Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 29-04-2017 - 21:27:00
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione della rubrica a cura del redattore. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
693 A tu per tu con il bel tenebroso Intervista a Brando Giorgi Intervista Luca Magrini Cupido 05/2010 Apre eventuale link con Articolo 693 già pubblicato
Testo Articolo

Appena tornato dal set, il bel tenebroso Brando Giorgi, ci concede gentilmente questa veloce intervista...

Brando e la scelta fortemente voluta di non mantenere il vero nome in campo artistico, di Lelio Sanità di Toppi, peraltro di nobili origini... forse, proprio per questo, se ne deduce questo desiderio di semplicità... Di fatto, quali sono le cose semplici e genuine, che ami della vita?
Questa scelta non è dettata da un desiderio di semplicità, ma quando ho iniziato a fare l’attore avevo 24 anni, il nome Lelio era troppo serioso, Sanità di Toppi troppo lungo, a me piaceva Brando come nome e poi uscì Giorgi. Ora mi farei chiamare Lelio Sanità, se fossi abbastanza famoso da poterlo fare. Brando non è un omaggio a Marlon Brando, ma per me suonava bene questo nome. C’è chi mi chiama Brando, chi Lelio, per il momento va bene così.

Nasci artisticamente come modello delle griffe più importanti, come Dolce e Gabbana, poi debutti a teatro... Fra cinema, fiction e teatro, cosa preferisci?
Per Dolce e Gabbana non ho mai lavorato, l’hanno scritto, ma non è vero. Ho sfilato per Ferrè, Armani, Valentino e Soprani. Sono "nato" con Valentino, che rappresenta la moda mondiale e siamo entrambi di Roma. Di cinema non ne sto facendo in questo periodo, se dovessi scegliere, opterei per il cinema; sono molto amante della macchina da presa. In teatro mi piacerebbe portare un monologo dove si possa rappresentare l’interiorità, vediamo se per il 2012 ci riesco, è un progetto che sta nascendo in questi giorni... forse non ne avrei neanche dovuto parlare, è un mio sogno nel cassetto.



 

Che ricordi hai della tua prima fiction televisiva "Incantesimo 3"?
Ho un bellissimo ricordo, è stato il mio inizio, facevo la parte del cattivo. Ho lavorato con Luigi Maria Burruano ed ora sono sui set con lui, lo considero un grandissimo artista.

Hai avuto modo di lavorare e confrontarti con diversi attori. Con quale artista del passato ti piacerebbe recitare?
Mi piacerebbe lavorare con Carlo Verdone, Christian de Sica, Elio Germano, che adoro e diversi altri.

Fra i tanti impegni artistici che hai sostenuto, ricordiamo anche i videoclip per "Gente comune" e "Acqua di mare", che ti portarono alla lunga relazione sentimentale con la cantante Mietta. Oggi, sia te, che Mietta, entrambi genitori felici, ma legati a compagni diversi... come sono attualmente i vostri rapporti? Siete rimasti buoni amici?
Le faccio tanti auguri perché di recente è diventata mamma. Siamo rimasti in contatto, non ci sentiamo spesso, ma ognuno vuole il bene dell’altro, abbiamo preso strade diverse.

Malgrado lo smog, la vita frenetica, c'è ancora chi preferisce vivere in città, piuttosto che in luoghi più salubri. Che rapporto hai con la natura? Cosa riesce a trasmetterti un luogo dove si respira aria pura e silenzio?
Io ho la fortuna di potermi godere le Dolomiti tre mesi l’anno, perché Daniela, mia moglie, è di Bolzano. Il mio settimo senso che è una cosa fantastica, auguro al mondo di godere il contatto con la natura. Consiglio di staccare la spina dalla città, dalla vita frenetica, dallo smog, dai pensieri e dalla vita che oggi ci costringono a vivere, ma che anche vogliamo viverla, perché ci costringe a non pensare ed è una delle cose più brutte che l’essere umano possa fare. Viva la natura, viva il silenzio, viva il rapporto con tutto ciò che Dio ci ha dato!



 

Testimonial della DEBRA (www.debra.it), associazione che si occupa dei bambini affetti da epidermolisi, una malattia della pelle molto rara. Parlaci di questa tua importante iniziativa...
Io sono del parere che la malattia non è democratica. Purtroppo ci sono alcune malattie rare, che non hanno finanziamento per lo studio. Essere testimonial della Debra, mi ha data la possibilità d’incontrare i "bambini farfalla", affetti da questa patologia e mi ha aperto il cuore. Nel mio piccolo cerco di dare il mio contributo, anche un euro può essere un grande contributo.
Non dovrebbero esistere malattie rare, la cura dovrebbe essere democratica per tutti, è una doppia sfortuna per chi si ammala con una malattia rara. Questo ti rende diverso dagli altri, chi ha la possibilità di gestire denaro pubblico dovrebbe farlo al meglio, dovrebbe essere data a tutti la possibilità di curarsi, perché è un diritto umano di tutte le minoranze. E’ una cosa bruttissima quello che succede. Ho dato il mio contributo presenziando in molte manifestazioni, dando spazio alle iniziative sul mio sito e dedicandomi totalmente, quando possibile.


Cinema, tv e teatro, hai attraversato tutti i mezzi di comunicazione, quale ti sembra essere più efficace per esprimere la tua arte e la tua personalità?
Se dovessi fare il mio monologo, direi il teatro, è ovvio, perché mi rappresenta pienamente. Dico sempre che quello che noi trasmettiamo attraverso i personaggi, sono delle cose che abbiamo dentro, quindi alcune cose le diamo noi al personaggio e alcune cose il personaggio le trasmette a noi. Quando lavoro in progetti giusti mi sento rappresentato da tutti i mezzi di comunicazione artistica. Quando c’è la squadra giusta ci si esprime totalmente.



