Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 23-08-2017 - 06:04:12
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione della rubrica a cura del redattore. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
648 Oltre l'orizzonte intervista ad Antonello De Sanctis Intervista Nimue 02/2010 Apre eventuale link con Articolo 648 già pubblicato
Testo Articolo

 

Da Padre Davvero, brano che suscitò all’epoca molte polemiche, scritto per l’indimenticabile Mia Martini, ad Anima Mia, per il leggendario gruppo dei Cugini di Campagna, fino a giungere alle più recenti collaborazioni artistiche con personaggi del panorama musicale italiano, come Mietta e Nek…

Antonello De Sanctis, da famoso paroliere, a scrittore. Hai pubblicato il libro: “Non ho mai scritto per Celentano” e a breve vedrà la luce il tuo nuovo romanzo: “Oltre l’orizzonte”… parlaci un po’ di questo ultimo lavoro letterario.
“Oltre l’orizzonte” uscirà a maggio. E’ una grande, estrema storia d’amore che non anticipo per consentire ai lettori di entrare pian piano nelle pagine. Mi piace però trasferire qui un piccolo passaggio per dare il senso della tenerezza che, nel mio scrivere, il petto ha dettato alle mani:
“Per un bambino la madre è quella che lo sveglia la mattina con un sorriso e lo affida alla notte raccontandogli una favola, è quella che lo cura se ha la tosse e gli scompiglia i capelli quando è triste.
Per un bambino la madre è per sfogarsi, protestare e andarsene in un’altra stanza con la certezza che potrà sempre tornare da lei. La madre è spegnere gli sguardi su sguardi conosciuti, è essere rimproverato e poi abbracciato perché non è successo niente, è un petto per poggiarci la testa ed essere felici.
Per un bambino la madre è quella che c’è…”
Aggiungo soltanto che, anche in considerazione dell’argomento trattato, devolverò parte dei miei proventi alla ricerca per il cancro gettando così un ponte solido tra le mie emozioni e il grande giardino della solidarietà.



 

C’è un filo conduttore in ciò che scrivi, che rimanda a qualche poeta, o scrittore famoso?
Amo Hemingway, Bukowsky, Prevert, Neruda, ma il mio scrivere è figlio di una sola, grande madre: la mia vita.

Tu nasci a Roma, ma hai vissuto molto a Rieti (dove, ironia della sorte, attualmente ora vivo anch’io) con i tuoi nonni, che ricordi hai di quegli anni?
Ho un’affezione totale per quella città. Non riesco a dimenticare l’odore delle stradine e delle case vecchie, ma quello che più mi è rimasto dentro è lo scorrere incessante del Velino che guardavo dal terrazzo della mia casa in Via Crispolti imparando la forza pacata, la seduzione e la lealtà del fiume.

Gianni Morandi, Alex Britti, Raffaella Carrà, Rino Gaetano… eppure, so per certo, che c’è stata senza dubbio una grande artista che ti è rimasta nel cuore, mi riferisco a Mia Martini. L’incontro con Mimì e i ricordi più belli che ti legano a questa fantastica interprete?
Quando scrissi “Padre davvero”, non conoscevo ancora Mimì. C’incontrammo negli studi dell’allora Rca ed entrammo subito in una sintonia che sarebbe rimasta intatta nel tempo, anche se avremmo intrapreso percorsi diversi. Dopo oltre vent’anni le nostre strade s’incrociarono ancora e lei cantò, da grande qual era, “Col tempo imparerò”, un mio brano che sarebbe uscito postumo. Era un testo molto introspettivo dove non c’erano tracce della rabbia che aveva ispirato “Padre davvero”, testimoniava invece un mondo più maturo nel quale lei s’immerse ritrovando le stesse lunghezze d'onda dei nostri inizi. L’allontanarci non aveva spezzato il filo di un’affinità che aveva del magico.

