Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 20-09-2017 - 04:02:47
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Perle d'Italia - Alla scoperta di piccoli ma incantevoli luoghi e città, da visitare. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
86 Ventotene Perle Italia Nimue 02/2006 Apre eventuale link con Articolo 86 già pubblicato
Testo Articolo

Ventotene, a metà della rotta che unisce Ponza ad Ischia è la più piccola isola abitata delle Pontine. Tranquilla, avvolta da un mare cristallino, offre al visitatore una vacanza a stretto contatto con la natura e presenta caratteristiche assai diverse da quelle dell’isola di Ponza. Di origine vulcanica nelle terre rossastre e brune, coperte da bassa vegetazione e da fichi d’india, meta di un turismo crescente, offre al primo impatto già l’inconfondibile sapore di "antichità".

Il promontorio dalla scarna ed inconfondibile massa tufacea, detto Punta Eolo (accenno al mitico dio del vento), al di sopra del quale sono sparsi i resti di un’imponente villa romana, cui la tradizione ha attribuito l’emblematico nome di "Villa Giulia", a ricordo della figlia dell’Imperatore Augusto che vi soggiornò in esilio.

Alcune eruzioni riconducibili a circa un milione e settecentomila anni fa (Villafranchiano antico), proiettarono fuori dal mare lave e materiali, che dettero vita, in breve, all’isola di Ventotene, che venne così a costituire la parte superiore di un cono vulcanico. Dopo la prima plasmatura, la definitiva realizzazione dell’isola, avvenne circa un milione e duecentomila anni fa, quando una nuova eruzione consoliderà la struttura dell’isolotto di S.Stefano. L’isola è lunga circa 3 km e larga, nel punto più esteso, meno di 800 m. La forma allungata ha un andamento NE-SO.

L’isolotto S. Stefano si trova a 1,5 km ad Est di Ventotene. In età antica Ventotene venne chiamata ora Pandaria, ora Pandotira. A partire dal Medioevo ci sarà la deformazione lessicale dell’originario nome, fino a giungere all’attuale "Ventotene", che molto probabilmente deriva dal termine "vento". L’isola sale alla ribalta della cronaca a partire dallo scorcio del I sec. a.C., con la sua designazione a luogo di esilio, per vita dissoluta, di esponenti della famiglia imperiale. In questo luogo si fondono due scenari meravigliosi: una terra dalle fragranze antiche, dall’aria dolcissima, dagli aironi e dai falchi pellegrini; un mare ricco di colori, di storia millenaria e di reperti che evocano le leggende in cui affondano le radici della nostra cultura.

A cura di: Nimue

Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7