Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 30-04-2017 - 12:51:09
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Nuova pagina 1

La rubrica nasce dalla necessità di informare.
Offriamo ai nostri lettori uno spazio di comunicazione, una bussola per orientarsi all’interno del mondo dell’arte in tutte le sue espressioni dall’arte classica, alla tecnoarte. Visibilmente questa società “si sorveglia” come si dice di un regime alimentare, regolando in uno stupefacente carnevale l’eccessiva percezione di sensi, immagini, arti. Un totalitarismo dolce, suadente, che tutto pervade.
L’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica perde le sue caratteristiche di unicità per divenire ripetibile: tutto è spettacolo, esplosione di simboli e segni per sovrasignificare sul reale.
Al punto che si sono creati neologismo come Global-loc (globale-locale), shopentertainment, architainment (architettura che fa spettacolo) o japanimation. Davanti alla mistificazione consumistica della vita, l’artista risponde con il gioco-spettacolo dell’arte. Sarà un Cicerone d’eccezione, fedele all’obiettivo del cardinal Scipione di condividere con i propri ospiti i capolavori d’arte.
Intingendo il pennello della scrittura nell’intelletto, invitando il lettore alla fruizione ipermediale degli articoli che vi proporremo.

Luca Magrini Cupido
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
567 L'arte di Emira Cupido Artefactum Luca Magrini Cupido 05/2009 Apre eventuale link con Articolo 567 già pubblicato
Testo Articolo

Oggi siamo ospiti nella casa romana dell'artista Emira Cupido e con lei parliamo proprio di arte...
 

Buongiorno Emira, come nasce la passione per la scultura e la pittura?
Per la pittura è nata al liceo. Era molto affascinata dallo sfumato e dai chiaroscuri di Leonardo. Il San Giovannino mi piaceva moltissimo. Provai con colori ad acquerello (figuriamoci cosa venne fuori!) a produrre un viso che emerge da un chiaroscuro. La scultura è venuta più per caso. Non avrei mai pensato di poter modellare l’argilla. Poi si prova e si va …

E’ stata una cosa improvvisa, o la passione era dentro di te?
Che dire? Stava dentro di me ed è venuta fuori? Penso che sia così. Senza saperlo ti trovi le situazioni che ti spingono a dire: ma a me piacerebbe dipingere, voglio dipingere e lo farò seriamente.

 

Dove ricerchi la fonte d’ispirazione per le opere ?
L’ispirazione può arrivare in qualsiasi momento. Senti che c’è una situazione(Il particolare di un viso, o di un corpo, mentre sei in metropolitana, la luce di un’ora del giorno, una musica, una lettura, un dipinto …) che vorresti elaborare per conto tuo, perché ti ha dato una emozione, ti ha fatto percepire un nuovo rapporto tra le cose. Per questo non cerco di proposito una fonte a cui ispirarmi, anche se mi piace molto vedere mostre, opere di artisti contemporanei.

Qual era la tua attività prima di dedicarti all’arte?
Ero insegnante di italiano e latino nei licei.

C’è stato un momento esaltante nella tua attività?
Nella mia attività di docente sono stati molto belli i momenti in cui, in sintonia con gli studenti, lo studio diventava conoscenza delle cose al di là di stereotipi e pre-giudizi. Nella mia attività di artista i momenti più esaltanti sono quelli in cui ci si rende conto che si possono trovare sempre nuove relazioni tra gli elementi.



Se dovessi dipingere un quadro quale volto daresti, o quale sarebbe la figura centrale?
Proprio non saprei. Diciamo che volto sta per figurazione. Vorrei, usando una fortissima schematizzazione, con poche linee essenziali, in una colorazione trasparente, dare il senso di incantamento e immobilità che è presente nel fluire del tempo.

L’artista può svolgere un’attività di rottura e modificazione dei rapporti sociali di potere e di sapere esistenti, o è solo una pia illusione?
Eh.. come ci allarghiamo!... L’artista è un artista, mica un dio! In questo caso bisogna considerare quanto l’artista è nell’occhio di chi guarda. Comunque, molti artisti hanno avuto rapporti di rottura con la loro epoca, vedi Caravaggio. Ma i piedi sporchi di San Matteo in primo piano possono essere un simbolo e una indicazione per quel che sempre si può fare nell’arte come rottura e modificazione.

Cosa non accetti di questa società?
Il consumismo, l’ipocrisia del consumismo, non mettersi mai in gioco per timore di scalfire l’immagine che si è costruita di se stessi.


A te piace leggere? Che tipo di lettrice sei, vorace, o assapori lentamente i testi? Quale libro vuoi consigliare ai nostri lettori?
Sì, mi piace leggere, anche se non leggo sempre. Vado a periodi e secondo gli interessi. Leggo di più (soprattutto romanzi) quando non sono a Roma, in vacanza, per esempio, in viaggio. Leggo sia voracemente (quando sono presa dagli eventi romanzeschi e mi va di finire il libro, che non sempre poi amo) sia lentamente.
Sto rileggendo “L’isola di Arturo” di Elsa Morante. Una storia ambientata in una Procida che non c’è più, ma le passioni, i sogni, le parole,le vicende dei personaggi sono vivi e ti affascinano. Lo consiglio ai vostri lettori. E’ una lettura gradevole, un'immersione in una lingua molto vivace e piena, che si arricchisce continuamente dell’ espressività napoletana.

Quali i tuoi prossimi progetti per il futuro?
Viaggiare per leggere, naturalmente. Ho necessità di una pausa di riflessione per riprendere la mia attività artistica.


Complimentandoci per le sue opere, ringraziamo Emira Cupido di averci concesso questa interessante intervista.

Grazie a voi.


 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 567-Le vie dei colori.mid
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7