Come nasce l’ispirazione per scrivere un pezzo capace di giungere al cuore della gente?
Per quello che mi riguarda, tutto scaturisce dalla voglia di scavarmi dentro e dalla spudoratezza di raccontarmi senza schermi o difese.
Il darmi incondizionatamente è un tacito patto che ho stretto con me stesso, non faccio uso di particolari tecniche nell’elaborare un testo e questo la gente lo percepisce, credo. Ecco, mi guidano ancora i valori che mi ha insegnato il fiume.


Negli anni ottanta getti via la penna e diventi educatore in un carcere minorile. Come mai quest’improvviso cambio di rotta? Cosa succede?
Negli anni ‘70 ho avuto molto dalle canzoni in termini di soldi, successo, consensi.
Ho faticato a ottenerli, e non poco, perché sono sempre stato fuori dal coro, ma il prezzo più grande che ho dovuto pagare al sistema è stato il perdere di vista me stesso perché quel mondo ti fagocita, ti toglie il respiro. Stare in mezzo ai problemi di quei ragazzi mi ha invece aiutato a recuperare la giusta dimensione delle cose. Ho cercato di trasferire loro, in cambio, il rispetto per la libertà e per se stessi che quelle mura gli stavano togliendo di mano giorno dopo giorno.


Nel tuo sito web, www.antonellodesanctis.com, nella sezione: “Quelli che ho sfiorato”, compaiono alcuni nomi di artisti famosi. Ci puoi spiegare meglio di cosa si tratta?
“Ci sono artisti con i quali ho avuto modo di collaborare, cantanti della vecchia e della nuova generazione, le cui carriere ho solo rasentato mentre mi sarebbe piaciuto avere con loro un rapporto più profondo non solo perché ne apprezzavo il talento, ma anche per affinità caratteriale e consonanze…” scrivo in quella sezione del mio sito.
Ed è così. Gli interpreti che menziono in quel luogo li percepivo a pelle e mi sarebbe piaciuto condividere con loro un progetto ad ampio respiro. Peccato, avremmo fatto grandi cose insieme.


Tornando al libro: “Non ho mai scritto per Celentano”, perché proprio Adriano, pur essendo un grande artista? Voglio dire, di grandi ce ne sono tanti, perché l’hai intitolato al “molleggiato”?
Chi scrive testi è abituato a seguire l’eufonia delle parole. Amo particolarmente i suoni che evocano la natura, le stagioni, la pioggia, il battito del cuore… Adriano Celentano, oltre a essere un’icona dello spettacolo, ha un nome rassicurante che sa di mare calmo, un nome che vibra bene.

Un interprete con il quale ti sarebbe piaciuto avere un sodalizio artistico?
Bisognerebbe trasferirsi all’estero: Sinatra, Elvis, Leo Ferrè, Aznavour, ad esempio. Per restare in Italia invece, le mie preferenze vanno a De Andrè, Vasco, De Gregori. Artisti insomma che hanno cose da dire e che le dicono bene, cavolo se le dicono bene!

Nel 2008 è stato pubblicato il libro di successo “ Io di più, di più, di più”, di tua figlia Valentina…come dire… la figlia che segue le orme del padre, magari anche come paroliere?
Fortunatamente quest’anno Valentina è impegnata con la licenza liceale e ha provvisoriamente lasciato da parte la penna. E’ talmente brava che stava costringendo il padre a seguire le orme della figlia, altroché. Testi per il momento non pensa di scriverne. E meno male, farebbe di me un disoccupato, mi sa.



In futuro pensi di continuare a scrivere testi per altri interpreti?
Il lavoro di paroliere non me lo vado a cercare ma se mi cerca lui, mi trova.
Vero è che sono impegnato a seguire la diffusione di “Oltre l’orizzonte”. Lo affiderò al respiro lungo del web che, sono certo, saprà rispondere alle mie aspettative. E’ questa la sfida alla quale tengo di più in questo momento.

Antonello, il nostro incontro termina qui. Grazie per avermi concesso questa piacevole intervista e in “bocca al lupo” per l’uscita del tuo nuovo libro.
Grazie a te.


 

 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 648-Nek-LasciaCheIoSia.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7