 

Quand’è che un attore può dire, “Ce l’ho fatta, sono un attore”?
Mai, dal momento che lo dici hai perso, ti arrendi. Io penso che nemmeno Robert De Niro, o Al Pacino, nemmeno Checov, o Strasberg, lo abbiano mai detto. Recitare è come vivere, è aprire una porta e dietro trovarne un’altra e un’altra ancora all’infinito. E’ un continuo sperimentare e sperimentarsi. Se il concetto è espresso materialmente, allora il senso cambia e si vede dai risultati economici.

Cosa ne pensi delle dichiarazioni di Elio Germano al festival di Cannes: «Siccome i nostri governanti rimproverano sempre i cineasti perché parlano male di questo Paese dedico questo premio all’Italia e agli italiani che fanno di tutto per rendere l’Italia migliore, nonostante la loro classe dirigente».
Io penso che è un attore affermato, ha espresso un suo pensiero e ha fatto bene. Ha fatto la cosa giusta al momento giusto. L’ha ritenuto opportuno ed è stata la scelta giusta.

Gli attori parlano sempre di “percorso”, tu quando ti trovi davanti a un personaggio da interpretare, come lo studi, come ti rapporti a lui? Pensi che ogni personaggio ti arricchisca e tiri fuori una parte di te?
Penso che ci sono lavori molto più facili e mestieri che non senti tuoi, dove fatichi di più. Il percorso che faccio è personale. Alcune volte il personaggio nasce da solo ed attorno ad una sola battuta costruisci tutta la personalità del personaggio. Ognuno cerca di fare il lavoro nella maniera più onesta possibile. Mi considero un onesto lavoratore e cerco di affrontare il lavoro nella maniera più veritiera possibile. Ogni attore ha il suo percorso e i suoi segreti.



 

Qual è stato il tuo rapporto con il cinema comico di Alessandro Benvenuti?
Lo amo, posso dire solamente grazie. Sono stato diretto da lui in una ficiton. E’ un grande, una persona di grande umiltà, con una ricchezza interiore da donare agli altri. E’ un gigante e siccome lui è più grande di me di stazza e noi grandi tendiamo ad avvolgere gli altri quando li abbracciamo, ogni volta che lo incontravo gli chiedevo di abbracciarmi, per farmi sentire un pò piccolo. Inizialmente mi prendeva per matto, poi ha capito il perché di questa richiesta.

Quali sono stati gli episodi più strani, più curiosi accaduti sui set?
Più strani e curiosi… Non è che ne siano avvenuti tantissimi. In teatro, un classico è quando dimentichi la battuta... Per esempio, in “Caterina e le sue figlie”, Sara mi ha tirato un ciondolo ferendomi sullo zigomo. In altre occasioni devi dare una botta in testa a qualcuno, invece che dargliela per finta gliela dai davvero e quella persona sviene, poi si ride fortunatamente, quando ci si accorge che non è accaduto nulla di grave. Una volta, per buttare giù una porta che doveva essere aperta, ho fatto venire giù tutta quanta la porta comprese le ante, una vera e propria comica alla “Scherzi a parte”.

Un’opera teatrale che vorresti interpretare?
Vorrei tirare fuori un monologo sui freni inibitori che ci imponiamo tutti. Non vorrei interpretare i soliti monologhi di Shakespeare e Pirandello. Se dovessi scegliere, preferirei il cinema.
“Un tram chiamato desiderio” è un’opera teatrale che avrei interpretato volentieri. E’ stato un progetto che, purtroppo, non è mai partito. C’è su internet il primo provino in cui Marlon Brando si presenta: “esperienze nessuna”… il provino è per lo spettacolo di Elia Kazan ed è fantastico, da guardare.



 

Qual è il ruolo che vorresti interpretare e cosa manca ancora nel tuo carnet?
Devo ammettere che ho fatto di tutto, particolarmente non il comico, perché non lo sono. Vorrei fare un dramma, perché i belli fanno sempre la parte dei figli di puttana, o dei tombeur de femmes e raramente si soffermano sulle cose, o vanno in profondità, quello mi piacerebbe farlo.

Se non avessi fatto l’attore, che lavoro ti sarebbe piaciuto fare nella vita?
Lo psicologo.


Ai ragazzi che sognano una carriera come la tua, cosa consigli di fare? Ci sono tappe e regole da rispettare?
Gassman nel suo libro: “Un grande avvenire dietro le spalle”, dice che non ci sono regole e questo spaventa un pò. Soprattutto oggi ci sono attori che lavorano e non dovrebbero lavorare e attori che non lavorano e sono bravissimi. Non vuole essere una polemica, è il periodo storico che ci impone questa disoccupazione. Bisogna armarsi di forza, passione e coraggio; è un mestiere complicato, fatto di alti e bassi. Quelli che lavorano sono pochi e migliaia sono fuori. Ci vuole una grande forza, grande coraggio e  pazienza, ci sono tanti no. Ci vuole anche una buona salute, spesso si girano in inverno delle situazioni estive e bisogna essere temprati nel fisico. Consiglio forza, coraggio e passione, di crederci sempre e di non mollare mai.

Grazie Brando per averci concesso questa interessante intervista.

Grazie a voi! Auguro tanto amore a tutti.
 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 693-Pink Floyd Pulse Tour Great Gig in the Sky.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7