Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 22-10-2017 - 19:22:50
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Rubrica a cura della Redazione Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
624 Amore straniero 6 parte Grandi Amori Occasionali 01/2010 Apre eventuale link con Articolo 624 già pubblicato
Testo Articolo

Notte fonda, nera come la pece, come i fondi di caffè avanzati da giorni. Mi sveglio di soprassalto, strano per me, che ronfo sempre come un ghiro. Delle lucine brillano dappertutto, sul pavimento, sotto il soffitto, nei vetri sporchi della finestra, sembrano codette, di vari colori, si mescolano e giocano fra loro assumendo forme strane. Chiudo gli occhi, ci sono ancora, allora sono nella mia testa, l’atmosfera è tesa, sta succedendo qualcosa, ma non so ancora cosa. Arriva in punta di piedi, la faccia è seria, apro gli occhi e svanisce dolcemente vaporizzandosi nell’aria della stanza. Li chiudo ancora, voglio rivederla, eccola.
-“Ti amo… ti amo… tu mi ai dato tanto…. Guarda la mia bocca è assetata di te, mio amore….”.

Un vortice di immagini mi prende la testa, mi fa vacillare, quasi cado, poi scende vorticando su se stesso avvolgendo il torace, poi giù ancora alle viscere, a quel punto la voglia di lei si fa insopportabile. Lei è dolce, ora sorride, mi porge la sua mano delicata.
-“Ti amo… ti amo…, tu sei tutto per me…. Mi piaci perché sei l’assurdo nell’imposibile…. Tu sei come un vortice di sole…. Ti amo… ti amo….”
Il desiderio sale sempre di più, è un bisogno atavico di lei, il suo profumo m’inonda, la stanza s'impregna di lei. E' nel lavandino, nello specchio, riflessa nei vetri, nei campi incolti fuori nella notte.
-“Immensamente, immensamente tu…”. Arriva un sottofondo di una canzone di Umberto Tozzi, mentre lei mi si offre, con la mano tesa, sorridente, bellissima come sempre, dolce e terribile allo stesso tempo, è la mia eroina, la mia sniffata di cocaina, è l’assurdo della vita, la stupidità della morte, è tutto quello che non avevo capito della vita.

E’ una marea che arriva, travolge tutto, aspira tutto e se ne va. Ma in quel momento non ragiono, le prendo la mano, la porto alla bocca per baciarla, lei ride, alza il mento, mi offre la bocca stregandomi con i suoi occhi neri, intensi, misteriosi, quando le labbra si toccano, quando le lingue si cercano. Ecco l’assurdità dell’oblìo, scompare tutto svanendo nell’oceano della dolcezza infinita, sto soffocando senza respirare, lei se ne accorge, vede le lacrime che sgorgano dagli occhi come briciole di felicità, si stacca:
-"Roberto non fare cosi, io sono reale, non c’è da piangere, sono venuta da te, perché avevi bisogno di me, amore mio".
Non so dire nulla, ho solo bisogno dei suoi baci, dell’aria di lei, per non morire soffocato dalle lucette, dal suo dolce veleno, dalla marea di dolcezza.
Dolcemente si spoglia, non me ne rendo conto, me la ritrovo fra le braccia, mentre mi bacia dolcemente dappertutto.

Ci ritroviamo nel mio letto ancora caldo di me. Non sono più qui, non esisto più sul pianeta terra, è il mio fantasma che ricambia i baci lungo tutto il suo corpo, partendo dai piedi, fino ai capelli, ogni tratto devo fermarmi per baciarle la bocca, per respirare, ormai respiro solo di lei, è lei la mia aria, la riserva di vita che mi mantiene ancora vivo, quando se ne andrà... non so immaginarlo, come si immagina la fine della vita? Il desiderio si fa impossibile, il confine del piacere si sovrappone al dolore delle sue unghie sulla pelle, l’estasi è incommensurabile, mentre il suo piede nudo mi schiaccia la bocca, mi toglie il respiro, mentre mi masturba le labbra con le dita. E’ cosi dolce "morire"…
A duemila chilometri di distanza, nella cittadina di Beius, la ragazza stava china sull’ampolla che eruttava un fumo bianco voluttuoso. I capelli scompigliati, le mani indaffarate a prendere un pò di questo, un pò di quello, un pizzico di polverina, un insieme di ingredienti da comporre nel contenitore sopra alla fiammella del gas.

Gliel’aveva insegnata la nonna, all’insaputa di sua madre, l’arte degli incantesimi d’amore. Per la verità Adriana non ne aveva mai avuto bisogno di ricorrere a certi mezzi per avere un uomo. Sì, ci aveva provato in quella tenera età, dove si prova tutto per misurarsi, per affermarsi in qualche modo nel mondo. Le due cavie, due ragazzotti della sua classe, erano mezzi impazziti d’amore per lei. Quando il secondo sfiorò il suicidò buttandosi nel Hirsova, Adriana si spaventò e decise di non usare più le vecchie magie di sua nonna, sua madre in fondo aveva ragione a tenerla all’oscuro da certi poteri, che avevano ereditato nel DNA.
Era soddisfatta di sé, dopo tanti anni la magia funzionava ancora, l’uomo era cotto di lei e poteva godersi il momento magico.

Socchiuse gli occhi, la bocca ansimante mentre l’uomo si muoveva in lei, quando raggiunse l’orgasmo. I capelli le scendevano lungo il viso appiccicandosi alla pelle sudata, una ciocca fine entrava nell’angolo della bocca sfiorando l’umido di lei.
Domani è un altro giorno, doveva andare a trovare i suoi figli, poi pensare al viaggio di ritorno in Italia, dove aveva, come si dice, “affari”.
La vacanza nella sua terra di Romania stava terminando.

(Per gentile concessione di Roberto Ferrari)



Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 624-Umberto Tozzi - 11 - Immensamente.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7