Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 28-07-2017 - 04:31:11
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Il Fondo - a cura della Redazione Nimue - Elisabetta Darsi - Melusina
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
89 LA STELLA INNAMORATA Articolo di fondo Occasionali 03/2006 Apre eventuale link con Articolo 89 già pubblicato
Testo Articolo

Questa è una storia vera. Una storia d’amore che si svolge nei cieli, raccontata per rasserenare il cuore di coloro che vivono d’amore. Questa è una storia d’amore autentico, una storia d’amore universale, come tante altre, del resto, con la diversità che essa si svolge nei cieli. Questa è la storia d’amore di una Stella di nome Halley e di un Sole. In una galassia, un po’ spostata dal centro della via Lattea, vive un Sole con la sua corte di pianeti. Questo Sole, che non è tanto diverso da molti altri Soli che splendono nell’Universo, e neanche tra i più fulgidi e neppure tanto giovane ma, quel che conta è che esso è un Sole.

Questo Sole è molto corteggiato dalle stelle comete, che sono numerosissime(si dice siano miliardi), le quali ambirebbero incontrarsi con lui. Ma questo nostro Sole, da molti anni galattici, cioè da sempre, ha una storia d’amore con una Stella Cometa(dal pianeta Terra denominata Halley), che n’è la prediletta. Questa è la storia d’amore di una meravigliosa creatura dell’Universo, creatura astrale, eterea, che ha un preciso sentimento: vivere unicamente per incontrare il Sole. Si tratta di una bellissima Stella Cometa, assai più intraprendente delle altre stelle come lei; essa s’adorna di una lunga, anzi lunghissima chioma luminosa, e da un lungo velo nuziale fatto di polvere di stelle, facendone, nel suo volare per i cielo, bella mostra, invitando a seguirla nell’appassionata corsa d’amore, verso l’amore. Questa misteriosa Stella Cometa proviene da molto, molto, molto lontano e, quando non viaggia per incontrare il Sole, vive in un silente castello di ghiaccio, in luogo segreto, ignoto a tutti. Pare che la creatura dalla lunga chioma sia molto giovane, rispetto al Sole suo amante e pare anche fosse stata lei a corteggiare il Sole, il quale cedette alla seduzione. Perché i legami d’amore celesti durano fino alla fine della vita delle stesse creature, perché è nell’ordine cosmico.

La meravigliosa creatura celeste, per raggiungere il Sole, ogni volta deve affrontare un lunghissimo viaggio, superando grandi difficoltà fra stelle rivali, pianeti, asteroidi, buchi neri. La storia d’amore della Cometa ha anche un risvolto triste. La creatura celeste dalla lunga chioma ha per sorte di non poter vivere accanto al suo innamorato. E questo è il destino di entrambi. Il Sole ha un preciso compito da svolgere in questo punto della galassia, dove il Padre Divino lo ha posto e dove la presenza della Cometa turberebbe l’ordine cosmico.

C’è poi da dire che la Stella Cometa, creatura dalla stravagante personalità, pur amando il suo Sole, non s’adatterebbe mai nel ristretto sistema in cui vive il Sole, al ruolo di secondo piano. E poi essa ama la libertà: che è volare negli spazi cosmici.

Questa sarebbe una storia d’amore di provincia e perciò molto chiacchierata. Forse al centro della via Lattea nessuno se ne occuperebbe. Ma, si sa, la magìa dell’amore fa prodigi, rendendo celebri gli amori di un piccolo Sole e di una semplice, ma bella e appariscente Stella Cometa. Questa storia d’amore è così tanto invidiata e chiacchierata, che il pianeta Terra accusa la Cometa dalla lunga chioma luminosa di disperdere cipria e profumo, da cui il pianeta Terra, temendo che il suo equilibrio ne sia turbato, sarebbe infastidito.

Dalla Terra si è giunti persino a progettare un attentato contro la Cometa. Ma nulla e nessuno potrà arrestare la Cometa Innamorata, che vola splendidamente sposa al Sole.

Il sistema planetario del Sole, assiste ad ogni arrivo della Stella Cometa(75 anni, circa, del tempo terrestre), con apprezzamenti sempre diversi, nei quali è palese il disagio, perché tutti i pianeti ambirebbero una vita avventurosa, come quella della Stella Cometa Halley.

Sì, maligna, sempre nel sistema planetario più vicino al Sole, che la Cometa insidi la pace, che essa sia, in realtà, un essere malefico, travestito da Cometa, il quale trasporterebbe i messaggi segreti di Plutone, minaccioso contro il Sole, per dover sempre restare ai margini del sistema, guardiano della soglia, pretendendo un ruolo più dominante.

Una giovane cometa, gelosa della bellezza della Stella Cometa amata dal Sole, ha messo in giro la voce che questa avrebbe un segreto di bellezza, che la rende eternamente bella e amata, fulgida di luce dai colori sempre diversi e attraenti; questo segreto, si dice, consisterebbe nel potere di rigenerarsi della Cometa nel grande amplesso col Sole.

