Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 20-09-2017 - 03:54:26
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Nuova pagina 1

La rubrica nasce dalla necessità di informare.
Offriamo ai nostri lettori uno spazio di comunicazione, una bussola per orientarsi all’interno del mondo dell’arte in tutte le sue espressioni dall’arte classica, alla tecnoarte. Visibilmente questa società “si sorveglia” come si dice di un regime alimentare, regolando in uno stupefacente carnevale l’eccessiva percezione di sensi, immagini, arti. Un totalitarismo dolce, suadente, che tutto pervade.
L’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica perde le sue caratteristiche di unicità per divenire ripetibile: tutto è spettacolo, esplosione di simboli e segni per sovrasignificare sul reale.
Al punto che si sono creati neologismo come Global-loc (globale-locale), shopentertainment, architainment (architettura che fa spettacolo) o japanimation. Davanti alla mistificazione consumistica della vita, l’artista risponde con il gioco-spettacolo dell’arte. Sarà un Cicerone d’eccezione, fedele all’obiettivo del cardinal Scipione di condividere con i propri ospiti i capolavori d’arte.
Intingendo il pennello della scrittura nell’intelletto, invitando il lettore alla fruizione ipermediale degli articoli che vi proporremo.

Luca Magrini Cupido
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
735 Lorenzo Lotto alle Scuderie del Quirinale ARTEFACTUM Luca Magrini Cupido 02/2011 Apre eventuale link con Articolo 735 già pubblicato
Testo Articolo

Una mostra mirabile ed intensa ancora una volta alle Scuderie Del Quirinale. L’esposizione romana è la più grande e completa mai dedicata al pittore ed è aperta fino al 12 giugno, infatti, possono essere ammirate le opere di Lorenzo Lotto, circa 60 da quelle devozionali a quelle profane, dalle grandi pale d’altare ai ritratti. Le opere esposte provengono dai musei di tutto il mondo, dal Louvre, dal Metropolitan, dalla National Gallery di Washington e anche dai musei di Berlino e di Ottawa.
La mostra prende in considerazione tutto il percorso artistico ed esistenziale del Lotto. Iniziato benissimo con grandi commissioni e lavori notevoli, nel 1506 i domenicani di Recanati gli commissionano un’ancona per la chiesa più importante della città, nel 1508 il Papa lo chiama per decorare alcune stanze del Vaticano, a Bergamo dal 1513 fu incaricato presso le più importanti famiglie patrizie.

 Ma per Lorenzo Lotto il periodo compreso tra la fine del ‘400 e la metà del ‘500 (periodo della sua grande operatività) era teatro di grandi geni con i quali dovette confrontarsi, con Raffaello a Roma e Tiziano a Venezia ed ebbe la peggio anche perché il suo non buon carattere ombroso e malinconico non gli consentì di continuare la lotta e lo portò ad abbandonare città come Roma e Venezia e a ritirarsi e a lavorare viaggiando tra Bergamo il Veneto e le Marche. Ai grandi committenti si sostituiscono i piccoli mercanti, le grandi città d’arte lasciano il posto ai piccoli centri, dando un colpo non lieve al suo carattere che diventa quasi ossessivo e lo porterà ad isolarsi da tutto e da tutti. La sua personalità influenzò la sua opera e il suo modo di esprimersi ciò lo porterà a provare metodi espressivi più inediti tanto che l’artista nato nel ‘400 è riuscito autonomamente a far coesistere elementi tradizionali della pittura rinascimentale con elementi che preannunciano l’arte pittorica barocca.

Lotto ci insegna a guardare l’intimo dell’uomo, con insoliti piani prospettici, bagliori di luce fredda e con la sua visione della natura misteriosa e inquietante, è il primo ''artista italiano sensibile ai mutevoli stati dell'animo umano” scriveva Bernard Berenson. Sgarbi afferma che Lotto è un ''pittore che io, insieme con Caravaggio, reputo del '900 non solo perché sono stati scoperti nel secolo scorso, ma anche per i contenuti''.
Tra le altre opere potrete ammirare “La deposizione” di Iesi, ”L’annunciazione” di Recanati con il gattino terrorizzato dalla comparsa dell’angelo, ” la castità mette in fuga Cupido e la lussuria” della collezione Pallavicini, il Polittico di San Domenico di Recanati che verrà restaurato in un cantiere installato nella mostra, e il ”ritratto di uomo con cappello di feltro” da Ottawa.



 

Dal 2 marzo al 12 giugno 2011
Scuderie del Quirinale, Via XXIV Maggio 16, Roma

 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 735-BACH Concerto for four harpsichords in A minor 13.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7