Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 19-08-2017 - 03:34:38
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Nuova pagina 1

La rubrica nasce dalla necessità di informare.
Attualità a cura di Melusina

Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
912 La bellezza femminile Attualità Luca Magrini Cupido 01/2014 Apre eventuale link con Articolo 912 già pubblicato
Testo Articolo

 

Ogni popolo e ogni epoca storica hanno avuto un modello ideale di bellezza che come è facile capire è mutato e muterà sempre in relazione alle necessità e alle mode. Ciò è documentato da fonti letterarie, artistiche e storiche, che hanno avuto come soggetto la figura femminile. Il modo di rappresentare la donna è cambiato, nel corso dei secoli, unitamente al variare delle vicende storiche, religiose, ecc.
L’ideale di bellezza femminile comprende le “veneri” preistoriche, portatrici di fecondità, l’etericità delle madonne medievali, esili ed asciutte, le forme procaci e vistose delle matrone romane, o delle donne barocche, quando l’opulenza dei corpi femminili corrispondeva alla ricchezza economica. Per lo stesso motivo i muscoli erano banditi dalle donne, perché sinonimo di lavoro e fatica.
Ma è nel 1900, che l’universo femminile, la sua condizione e il suo modo di essere è sottoposto a cambiamenti repentini e sconvolgimenti di portata storico-sociale. Nel ‘900 cadono tabù e pudori, il cinema e la televisione dettano legge, ad esempio la donna degli anni ’20 è magra, una garconne, niente curve, per nulla sensuale.
Negli anni ’30 il modello viene sostituito dalla donna fatale, elegantissima e raffinata.


Negli anni ‘40 e ‘50 la fisicità femminile raggiunge il livello di “maggiorata”. Con il famoso termine si fa riferimento a quelle donne tutte curve e procacità.

Negli anni ‘60 e ‘70 il corpo femminile si assottiglia …

E così di seguito, con una mortificante altalena, la donna si adatta a tutto.
Il corpo, una volta esile, poi morbido e procace, torna subito dopo, asciutto e androgino.
Dal 2000 in poi, la situazione sembra essersi aggravata, le donne sono oggetto di una violenza invisibile, ma tremenda, che può portare alla follia, o alla morte. Oggi gli stilisti e di conseguenza i media, impongono alle donne, soprattutto le giovani (fragili e insicure) un modello di femminilità impossibile, che genera una devastante frustrazione. Il divario creatosi tra il modello di donna pubblicizzato, osannato e voluto, fatto di perfezione, etericità e soprattutto di pelle ed ossa, non collima con il reale corpo femminile, la cui caratteristica sono le forme. Da molte parti giungono critiche e denunce, poiché socialmente il divario non è produttivo. L'anoressia, la bulimia e la morte sono in agguato e producono danni insanabili. La donna, in quanto tale, deve avere un corpo e una mente, soprattutto per non farsi trascinare in stereotipi sterili e nocivi.


Basta dare un'occhiata ai sondaggi! Magre, o morbide, filiformi, o rotonde… la più sexy e femminile risulta la diva del burlesque Dita Von Teese, il 69% degli uomini preferisce il suo corpo morbido e pieno di curve. Al secondo posto con il 63% c'è Monica Bellucci, che filiforme proprio non è!

 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 912-La donna e mobile Andrea Bocelli.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7