Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 27-06-2017 - 09:04:27
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Passeggiate su luoghi e itinerari italiani, spesso a tema. Antonio Timoni
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
553 ROVIGO, IL POLESINE E IL DELTA DEL PO - Prima Parte A spasso intorno a... Antonio Timoni 05/2009 Apre eventuale link con Articolo 553 già pubblicato
Testo Articolo



Foto ArticoloContinuo Articolo
Nome: 553-POLESINE.jpg - Ingrandisci
ITINERARI TURISTICI ROVIGO, IL POLESINE E IL DELTA DEL PO PRIMA PARTE L’itinerario che ci apprestiamo ad affrontare ci porta in una terra fatta di stagni e canneti dove gli uccelli migratori sostano e nidificano, grazie alla straordinaria ricchezza biologica degli ambienti palustri e dove i pesci e i molluschi delle specie più svariate si riproducono in gran quantità, terra di pesca nelle valli e nei canali, terra ricca e fertile, quasi nera, nei campi bonificati. Siamo nel Polesine, che resta ancora uno degli ambienti naturali più straordinari e affascinanti d’Europa e questo itinerario purtroppo rende solo in piccola parte il fascino dei luoghi e l’atmosfera surreale che avvolge il visitatore; solo con la barca si potrebbe veramente apprezzare la bellezza e la misteriosità delle valli del Po, ma non è il nostro caso e quindi ci comporteremo come al solito da turisti classici.
Nome: 553-cartina polesine delta del po.jpg - Ingrandisci
Rovigo sarà il nostro punto di partenza, per dirigersi poi a Lendinara, Badia e Fratta Polesine, Adria, Contarina, Rosolina mare, Porto Tolle, Porto Levante, Bonelli e Scardovari, attraverso una campagna incredibilmente piatta e la straordinaria suggestione del delta del Po.
Nome: 553-Rovigo, le Torri.jpg - Ingrandisci
Rovigo, antica città medievale con il nome di Rhodigium, fu un castello di importanza strategica, centro di attrazione degli interessi dei vescovi e degli Estensi, finché nel 1482 passò sotto la protezione di Venezia. Di questo periodo rimangono le torri pendenti, Torre Donà e Torre Mozza,
Nome: 553-Rovigo - torre mozza in primo piano.jpg - Ingrandisci
quest’ultima chiamata così per la sua cima tronca.
Nome: 553-rovigoaerea.jpg - Ingrandisci
Definita dall’Ariosto “la terra in cui produr di rose / le diè piacevol nome in greche voci”, da cui forse derivò il nome da rhodon (in greco, rose), Rovigo (m 7) è allo stesso tempo centro urbano e agricolo, grazie alla sua posizione nella fertile Pianura Padana.
Nome: 553-rovigo_001_piazza_vittorio.jpg - Ingrandisci
Da un punto di vista urbanistico e architettonico è interessante senza dubbio da vedere la piazza Vittorio Emanuele II, sin dal Medioevo luogo d’incontro cittadino;
Nome: 553-Rovigo Piazza Vittorio Emanuele con la colonna al centro.jpg - Ingrandisci
al centro si trova la colonna in pietra d’Istria (1519) con il leone di S. Marco di Natale Sanavio scolpito nel 1581, e posto in cima a sostituzione dell’originario abbattuto alla fine del ‘700.
Nome: 553-rovigo piazza vittorio.jpg - Ingrandisci
Si affaccia sulla piazza il rosso Palazzo del Municipio (già Loggia dei Notai) del sec. XVI con portici e loggia, che porta nella nicchia centrale una Madonna col Bambino della fine del ‘500,
Nome: 553-rovigo_palazzo comunale.jpg - Ingrandisci
affiancato dalla Torre dell’Orologio (XVIII sec.),
Nome: 553-Rovigo palazzo_roncale.jpg - Ingrandisci
e su via Laureti, dal Palazzo Roncale con portico e ampie arcate, opera di Michele Sanmicheli nel Cinquecento.
Nome: 553-Rovigo Palazzo Roverella.jpg - Ingrandisci
Sul lato nord-est, ben conservato nel portico, il restaurato Palazzo Roverella (1474) accoglie le pinacoteche dell’Accademia dei Concordi, tra le più belle del Veneto.
Nome: 553-rovigo Duomo di Santo stefano.jpg - Ingrandisci
Di interesse artistico sono anche le belle chiese della città, come il Duomo, già esistente nel X secolo e in vari tempi modificato, intitolato a Santo Stefano papa, nel cui interno spiccano la cinquecentesca Risurrezione e i SS. Battista e Girolamo, un affresco della Madonna (XV sec.) e una tela che raffigura Cristo Risorto coi SS. Bellino e Stefano papa di Palma il Giovane;
Nome: 553-rovigo chiesa di S. Francesco.jpg - Ingrandisci
la romanico - gotica chiesa di S. Francesco
Nome: 553-Rovigo La Rotonda.jpg - Ingrandisci
e la chiesa della Beata Vergine del Soccorso, detta “La Rotonda” per la sua pianta ottagonale, cinta da un portico e con l’imponente campanile (m 57), rivestita all’interno di dipinti veneti del ‘600.
