Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 22-07-2017 - 16:43:34
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione della rubrica a cura del redattore. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
665 Seba il poeta della musica Intervista Intervista Luca Magrini Cupido 03/2010 Apre eventuale link con Articolo 665 già pubblicato
Testo Articolo

Oggi siamo in compagnia di Seba, pseudonimo di Sebastiano Barbagallo, giovane cantautore siciliano, poeta musicale dei giorni nostri...

Seba, quando inizia la tua carriera?

Io sono un autodidatta, ho studiato poco la musica ma ho suonato molto, è tutto frutto di un’esperienza fatta sul campo. Ho iniziato la mia carriera molto presto, intorno ai 14 anni cominciai a suonare la chitarra , mi piaceva un genere molto particolare, il rockabilly, poi ho formato varie band fino ad arrivare all’attuale assetto: Seba come cantautore, proponendo quello che è il mio mondo.
 

Come definiresti la tua musica?

Io ho sempre evitato le classificazioni e le connotazioni musicali, perché per fortuna siamo tutti contaminati da mille cose che succedono intorno a noi e mi sembrerebbe riduttivo etichettare, o inglobare il mio genere in qualcosa di precostituito, sempre di più band e cantanti che appartengono a generi ben definiti si svincolano da questi stereotipi. Quindi non ti so dire bene che genere io faccia, spero di fare il mio, quello di Seba. Seba è contaminato da diversi ascolti, da diversi generi, che provengono da una vita di sensazioni, ascolti e prove. La mia formazione comprende tutta la musica che mi ha provocato e regalato sensazioni, parte dalla New wave inglese anni ’80, arriva a cose più cantautorali vicine al mondo di Battiato e Paolo Conte.


 

Sei siciliano, terra al centro del mediterraneo, quali sono le contaminazioni che ha subito la tua musica?

Catania è stata molto contaminata dal punto di vista rock perché è vicina alla base americana di Sigonella e c’è stato sempre uno scambio con la musica americana. Catania è la città più rock, etnica e indie della Sicilia. E’ un mix tra tutti questi generi musicali.

I tuoi autori preferiti, quelli che sono stati in qualche modo il tuo punto di riferimento…
I miei autori preferiti sono: Battiato, Gli Smiths, Jesus and Mary Chain, My Bloody Valentine, ma anche Fossati. Tra gli italiani, Battiato rappresenta un punto di riferimento che è stato sempre libero da connotazioni musicali pur avendo diverse influenze secondo quello che faceva. Io credo di percorrere un mio itinerario pensando di poter essere libero da preconcetti musicali e commerciali.


 

Cosa ne pensi del rock?

Il rock è una bella espressione musicale che deve essere contestualizzata e si esprime nella sua pienezza nel momento esatto in cui qualcosa è detto con più forza. Non ritengo che il rock sia solo una bella chitarra distorta, è un pensiero che può essere associabile anche alla musica classica. Il rock deve essere qualcosa che fa parte del bagaglio delle note di tutti i musicisti.


Quanto è stata importante la musica classica nella tua carriera?
La musica classica rappresenta un punto di partenza e di arrivo. Mi piace la musica di Satie e di Rachmaninoff, autori che entrano con lo spirito nella composizione.
 

In quali momenti della giornata trovi ispirazione?
Questa è una domanda alla quale non vorrei rispondere, perché quando si fa musica per vocazione, non c’è un momento preciso nel quale ci si siede e s’inizia a suonare. Per me è importante tutto ciò che suscita il mio interesse e ciò che mi circonda, generalmente, è oggetto di un mio interesse musicale.


 

Con quale artista vorresti collaborare?
Vorrei collaborare con molti gruppi degli anni ‘80 che ora non ci sono più e con tutti i gruppi che ti ho nominato vorrei avere qualche tipo di scambio.
Con chi hai collaborato? Ho iniziato con i dischi e con le produzioni degli Stadio. Ho collaborato con Irene Grandi e continuo a collaborare con Niccolò’ Fragile. Io penso che si debbano avere rapporti artistici e di lavoro con chi è in sintonia con il tuo modo di vedere la musica. Quello che ho fatto finora mi è servito per la mia crescita musicale e spero di essere servito a chi ha collaborato con me.

 

Per Seba, dove sta andando oggi la musica leggera italiana?

Da nessuna parte. Fin quando ci sarà una preclusione da parte dei mezzi d’informazione, influenzata da motivazioni commerciali, che nulla hanno a che fare con la musica, essa non andrà da nessuna parte. Per fortuna ci sono mezzi potenti e capillari come il web, che veicolano le nuove proposte. Anche se io non sono una nuova proposta, perché dal 2006 esisto dal punto di vista discografico. Però è importante che i mezzi d’informazione comincino a interessarsi di ciò che fa cultura in Italia.
 

Secondo te la musica può avere un valore sociale?

Tutto quello che è lontano dalla banalità può avere un valore sociale, a prescindere dal messaggio. La buona musica ha un valore sociale, perché allontana la gente da pensieri banali, influenzabili e consente la formazione di un pensiero proprio. Ci sono diversi modi e sistemi per essere impegnato nel sociale, non bisogna necessariamente andare in Africa. Io cerco di fare le cose per la gente, mettendo in relazione la mia espressione con ciò che immagino la gente voglia sentire da me.

Qualche segreto intrigante che si cela dietro i tuoi brani?
Lascio sempre all’interpretazione quello che io dico con le mie canzoni. Ogni tipo di discorso, di frase e di conversazione comunque conserva tra le righe dei messaggi, che camminano attraverso le parole.


 

Quanta della tua musica è improvvisata?
Quasi tutta. E’ tutto molto istintivo, pur avendo una base di ragionamento molto importante.
Quali sono le cose più importanti della tua vita, oltre la musica?
La mia famiglia, è splendida, la proteggo e la conservo sempre dentro il cuore.

 

Quali i tuoi prossimi impegni?

Sono molto contento per l’uscita del mio nuovo singolo, con il mio nuovo lavoro insieme a Niccolò Fragile. Non posso dire il nome dell’album, ci sono in ballo due, o tre titoli, non sarebbe corretto menzionarli, posso dire che sarà molto energico. Farò tour in tutta Italia, appoggiandomi alle radio.

Sebastiano, grazie per averci regalato un pò del tuo tempo.

Grazie a voi.

 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 665-Seba Domenica destate.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7