Questa creatura celeste innamorata porta nel cuore un dolce messaggio per il Sole, che mai alcun’altra creatura dello spazio conoscerà. Il messaggio d’amore desta moltissima curiosità nell’ambito del sistema solare e soprattutto in uno dei pianeti maggiormente sottomessi e dipendenti al Sole, la Terra, la quale pare sia invidiosa di questo rapporto d’amore che il Sole ha da così lungo tempo con questa meravigliosa creatura, libera di volare negli spazi, amante del Sole, ma non costretta(come la Terra) al suo potere, essa può permettersi di presentarsi ad ogni incontro sempre agghindata con vesti e luce nuova.

Sul pianeta Terra questa storia d’amore desta anche pettegolezzi maligni: si accusa la Stella Cometa di comportamento scorretto, eccessivamente spettacolare, esibizionista; è chiaro che si tratta di invidia per la sua lunga chioma luminosa, l’incedere altero e le sue arti seduttive sul Sole. Fra le molte chiacchiere sulla storia d’amore del Sole con la fulgida Stella cometa dalla vita misteriosa, si sussurra che essa trasporti sull’ala della chioma esseri alieni al sistema solare, visitatori dalla Galassia, che approfitterebbero del correre veloce della Stella: non credeteci, sono pettegolezzi di provincia, gelosia della Terra, per non essere ancora riuscita a sapere chi è veramente la Cometa Halley.

Vi potrebbe capitare di sentire che la Cometa è fatta di polvere e di gas: non credeteci, questo lo fa credere il suo abito nuziale, dentro il quale vi è LEI, con il suo corpo astrale e la sua anima di luce. Lei mantiene questo aspetto, perché nella corsa verso il suo Sole, la lunga chioma e la veste si scompigliano e perché il Padre Divino l’ha creata così. Durante un viaggio della Stella innamorata, è capitato che alcuni Angeli, affascinati dalla sua bellezza, commossi dall’amore che essa portava nel cuore e attratti dal suo correre veloce per i cieli, si offrissero di accompagnarla. Erano Angeli, e per ciò esultavano di gioia per questa creatura celeste che stava per andare sposa al Sole. Ma poi accadde una cosa buffa: durante la corsa, gli Angeli non riuscirono a stare al volo della Cometa e quindi si smarrirono nello spazio. La Stella errante, una volta, durante uno dei suoi viaggi, ebbe un incontro imbarazzante: fu inseguita dall’Angelo delle Tenebre, il quale, essendo venuto a conoscenza, che la Cometa; essere di luce, aveva una storia d’amore col Sole, minacciò la creatura celeste di impedire il suo viaggio, pretendendo di farla sua sposa, perché l’Angelo delle Tenebre credeva, che nell’abbraccio con la bellissima Cometa, egli avrebbe potuto illuminarsi di luce.

Per la Stella innamorata, fu veramente un brutto momento. Essa temette di perdere il suo fulgore, le sue attrattive; come si sarebbe presentata al Sole, privata della luminosità? La Stella Cometa allora disse all’Angelo delle Tenebre, che lei era soltanto una piccola stella e tutta la sua luce era profusa dall’amore, perciò interrompendo il suo destino, essa si sarebbe spenta nel dolore, non potendo così dare all’insidioso Angelo delle Tenebre la luce che egli desiderava. La Stella Cometa convinse l’Angelo delle Tenebre, dicendo anche che il Padre Divino aveva disposto che le tenebre esistessero, come contrario della luce e se egli avesse trasgredito, ne avrebbe sofferto l’ordine cosmico e poi il Padre Divino si sarebbe molto adirato.

E fu così che l’Angelo delle Tenebre si dimostrò indulgente, lasciò volare libera per gli spazi la Stella innamorata.

IL GRANDE BACIO

Or dunque: allorché la Cometa innamorata giunge vicina al Sole, è attratta ad esso dalla sua forza magnetica e nel caldo vento solare la sua chioma si scompiglia. Apprestandosi all’amplesso d’amore, la Stella è presa da grande eccitamento e dispiega, come arcobaleno, lo stupendo velo nuziale. La Cometa si dilata per apparire al Sole più bella e imponente, come volesse competere con la sua forza. Il cuore della Stella è preso da grande tensione, essa sa che in questo incontro deve sacrificare una parte di sé, perché così è il volere del Cielo. Ecco: la Stella Cometa ha il contatto col Sole. Nel grande bacio si compie la fantastica fecondazione. Essa offre al Sole il suo velo di luce e nell’atto d’amore si annulla per risorgere. La luminosa Stella Cometa esce dall’incandescente abbraccio col sole leggera e felice, perché nel grande bacio vi è la scintilla della vita.

IL COMMIATO

E dopo il grande bacio la Stella innamorata si allontana dal Sole e s’appresta al ritorno. Anche se le creature dall’animo gentile si dispiacciono al momento degli addii, voi non dovete permettere che la malinconia scenda nel vostro cuore per la separazione della Stella Cometa dal suo amante Sole. No, voi non rattristatevi, perché se guarderete all’Universo sempre con ammirato stupore e con grande amore per il Padre Divino che l’ha creato, ogni stella del cielo potrà raccontarvi la sua storia d’amore: dovete solo porvi in ascolto con il cuore. E poi………nel 2061(tempo terrestre) rivedrete la radiosa Stella Cometa Halley, nuovamente bella e innamorata, che ritorna per il grande bacio col Sole Grande segreto avvolge il lungo viaggio della Cometa verso la sua lontana dimora, ove essa attende, con la saggezza delle creature celesti, il prossimo incontro d’amore.

Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7