Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 24-10-2017 - 04:05:38
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Perle d'Italia - Alla scoperta di piccoli ma incantevoli luoghi e città, da visitare. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
772 Cantalice Perle Italia Nimue 05/2011 Apre eventuale link con Articolo 772 già pubblicato
Testo Articolo

Appartiene alla provincia di Rieti e dista 14 chilometri dalla città. L‘origine del paese risale all’epoca tardo romana quando, in seguito a numerose invasioni da parte dei saraceni, le frazioni vicine a Cantalice (Rocca di Sopra, Rocca di Sotto e Rocchetta) si unirono per costituire un centro inattaccabile.
Il bel borgo medievale si trova arroccato su una collina prospiciente la piana Reatina, che domina con una vista mozzafiato fino ai Monti Sabini.
Il nome Cantalice deriva dalla contrazione di due termini, uno greco e l’altro latino, cata ed ilex (presso il leccio); si narra infatti che un leccio sia nato da una roccia bianca dietro la sagrestia della Madonna delle Grazie.
L’intero territorio è coperto di chiese, alcune celate negli angoli impensabili del centro storico, altre sono ai piedi del paese, o arroccate in vecchi agglomerati urbani.

Fra le opere più importanti, ricordiamo:
CHIESA DI S. FELICE
Il più bel tempio che possiamo vantare è dedicato al concittadino S. Felice. Il santuario dedicato all’umile cappuccino, caro alla devozione popolare.
La chiesa, situata in una delle migliori e più elevate posizioni del paese, è sorta sull’area in cui si trovava la casa del santo; non si conosce l’epoca precisa in cui iniziò la costruzione, che risale probabilmente alla metà del XVII secolo.
La pianta della chiesa è a croce latina, di impianto barocco; di notevole interesse all’interno sono la cupola, sulla quale sono rappresentati alcuni dei miracoli attribuiti al santo; la pala dell’altare maggiore raffigurante S. Felice con la Vergine Maria e Gesù Bambino e l’organo settecentesco. Vi è anche la statua di S.Felice, vestito con l’abito proprio dei Cappuccini, che viene portata in processione dai confratelli della confraternita, il giorno della festa del santo, il 18 maggio.



 

TORRE DEL CASSERO:
La piazza antistante la chiesa di S. Felice, dalla quale si può ammirare il suggestivo panorama offerto dalla pianura reatina e dai laghi, è dominata dalla Torre detta del Cassero, che fa parte dei resti di un antico castello medievale. Appena sotto si trovano i resti della chiesa di S. Andrea, la più antica del paese, di cui si conserva ancora la cella campanaria e parte dell’abside, con affreschi appena visibili.

MADONNA DELLA MISERICORDIA
Situata tra quella del Popolo e di S.Felice è la piccola chiesa della Misericordia, forse contemporanea, od almeno non molto posteriore al paese. La chiesa è sede della confraternita della Madonna della Misericordia, originariamente denominata “Compagnia della Buona Morte”. Al suo interno si conserva la statua della Madonna che vi è venerata, raffigurata anche in uno stupendo affresco dell’altare.



 

S. MARIA DEL POPOLO
Nel cuore del paese si trova questa che fu costruita per sancire l’unione delle antiche rocche che costituirono il Castello di Cantalice.
La facciata è abbellita da un maestoso portale su cui corre un’iscrizione latina recante la dedica a Maria; al suo interno si ammirano i monumenti funebri dei due più illustri concittadini: Giovan Battista Valentini, detto il “Cantalicio” e S. Felice Porri, patrono del paese.
L’altare maggiore è decorato da una pregevole tela del XVII sec. rappresentante “L’ultima cena”; al centro del soffitto, lo stemma del comune in basso rilievo ricorda ancora la fondazione di questa chiesa.
Accanto alla chiesa sorse il convento degli Eremitani di S. Agostino.

MADONNA DELLE GRAZIE
Antica chiesa parrocchiale, una delle più antiche del paese, sovrasta dall’alto di una rupe l’intero abitato. Conserva all’interno un’antica statua della Madonna, portata in processione il giorno della sua festa, che sarebbe stata trovata da un pastore in una grotta. Dietro la sagrestia sarebbe stato trovato l’elce nato su un sasso che avrebbe dato il nome al paese.
Accanto alla chiesa ha sede la confraternita che si occupa dell’organizzazione della festa in suo onore, celebrata la prima domenica dopo Pasqua.



 

MADONNA DELLA PACE
Una chiesa monumentale, dedicata alla Madonna della Pace, edificata nel 1571, in ricordo dell’ultima pace tra Cantalice e Rieti.
Recentemente restaurata, è interessante per il settecentesco soffitto a cassettoni e per gli affreschi, di particolare importanza un affresco raffigurante Cristo e Santa Giuliana e la tela settecentesca che rappresenta le “nozze mistiche” di S. Francesco.
In occasione del IV Centenario della morte di S. Felice da Cantalice (1989) nella piazzetta della chiesa, venne collocato un monumento in bronzo opera dello scultore Bernardino Morsani.





 

 

 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 772-COSI CELESTE-CHEB MAMI AND ZUCCHERO.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7