”, dove suonano, oltre a Senese, De Piscopo, Tony Esposito e Enzo Avitabile, ecc...

Ma Pino scrive anche canzoni e musiche e le tiene in tasca, finchè un discografico non gli propone un album. E’ il1979, (sebbene lui non si senta un cantautore) esce il suo primo disco. In esso sono contenuti vari brani tra cui “Napule è” e “Terra Mia”, che dà il titolo all’album. Quest’ultima è una canzone di denuncia sulla situazione napoletana, scritta come lui stesso afferma, sul divano di casa propria, cullando il sogno di comporre testi e suonarli con grandi musicisti. Lui è nato in un “vascio” (basso), lui sa cosa vuol dire la vita di Napoli e le sue canzoni s’ispirano ad essa, alle cose semplici, alle “cose” che vede e sente per strada, che così assurgono a simboli, a oggetti di denuncia e a dichiarazioni d’amore per la sua città come “ ‘O scarafone”, “ ‘Na tuzzulella ‘e caffè”. Ma la musica di Pino Daniele non è solo blues, è un insieme di tante sonorità, l’etnico, il melodico, il soul, il jazz, l’arab rock, lui attinge ovunque, dall’Africa al Brasile, dal Medio Oriente, al Mediterraneo. E’ onnivoro, un esperto che non ha mai smesso di fare ricerca, da De Roberto, musicologo napoletano, a Fedez, tutto è interessante, tutto è fonte d’ispirazione, tutto è utile al suo canto.
La sua particolare voce, inoltre, tra il roco, il melodico e il placido, rende il nostro musicista unico, insostituibile e internazionale.
Sicuramente Pino è uno degli artisti italiani dal respiro più internazionale, con la voglia e la capacità di unire il global e il local, di usare il dialetto antiletterario, ma incisivo e di mescolarlo con l’italiano e anche con l’inglese, lingua internazionale. Per questo non si possono tacere i contatti e le collaborazioni avute con i più grandi big mondiali; Alphonso Johnson, Wayne Shorter, apre il concerto di Bob Marley, si esibisce a Cuba, in Canada e all’ Olympia di Parigi.

Che dire del brano Sicily, scritto con Chick Corea, abile e indiscusso pianista statunitense…?
Tra gli altri grandi citiamo Mel Collins, Pat Metheny, l’indiano Trilok Gurtu, Noa, Pavarotti e mille altri, per terminare con il duetto del 2011 con Eric Clapton, amici e vicini anche nella morte. La ricchezza e la veridicità di Pino ha permesso di lasciarsi contaminare e a sua volta di contaminare tutti e da tutti riceve amicizia e stima.
Mi piace ricordarlo con i capelli grigi e baffi neri, con un abbigliamento semplice ed essenziale e con la chitarra tenuta in un modo “tutto suo” come se abbracciasse la donna che ama, nell’ultima apparizione, avvenuta al concertone di Courmayeur il 31 dicembre del 2014,quando con generosità e bravura ha cantato cinque suoi brani.
Molto è stato tralasciato sulle opere, sulle canzoni di Pino Daniele, ma è difficile racchiudere oltre quarant’anni di carriera, proficua, movimentata e diversificata, in poche righe...

 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 956-Per te Pino Daniele.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7