Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 23-04-2017 - 12:00:55
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Avvenimenti - a cura della Redazione Nimue e Melusina
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
918 Mi arrivi come da un sogno Avvenimenti Luca Magrini Cupido 01/2014 Apre eventuale link con Articolo 918 già pubblicato
Testo Articolo

C'è chi pensa che assistere alla presentazione di un libro sia sinonimo di noia, sonnolenza e desiderio di fuga… se avesse partecipato all’evento finalizzato alla presentazione dell'ultimo lavoro di Diego Galdino "Mi arrivi come da un sogno", “sarebbe rimasto deluso”! Sì, perchè esso, in verità, è terminato troppo presto, i novanta minuti circa della durata della manifestazione sono stati troppo brevi. Tante sono le motivazioni per il successo che l'evento ha riscosso. La scelta del luogo, per esempio...
La libreria Arion in Via Milano, annoverata tra le venti librerie più belle del mondo (secondo la casa editrice australiana Lonely Planet), che si trova all'interno del Palazzo delle Esposizioni. Qui, infatti, ultimata la visita alla mostra artistica nel vero museo, ne inizia un'altra tra libri, fumetti e gadget originalissimi, esposti anch'essi come opere d'arte. Anche gli ospiti intervenuti alla presentazione non sono stati meno interessanti.
Alberto Tomassoni, devotissimo amico dello scrittore; Diego Galdino con la sua vitalità, generosità e bravura; Catena Fiorello (sorella di Beppe e di Fiorello),che con simpatica ironia, affettuosa ammirazione e storica originalità ha dato un grande contributo all'ottima riuscita dell'evento.
Il primo a parlare è stato Alberto Tomassoni, che ha raccontato un episodio molto significativo del rapporto che intercorre fra di loro e del carattere di Diego. In un momento di sconforto e di delusione, Diego aveva pensato di rinunciare a scrivere, ma per Alberto era incomprensibile e inimmaginabile una decisione del genere, per cui si è sentito in dovere, oltre che di minacciarlo affettuosamente, di offrire qualche suggerimento pratico: non abbandonare assolutamente la scrittura! Anzi, scrivere subito qualche cosa!

La necessità di Diego di concretizzare il ricco mondo interiore e la voglia di continuare a fare ciò che lo rende felice, ha dato vita, in una settimana, ad un manoscritto, simbolo di nuova vita e di nuova energia compositiva. Alberto ha continuato tessendo le lodi del suo amico e anticipandoci quello che poi Diego ci dirà meglio dopo: I Giussani (produttori cinematografici) hanno acquistato i diritti del libro “Il primo caffè del mattino” per realizzare un film.
L’intervento di Catena Fiorello ha dimostrato tutta la felicità di affiancare Diego durante la presentazione; la scrittrice siciliana, con grande sincerità, ha affermato di non aver potuto leggere il romanzo essendo "sotto scrittura". Sta, infatti, scrivendo un libro e non può abbandonare quel “mondo parallelo” che si determina nel periodo creativo. Catena ha parlato del bellissimo e lungo rapporto che la unisce al nostro autore, fatto di complicità e stima, ha elogiato la capacità di Diego di contestualizzare storie d'amore, temi profondi e realtà ambientali. In ogni suo romanzo, infatti, sono presenti concretamente luoghi reali: Roma, Siculiana, l'America, ecc…
Alla mia domanda: Dove, come quando e perché si sono conosciuti? Catena ha risposto che è una conoscenza che si protrae da tanto tempo, avvenuta grazie a suo fratello Beppe Fiorello che le ha segnalato Diego come esempio di scrittore talentuoso e di sicuro successo e l’ha pregata di aiutarlo. L’occasione giusta si è presentata alquanto tardi rispetto alla richiesta di Beppe e Catena ha dato come spiegazione la reticenza insita nella famiglia Fiorello di non fare e non chiedere raccomandazioni. L’aiuto si è concretizzato quando Catena ha presentato a Diego l’agente letterario che l’ha introdotto nella Sperling & Kupfer.

L’intervento della scrittrice siciliana si è concluso con la lettura di un passo del libro “Mi arrivi come da un sogno”, relativo allo schiudersi delle uova di tartaruga sulla spiaggia di Siculiana e alla visione che si offre allo spettatore ammirato davanti ad uno spettacolo simile: un’onda contraria a quella del mare, formata da una miriade di tartarughine che si dirigono verso l’acqua salata.
Diego, nel suo intervento, ci ha raccontato come ha conosciuto Beppe Fiorello. L’attore tornato in albergo, dopo aver recitato nello spettacolo “Delitto Perfetto”, ha acceso il televisore ed è stato attratto dalla presentazione del libro Leonor di Diego Galdino. Leonor, infatti, è simile al nome della moglie di Beppe. Incuriosito, ha contattato l’autore del romanzo e ha voluto assolutamente conoscerlo, poi il resto lo sappiamo, perché ce lo ha detto Catena. L’intervento di Diego è continuato con grande generosità e disponibilità, rispondendo ad alcune domande come ad esempio:
Il protagonista maschile del suo romanzo si chiama Clark Kent, non è la prima volta che un personaggio dei suoi libri porta questo nome, come mai?
Clark Kent, perché è “supereroe dei sentimenti”, mi serviva un superuomo per compiere la missione che il protagonista della storia doveva affrontare: far innamorare due volte la stessa donna. Un’impresa che per un uomo normale non sarebbe stato possibile realizzare. Non c’è nessuna attinenza con il Superman cinematografico.

Quali attori e quale regista sceglierebbe per la realizzazione del film tratto dal suo libro: “Il primo caffè del mattino”?
Diego ha risposto confermando ciò che già aveva detto Tomassoni e poiché la stessa domanda gli era stata rivolta dai produttori Giussani, non ha nessuna esitazione nel rispondere. Gli attori preferiti sarebbero: Scamarcio nel ruolo maschile e Melanie Laurent (interprete del film di Quentin Tarantino, Bastardi senza gloria), come personaggio femminile. E’ stata tanta la soddisfazione e la gioia che ancora non è riuscito a rendersi conto che tutto ciò che sta avvenendo sia vero, che effettivamente i produttori cinematografici sono intenzionati a realizzare un film e sono perfino d’accordo nella scelta dei due attori da lui proposti. Non ci sarà la possibilità, come ha detto lui, che venga calato un lenzuolo con su scritto “Scherzi a parte”. Come regista la scelta è caduta su Carlo Verdone per la capacità ed abilità che il regista/attore ha di amalgamare gli aspetti amari e dolci della vita. Come è proprio nel romanzo del nostro autore.

Alle domande di Catena Fiorello, che lo ha pungolato per strappargli qualche anticipazione sul nuovo romanzo, Diego ha risposto evasivamente dicendo solo che sarà la storia d’amore tra un australiano e una ragazza toscana ambientata in un paesino della campagna senese. Tutto il pubblico ha seguito e ha partecipato fino all’ultimo ridendo e applaudendo agli interventi.

VIDEO PRESENTAZIONE Al TG5

A cura di: Luca Magrini Cupido


 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 918-Diego Galdino - Mi arrivi come da un sogno - Booktrailer.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7