Nome: 553-Rovigo - museo dei grandi fiumi.jpg - Ingrandisci
Interessante da vedere è il Museo dei Grandi Fiumi in piazzale San Bartolomeo, istituzione del Comune di Rovigo, rivolto alla valorizzazione e divulgazione del patrimonio archeologico, etnografico, culturale e ambientale della terra polesana, profondamente segnata nel suo profilo geografico e nel suo sviluppo storico dai due maggiori fiumi italiani, il Po e l’Adige, e caratterizzata dal delta del Po.
Nome: 553-lendinara.jpg - Ingrandisci
Dopo la breve visita di Rovigo, lasciamo la città prendendo la SS 499 fiancheggiata da platani e raggiungiamo dopo Km 16 Lendinara, antico centro agricolo sulla sinistra dell’Adigetto (m 9). Borgo di origine romana è passato sotto diverse dominazioni, dai Cattaneo agli Estensi fino all’annessione alla Repubblica di Venezia.
Nome: 553-lendinara Piazza_risorgimento.jpg - Ingrandisci
Del periodo veneziano restano i bei palazzi cinquecenteschi e barocchi che si affacciano su piazza Risorgimento, come il Palazzo Comunale e la Torre dell’Orologio;
Nome: 553-LendinaraCampanile.jpg - Ingrandisci
settecentesco è il Duomo di Santa Sofia affiancato dal più alto campanile del nord Italia
Nome: 553-madonna del Pilastrello1.jpg - Ingrandisci
e il rifacimento del Santuario della Madonna del Pilastrello (sec. XVI-XVIII)
Nome: 553-Pilastrello2.jpg - Ingrandisci
che conserva all’interno un’Ascensione del Veronese e che accoglie nella Cappella del Bagno, gli ex voto offerti dai pellegrini all’acqua che qui scaturisce da una fonte ritenuta miracolosa.
Nome: 553-badia polesine Abbazia della Vangadizza.jpg - Ingrandisci
Da Lendinara sempre con la SS 499 proseguiamo per Badia Polesine (Km 9), altro centro agricolo e commerciale che merita una visita per la bella Abbazia della Vangadizza (il nome deriva dal ritrovamento, durante gli scavi, di una vanga che sarebbe diventata il simbolo del monastero camaldolese. Dell’antica Abbazia, centro culturale ed economico della zona, rimangono il campanile pendente a cuspide del sec. XII, la quattrocentesca Cappella della Madonna a pianta quadrata, e i resti del Convento con un chiostro a portico e logge, inglobati nel Palazzo degli Espagnac, ultimi proprietari dell’edificio.
Nome: 553-fratta polesine canal bianco.jpg - Ingrandisci
Seguendo le indicazioni per Trecenta fino al bivio per Crocetta e poi verso Canda e Ferrara passando sull’argine del Canal Bianco sino a Castelguglielmo, arriviamo in Km 20 a Fratta Polesine, luogo di villeggiatura della nobiltà veneziana fin dal XVI secolo che conserva belle ville signorili nascoste da ricchi parchi privati.
Nome: 553-Fratta Polesine - Villa Badoer.jpg - Ingrandisci
La più famosa, sede nel periodo estivo di spettacoli teatrali e rappresentazioni musicali, è la cinquecentesca Villa Badoer costruita su disegno del Palladio, unico esempio compiuto di un tipo di costruzione in cui i colonnati ad anfiteatro hanno una funzione scenografica e di raccordo tra abitazione ed esterno;
Nome: 553-villa badoer - locandina film la vacanza.jpg - Ingrandisci
affascinante fino al punto che il regista Tinto Brass la scelse nel 1971 per girarci alcune scene del film “La vacanza”.
Nome: 553-targa dedicata a Giacomo Matteotti.jpg - Ingrandisci
Fratta Polesine è il paese natale di Giacomo Matteotti, il deputato socialista assassinato dai Fascisti a Roma nel 1924 e una targa marmorea esposta nella piazza principale lo ricorda con affetto.
Nome: 553-canal bianco.jpg - Ingrandisci
Da Fratta ci dirigiamo verso Villamarzana e Arquà Polesine fino a raggiungere la SS 16; all’incrocio si gira a destra verso Bosaro e da qui a sinistra per Pontecchio costeggiando il Canal Bianco, passiamo Fenil del Turco, Gavello e Magnolina e nuovamente a sinistra attraversando questa volta il Canal Bianco, raggiungiamo dopo circa 40 chilometri Adria (m 4).
