Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 17-10-2017 - 13:31:19
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Nuova pagina 1

La rubrica nasce dalla necessità di informare.
Attualità a cura di Melusina

Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
634 Il cinema italiano in lutto per Nini Grassia Attualità Nimue 01/2010 Apre eventuale link con Articolo 634 già pubblicato
Testo Articolo

 

Il mio primo e purtroppo ultimo incontro con Ninì Grassia, risale a circa due anni fa, quando ci presentò un amico comune, presso il suo studio di Roma. Ninì non era solito rilasciare interviste e quasi sicuramente, la mia fu una delle sue ultime. Era abbastanza schivo, non amava il gossip, ma preferiva applicarsi con dedizione solo ed esclusivamente al suo lavoro di regista. Non amava quella pubblicità e mondanità che appartiene spesso a molti personaggi del settore, preferiva circondarsi di pochi amici fidati, quelli di sempre, come Nino D'Angelo, o Gigi D'Alessio.
Ricordo che mi accolse con quella solarità tipica dei partenopei, con la semplicità di sapersi raccontare attraverso un linguaggio familiare, capace di creare quella complicità di chi si conosce da sempre. Personalmente conservo un bel ricordo, di colui che avrebbe avuto ancora molte cose da raccontare e da rivendicare e avrebbe voluto farlo, attraverso l'ultimo film che avrebbe dovuto girare lo scorso ottobre; un film basato sulla morte di Petru Birladeanu, il romeno ucciso dai proiettili di alcuni camorristi alla funicolare di Montesanto, nell’indifferenza generale.

Un episodio che aveva molto colpito il regista, che nell’occasione riservò parole dure nei confronti della sua città, da sempre rappresentata, nel suo cinema, come la Napoli canterina e sentimentale: “Parlerò della nostra città abbrutita – disse Grassia – dove si spara all’impazzata e si perde ogni forma di carità cristiana. Napoli deve smetterla di essere inattaccabile. E con questo lavoro voglio svuotare le coscienze di molti. E sono sicuro che ce la farò”. Un annuncio e , al contempo, una promessa che non potrà avere seguito, ma che resta, nel contesto generale della sua cinematografia.
Ninì si spegne all’età di 65 anni, per un arresto cardiaco, in seguito al ricovero per cirrosi epatica, in clinica romana. Ha diretto 41 film, 43 spot pubblicitari e 67 documentari. Grassia era noto nell'ambiente dello spettacolo, soprattutto per avere lanciato molti attori della commedia e nomi celebri del panorama musicale italiano: è il caso di Gigi D'Alessio, protagonista in "Annaré" e "Cient'anne" e Nino D'Angelo al suo debutto cinematografico in Celebrità. Con Nino D'Angelo, Grassia ha girato cinque film.


Nino D'Angelo lo ricorda così:
« Ricordo ancora quando venne a vedermi in teatro e si convinse che poteva girare un film con me protagonista. Era il periodo del terremoto in Irpinia e Ninì era stupito dalle mie capacità, perchè riempivo i teatri, unico artista a fare spettacoli a Napoli in un momento in cui la gente aveva paura di chiudersi in locali affollati, per il timore di nuove scosse. Gli dissi che ero un'artista anti-sisma, lo faceva ridere quella definizione! Ho avuto per lui sempre grande rispetto, era una persona di altri tempi tempi e di altri valori, anche artistici». «Con lui - dice ancora D'Angelo - ho fatto 5 film ( tra cui, 'Lo Studente' ). Anche se non ci sentivamo da qualche mese, per via dei miei impegni, in 30 anni non ci siamo mai persi di vista. E ogni volta - conclude - era un grande piacere».



Di seguito allego il link dell'intervista rilasciata in esclusiva al Settimo Senso news
| VIEW |

 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 634-senza giacca e cravatta.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7