Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 24-10-2017 - 13:13:43
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
608 Roma vista con gli occhi di Davide Siddi Luca Magrini Cupido 07/2009 Apre eventuale link con Articolo 608 già pubblicato
Testo Articolo

Oggi sono in compagnia di un giovane artista emergente, stella nascente nel firmamento artistico, il suo nome è Davide Siddi. Giovanissimo, il più giovane tra gli artisti della mostra, giunge dalla Sardegna con i suoi occhi nerissimi ed intensi, con un sorriso bianchissimo, aperto, che comunica la soddisfazione di essere a Roma ed esporre le sue opere, in uno scenario molto caratteristico, il museo degli strumenti musicali, una costruzione architettonicamente interessante, sita a due passi dalla basilica di Santa Croce in Gerusalemme e da quell’enorme crocevia, oggi come ieri, che è Porta Maggiore. Le sue opere sapientemente disposte rappresentano paesaggi capitolini, cupole ....
Ecco a voi l’intervista che volentieri e con grande disponibilità ha voluto rilasciare.


CIAO, DAVIDE E GRAZIE PER AVERMI CONCESSO QUEST’INTERVISTA.
PER COMINCIARE VOLEVO CHIEDERTI: QUANDO HAI SCOPERTO CHE DIPINGERE ERA LA TUA PASSIONE?
Un pò da sempre, da quando ero piccolino, dalle elementari, alle medie e così via, poi con il liceo classico ho dovuto abbandonare tutto per cinque anni; ho ripreso a tempo pieno una volta diplomato e poi è arrivata la prima mostra che è andata bene, in seguito ne ho allestito un’altra che è andata meglio e adesso sono qui al museo degli strumenti musicali con la mostra ’’ artisti a confronto ‘’ E’ un’emozione e una possibilità per me molto grande, venire da fuori ed essere il più giovane tra gli artisti espositori, è emozionante. E’ andata sempre in crescendo, speriamo continui.

QUALI SONO STATE LE TUE PRIME ESPERIENZE PITTORICHE?
Alle scuole medie ho iniziato a conoscere l’abc di storia dell’arte e disegno, ho partecipato ad un concorso alle medie comunali vincendo il primo premio, poi da lì il mio interesse è continuato solo in modo teorico al liceo classico. I miei parenti conservano i dipinti che realizzavo da bambino, anche se io non ricordo granché. Nell’ultimo anno del liceo circa quattro anni fa, ho iniziato a dipingere, scegliendo questo come lavoro.

IL TUO STILE PUO’ ESSERE AVVICINATO A …..?
Io realizzo dipinti nello stile figurativo classico. Il mio tentativo è quello di avvicinarmi al Rinascimento, il mio pittore preferito è Caravaggio, un giorno vorrei dipingere come lui, c’è ancora un bel pò di strada da fare.



HO VISTO UN TUO AUTORITRATTO DOVE UTILIZZI LA TECNICA DEL COLLAGE…
Il collage è sempre figurativo come impatto, ma un figurativo che cerca di riprendere un concetto intellettuale, in questo caso la comunicazione utilizzata dai mass media per fare informazione vera, o falsa. L’artista s’inserisce all’interno di quest’ambito come interprete della società in cui vive. I vari frammenti sono frammenti di società, che nel collage compongono l’unitarietà del mio autoritratto da artista.

QUALE MOMENTO ARTISTICO SENTI APPARTENERTI DI PIU’?
Sicuramente il Rinascimento, i suoi protagonisti non erano solo dei semplici pittori, ma degli intellettuali, ora l’arte è entrata nell’epoca del business ed è spesso vuota di contenuti, a differenza del Rinascimento. Nel contemporaneo c’è molta attenzione al sociale, anche se spesso ciò è dettato da una moda.
 

SE FOSSI UN MECENATE, QUALE ARTE SOSTERRESTI?
La pittura e mi ripeto, il periodo dal Rinascimento fino al 1600, tutto quel periodo che va da Raffaello al Barocco, se avessi i soldi comprerei tutti questi quadri per allestire una galleria personale.

DOSTOIEVSKIJ AFFERMA CHE LA BELLEZZA SALVERA’ IL MONDO. COS’E’ PER TE LA BELLEZZA?
E’ un concetto abbastanza difficile da esprimere. La bellezza per la pittura penso sia ciò che riesce a comunicarci un’idea di serenità e di benessere, è un concetto relativo per ognuno di noi, per me bello può essere un quadro di Caravaggio e per altri uno di Kandinsky, che può trasmettere la stessa emozione.

