Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 01-05-2017 - 02:16:12
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Nuova pagina 1

La rubrica nasce dalla necessità di informare.
Attualità a cura di Melusina

Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
597 A volte la follia Attualità Melusina 06/2009 Apre eventuale link con Articolo 597 già pubblicato
Testo Articolo

 

La follia di un individuo può essere identificata come una mancanza di adattamento nei confronti dell'ambiente, quindi è possibile considerare folle qualcosa, o qualcuno che prima era normale, o viceversa. Quando l'adattamento non avviene, scattano meccanismi come: l'interpretazione alterata della realtà per uscire fuori dal mondo. Aver vissuto una vita traumatica, può stimolare un'azione violenta, ma la risposta dell'individuo non è mai scontata. Abituati a veder circolare per le strade persone strane, capita sovente di sentire poi dalle cronache sui giornali, di quei delitti compiuti dal vicino di casa, o dal conoscente che s'incontra per esempio al centro commerciale.

Le azioni più efferate possono essere il risultato di un processo mentale e di una scelta consapevole. Si calcola che le persone uccise nel corso del 900 in modo violento sono state 150 milioni, oltre 200 se si pensa alle guerre e genocidi. La violenza è sempre più vicina e quotidiana, ci colpisce ogni giorno. Ma da dove nasce questa violenza? I criminologi hanno costatato, come già detto, che non è legata soltanto alle condizione mentale, ma anche fra l'individuo e l'ambiente che lo circonda. La nostra identità, sin dalla nascita è una costruzione che si modifica con l'esterno e con l'esperienza, cioè una comunità interiore fantasma.

L'individuo che subisce traumi riflette il suo vissuto, cercando delle risposte, ma la sua conferma diventerà violenta e costante. Non dimentichiamo che gli atteggiamenti duri e autoritari della follia spesso sono quelli adottati nei paesi dittatoriali. La follia nella cultura moderna ha un ruolo importante, specialmente nelle opere liriche e nella letteratura, dove s'intrecciano il vero e il falso, la follia e la saggezza. Le tragedie greche mettono in scena presunte follie di esseri umani schiacciati da forti emozioni, oltre che dal destino. Per quanto la si studi, resta comunque una delle esperienze più tragiche e irrisolte della condizione umana.

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 597-Jesopazzo.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7