Nome: 553-adria vista.jpg - Ingrandisci
Abitata in origine dagli antichi Veneti, occupata dai Greci e dagli Etruschi che ne fecero il primo emporio commerciale dell’Adriatico, fiorente municipio romano, Adria subì nel Medioevo numerose vicissitudini fino alla spontanea annessione a Venezia.
Nome: 553-Adria-101.jpg - Ingrandisci
Nella seconda metà dell’Ottocento intense bonifiche le resero la fama di zona agricola più fertile della regione;
Nome: 553-adria e il canal bianco.jpg - Ingrandisci
centro di commercio sul Canal Bianco in comunicazione con il mare Adriatico a cui diede il nome e, mediante sistemi di chiuse, con il fiume Adige e il Po,
Nome: 553-Adria Cattedrale di S. Pietro e Paolo.jpg - Ingrandisci
Adria in uno scenario tipicamente veneziano, presenta la Cattedrale di S. Pietro e Paolo che conserva un bassorilievo bizantino
Nome: 553-Adria chiesa di S. Maria A. della Tomba.jpg - Ingrandisci
e la Chiesa di Santa Maria Assunta della Tomba, la cui vasca battesimale risale al sec.VIII.
Nome: 553-Adria reperti archeologici 1.jpg - Ingrandisci
Materiale archeologico rinvenuto nel territorio è conservato nel Museo Archeologico Nazionale, orgoglio cittadino, che documenta la storia della zona dal XIII sec. a.C. al periodo romano, con ceramiche,
Nome: 553-adria-reperti archeologici.jpg - Ingrandisci
bronzetti, oggetti di oreficeria, vetri e una biga di ferro che proviene dalla tomba di un guerriero gallo del sec. IV a.C.
Nome: 553-piantina_adria_2007_x_tsn_20.jpg - Ingrandisci
Qui ad Adria facciamo una piccola sosta per riprendere poi il nostro itinerario nel prossimo numero della rubrica.
Nome: 553-gastronomia del Polesine.jpg - Ingrandisci
CURIOSITA’ E GASTROMIA
Nome: 553-tortelli-di-zucca.jpg - Ingrandisci
ROVIGO - Molto varia è la cucina che risente degli influssi di quella ferrarese (tagliatelle e cappelletti), mantovana(tortelli di zucca) e veneziana (risotto di pesce e piselli),
Nome: 553-bondola.jpg - Ingrandisci
ma il piatto più esclusivo del Polesine resta la “bondola”, insaccato d’antica tradizione, preparato con carne di suino, carne di manzo e lingua salmistrata accompagnato possibilmente con il robusto Cabernet delle vigne locali.
Nome: 553-radicchio22f_42.jpg - Ingrandisci
Rinomata la coltivazione del radicchio rosso prodotto in due qualità: Radicchio rosso precoce e Radicchio rosso tardivo.
Nome: 553-opera dei fratelli Canozi da Lendinara.jpg - Ingrandisci
LENDINARA - Nei secoli XIV-XV il paese fu patria di quegli intagliatori del legno che dovevano modificare e perfezionare le tecniche dell’arte dell’intarsio e dell’intaglio e divulgarle in tutta la regione, tra i quali i più conosciuti furono i fratelli Lorenzo e Cristoforo Canozi detti da Lendinara che tra le tante opere eseguite, realizzarono dal 1469 al 1473 i quaranta stalli intagliati del bellissimo “coro” in legno della Cattedrale di Parma,arricchito dalle figure di volti, oggetti e architetture che decorano gli intarsi delle spalliere.
Nome: 553-pinza onta di badia polesine.jpg - Ingrandisci
BADIA POLESINE - Alcune specialità della gastronomia locale sono lo “schizzato” (tipo di pane fatto in casa), la pinza onta e l’anatra brasata.
Nome: 553-sagra salame di trecenta.jpg - Ingrandisci
FRATTA POLESINE - Nella vicina Trecenta è prelibato il salame ricavato dalle parti migliori del maiale (lombo e filetto) e di cui si tiene una sagra molto frequentata.
Nome: 553-Gorghi - Badia e Fratta Polesine.jpg - Ingrandisci
La particolarità naturalistica della zona è costituita dai “gorghi”,
Nome: 553-GORGHI DI TRECENTA.jpg - Ingrandisci
specchi d’acqua sorgiva forse derivati da antiche rotte del Po.
Nome: 553-tortellidizucca005.jpg - Ingrandisci
ADRIA - Anche qui la gastronomia locale è molto ricca : risotto al branzino , tagliatelle al tartufo, tortelli di zucca, salsicce alla graticola, anguille alla fiamma, bondole o folaghe coi fagioli, lumache in tegame.
Nome: 553-TitoloRovigo.jpg - Ingrandisci
Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7