Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 11-12-2017 - 06:35:08
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione della rubrica a cura del redattore. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
696 Il fascino non ha età - Intervista a Giuliano Gemma Intervista Nimue 05/2010 Apre eventuale link con Articolo 696 già pubblicato
Testo Articolo

Parlare di Giuliano Gemma, in modo tradizionale, come si fa solitamente con attori del suo calibro, risulterebbe alquanto riduttivo, poiché gli stereotipi che si usano per descrivere un personaggio del cinema, sono sempre più, o meno, gli stessi. Giuliano è innanzitutto una persona speciale, che possiede la modestia, dote rara, che pochi grandi come lui hanno e la esternano nei rapporti con gli altri, creando quasi sempre un feeling particolare.

Molte sono le interviste che in tanti anni di carriera ha rilasciato alla stampa e alla televisione. Quindi, dal momento che i lettori possono trovare tutto su di lei, sia sui rotocalchi, che su internet, per non annoiarla, vorrei condurre questa conversazione, parlando sì di cinema, ma anche dell’uomo Giuliano Gemma.

Oggi, sia in Italia, che all’estero molti si definiscono attori, in realtà, quanti secondo lei lo sono veramente?
Parlando di quello che abbiamo in Italia, io credo che di attori ce ne sono, però mi limito a prendere in prestito una battuta che disse un famoso attore inglese:” L’Italia è un Paese di attori, ma è un peccato che siano i peggiori a calcare le scene. La battuta è divertente, anche se non la condivido al cento per cento.

Da spettatore, che rapporto ha con il cinema?
Il mio rapporto con il cinema è a 360°, mi piace vedere di tutto.

Che ricordo ha di Sergio Leone? Eravate amici?
Con Sergio eravamo molto amici, abbiamo fatto insieme vari viaggi, di vacanze, di lavoro, per festival e probabilmente ci poteva essere anche la possibilità di avere insieme un rapporto di lavoro, ma la cosa importante per me era comunque frequentarlo, ascoltarlo, perché era veramente simpatico e geniale. Personalmente è venuto a mancare un grande punto di riferimento della mia vita. Grazie ancora Sergio, per tutto quello che hai dato al cinema italiano e non solo.



 

Un pensiero per la triste scomparsa di Mario Monicelli?
Di Mario ho un ricordo stupendo, l’ho dichiarato alla stampa… e quel film bellissimo “Speriamo che sia femmina”, fu per me una grande occasione. Lascia una grande eredità e un grande cinema che può fare da scuola a tutti gli attori di oggi.

Sig. Gemma, la regia la tenta, oppure si diverte solo ad interpretare? Se lo Stato le avesse messo a disposizione i contributi, le sarebbe piaciuto intraprendere anche la carriera di regista cinematografico?
La possibile esperienza alla regia è una cosa che m’interessa molto. Quando avrò un’idea valida, cercherò di avere i contributi e la fiducia di tutti i componenti del cast tecnico e artistico.


Il luogo più suggestivo; quello che l’ha colpita maggiormente e che ha fatto da scenario ad uno dei suoi tanti film?
All’inizio degli anni ’80 ho girato un film con i francesi, una storia dove interpretavo il ruolo di un sergente della legione straniera. Il film era: “La legione saute sur Kolwezi”, la vicenda era ambientata in Africa, ma per ragioni politiche, abbiamo dovuto girare nella Guyana Francese; le note prigioni della Cayenna in Amazzonia. Ed ho un ricordo di un’esperienza veramente insolita ed interessante, per la bellezza della natura, che si può ammirare con molto spirito di adattamento.

C’è stato in passato e soprattutto nel periodo del suo esordio, un attore al quale si è ispirato?
Attori che ho ammirato ce ne sono stati diversi, senz’altro per primo Burt Lancaster, soprattutto per il tipo di cinema che mi era più congeniale. L’avventura dove era importante avere una buona preparazione atletica, ma un altro attore che ho sempre ammirato molto è Gianmaria Volonté, è stato un grande, sapeva modificare il suo aspetto fisico e psicologico, come pochi hanno saputo fare. Posso citare ruoli come: “Moro”, “Il caso Mattei”, “Lucky Luciano”…Ispirarsi ad altri?.. No, credo che un attore debba trovare una sua strada e seguire il proprio istinto.