QUALI SONO I TUOI SOGGETTI PREFERITI?
I paesaggi, privi di persone; nel paesaggio urbano c’è l’anima delle persone che lo abitano. Tra i quadri esposti nella mostra “Artisti a confronto” ci sono dei paesaggi di Roma, ritratti dall’alto. Ho immaginato ciò che vedono i romani del centro dalle loro abitazioni. Amo i paesaggi in generale ed ho scelto di esporre qui a Roma proprio i miei paesaggi romani, per dare un metro di giudizio per chi viene a vedere i miei quadri, per poter fare un paragone con la realtà, giudicare se un quadro è valido dal punto di vista estetico, sono tutti quadri realizzati a Cagliari.

IL MOMENTO PIU’ PROFICUO PER IL TUO GESTO CREATIVO E’….?
La notte, mi capita spesso di stare a dipingere magari di iniziare alle 11 di notte e finire alle 8 di mattino. Per me è un momento molto intimo e rilassante, il fatto di non aver nessun disturbo e una musica di sottofondo mi ispira, sono io e il quadro che sto facendo.

SE DOVESSI SALVARE TRE, O QUATTRO CAPOLAVORI D’ARTE, QUALI SCEGLIERESTI?
E’ difficilissima come domanda, sicuramente la “Vocazione di S.Matteo” di Caravaggio, una delle vedute di Venezia di Canaletto, che secondo me sono magistrali, dei capolavori, poi dato che me ne rimane una, è così difficile scegliere, è lontano dal mio genere, ma sceglierei “Guernica” di Picasso, sono secondo me i tre grandi capolavor, che hanno segnato la storia dell’umanità’ e l’hanno espressa in qualche modo.
Tutti i pittori passano dalla realtà che li circonda, è sempre la realtà il punto di partenza che viene poi reinterpretata.

SECONDO DAVIDE, L’ARTE E’ UN INSIEME DI TECNICHE ED ISPIRAZIONE, OPPURE E’ SOLO ESTRO?
Penso che ci sia bisogno di tutti e due, la tecnica senza l’estro è una semplice manifestazione d’abilità, l’estro creativo senza la tecnica perde di comunicatività, per fare arte sono necessari tutti e due in maniera paritaria, non si può prescindere l’una dall’altra.




 

QUALE ALTRA ARTE SENTI VICINO ALLA TUA SENSIBILITA’ ?
Mi piace molto la scultura, la immagino come una pittura tridimensionale che comunica in maniera più forte ed immediata, ho girato molto per Roma e ho visto le sculture che arricchiscono la capitale, sono stato stamattina in Piazza Navona. Ho visto la Cupola del Bernini, o la Pietà di Michelangelo, hanno una forza espressiva più immediata e viva della pittura. Ancora non realizzo sculture, magari la prossima mostra che farò ne porterò qualcuna.

SECONDO TE LA PITTURA HA UNA FINALITA’ SOCIALE?
Sì, penso che la pittura abbia la capacità di rappresentare il momento in cui viene realizzata, penso che un pittore del novecento per esser un vero artista debba riuscire ad esprimere quello che i suoi contemporanei sentono in quel momento, come dicevo prima “Guernica” di Ricasso è riuscita ad esprimere il sentimento di una nazione rispetto ad uno dei drammi che è quello della guerra, quella rimane, oltre che un’opera d’arte, un documento storico capace di attestare un sentimento comune; secondo me l’artista deve essere interprete del periodo storico in cui vive, è l’unico modo per arrivare ad essere degli artisti e non solo dei pittori, o degli scultori. Tutte le opere che io realizzo sono di formazione, forse il primo esperimento in questo senso “sociale“ è l’autoritratto, un collage, pezzi di labbra pezzi di orecchie, riuniti in un unico quadro che rappresentano la società di oggi, che è molto frammentaria.

QUALI SONO I TUOI PROGETTI PER IL FUTURO?
Prima di tutto maturare a livello professionale nel campo dell’arte e poi vorrei avere la possibilità di creare qualcosa di nuovo in Sardegna dal punto di vista artistico, l’attività che abbiamo avviato a Cagliari è affidata a due gruppi ai quali aderisco, il G.e.co Gruppo espressioni contemporanee e il Circolo d’arti, sono i due circoli che si stanno dando più da fare, dal 28 novembre fino a dicembre … si sta muovendo qualcosa….



Concludendo questa nostra intervista, ti faccio i migliori auguri di un Buon Natale e per la tua carriera, con la speranza che sia sempre più ricca di meriti e grandi soddisfazioni. A presto.
Grazie, ricambio gli auguri.

















 

 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 608-trionfo bacco.mid
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7