 

Che rapporto ha con la fantascienza e cosa ne pensa dei tanti film attuali, che si basano maggiormente sugli effetti cinematografici?
Mi affascina, gli effetti speciali sono molto importanti, proprio perché parliamo di fantascienza. Film come “Blade Runner”, o “2001 Odissea nello spazio”, oppure i grandi effetti a disposizione per un film come “Titanic”, con risultati straordinari.

Se oggi avesse 20 anni e in tasca pochi spiccioli, rinuncerebbe all’Italia, per cercare fortuna all’estero, sempre come attore?
Avere 20 anni è una ricchezza da spendere in casa propria, in special modo quando si è italiani.



Lei ha lavorato con donne bellissime, se dovesse scegliere, oggi, con quale attrice giovane le piacerebbe recitare?
E’ imbarazzante dover fare una scelta. Ho avuto la fortuna di avere al mio fianco delle compagne di lavoro italiane e straniere, che sono state un vero simbolo della bellezza e mi hanno appagato al massimo, intendo professionalmente. Senza fare paragoni, ci sono oggi delle belle e brave attrici. Se dovessi fare una scelta opterei per Claudia Gerini, che ritengo bella e brava ed ha anche uno spiccato senso dell’ humor.

Sostiene che la donna non appartiene in realtà al sesso debole, tutt’altro… Qual è il suo concetto di femminilità?
Il saper stare vicino al proprio uomo, essere sua complice con la dolcezza che la donna innamorata sa esprimere.
 

Quanto conta la bellezza per un attore?
E’ un buon punto di partenza, ma non sempre può essere sufficiente, ci vogliono anche altri valori.

Ritiene che la scultura, oltre ad essere un’arte, è anche un efficace antidepressivo. La sua arte, nel corso degli anni, le ha regalato dei premi, dei riconoscimenti?
La scultura per me è una passione che coltivo da anni, ho fatto anche varie mostre, ho vinto qualche premio, ma la cosa più importante è avere sempre il tempo libero, impegnato da questa passione.



 

Ha realizzato diverse sculture, fra cui alcune con il nome delle stagioni… La sua stagione preferita?
Ogni stagione ha il suo fascino, comunque preferisco l’estate.
 

Che rapporto ha con il teatro?
Il teatro è formativo per il lavoro dell’attore. Per quanto mi riguarda in passato ho avuto diverse offerte, purtroppo non hanno mai coinciso con impegni già presi con il cinema, peccato!..




 

Che tipo di padre è lei?
Forse bisognerebbe fare questa domanda alle mie figlie. Credo di aver fatto del mio meglio, cercando di non essere un padre-padrone. Ho sempre avuto un buon rapporto con loro.

Giuliano Gemma e la gastronomia… Appartiene a quella categoria di uomini che sanno destreggiarsi bene anche in cucina?
Non sono un buon cuoco, ma, spesso essendo per lavoro fuori dall’Italia, ho alloggiato in appartamenti dotati di cucina e ho preparato soprattutto piatti per me e qualche volta anche per gli amici e questi primi piatti sono venuti abbastanza bene.



 

Un luogo dove le piacerebbe vivere?
Il lavoro mi ha portato in giro per il mondo. Conoscere altri Paesi mi ha “legato” ancora di più alla nostra bella Italia. Se dovessi fare una scelta, forse non mi dispiacerebbe la Spagna.

Si sente fortunato?
Sì, molto! Faccio un lavoro che mi piace, come hobby sono anche uno scultore, ho una bella famiglia, sono nonno… Che cosa posso chiedere di più dalla vita??



 

Un augurio per questo Natale 2010 ?..
Certo! Auguro a tutti tanta pace e serenità, in tempi così difficili, come quelli che stiamo vivendo, ne abbiamo veramente bisogno.

Concludo questa nostra intervista, ringraziandola per la cortesia e la disponibilità nei confronti miei e della redazione Il Settimo Senso news.
Grazie a voi e ancora tanti auguri di un Felice Natale e Buone Feste.








 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 696-Nicola Piovani - Speriamo Che Sia Femmina (1986).mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7