Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 24-10-2017 - 02:37:58
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Avvenimenti - a cura della Redazione Nimue e Melusina
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
55 Un decoder anche per l'autoradio Avvenimenti Elisabetta Darsi 03/2005 Apre eventuale link con Articolo 55 già pubblicato
Testo Articolo
Un decoder anche per l'autoradio I due primi network Usa, Sirius Satellite Radio e Xm Radio, hanno già conquistato otto milioni di abbonati. Niente più onde medie: d'ora in avanti le trasmissioni radiofoniche si faranno un giro in orbita. Ci ha messo quasi un decennio, ma la radio satellitare è diventata sempre più una realtà. Anzi un vero e proprio boom: negli Stati Uniti, infatti, sono ormai tantissimi gli automobilisti che utilizzano, integrato nel frontalino della propria autoradio, un vero e proprio decoder satellitare in grado di ricevere le stazioni radio (a pagamento) dei due maggiori network d'oltreoceano: Sirius Satellite Radio e Xm Radio. I due provider stanno guadagnando ascoltatori a un ritmo vertiginoso: complessivamente offrono un bouquet di oltre 240 canali, che trasmettono tutti i generi musicali, dal folk al pop, dal blues all'acid jazz. Tanti i canali, poi, dedicati all'approfondimento culturale, al puro entertainment e le reti all news. Un'offerta differenziata e interessante che ha già conquistato otto milioni di abbonati, ognuno dei quali è disposto a sborsare ben 13 dollari al mese per accedere a uno dei due servizi. Una tendenza che sta sempre più preoccupando le grandi stazioni radiofoniche tradizionali. Otto milioni di clienti; è una cifra davvero impressionante, se si pensa che le trasmissioni sono iniziate effettivamente nel 2001, anche se le licenze sono state concesse nel 1997. E le previsioni per i prossimi anni proiettano quel numero verso i 30 milioni di abbonati. I vantaggi per gli automobilisti sono, però, evidenti e sostanziali. Il boom degli ascoltatori di Sirius Satellite Radio e Xm Satellite Radio è trainato dalla prospettiva di qualità elevata delle trasmissioni senza alcuna interruzione pubblicitaria. Si può viaggiare per ore senza dover cambiare frequenza (un aspetto determinante per un Paese sterminato come gli stati Uniti) e la qualità dell'audio in ricezione è a livello di un Cd. Per aumentare la diffusione della radio satellitare, i due network hanno deciso di puntare proprio sul mercato automobilistico. Hanno, cioè, stretto numerosi accordi con le case produttrici di autovetture per montare il decoder su tutti i modelli di auto: un'optional che i clienti hanno dimostrato di gradire. Se da un lato Xm Radio ha nel suo portfolio nomi prestigiosi come la General Motors (che da sola nel 2005 installerà circa 1 milione di radio satellitari), Honda, Toyota e Hyunday, dall'altro Sirius ha preferito rivolgersi al mercato delle auto di lusso, stringendo partnership con Jaguar, Ford, Bmw, e Daimler-Chrysler. Quest'ultima, è persino azionista del provider e dal 2006 offrirà i decoder sui nuovi modelli Suv Mercedes Classe M. Nonostante le rosee prospettive, ai due network satellitari resta ancora da vincere un'ultima grande sfida, quella culturale. Devono infatti invogliare l'utenza a pagare per ascoltare la radio, da sempre considerata un mezzo libero e disponibile gratuitamente. Per convincere anche i più restii, i due provider starebbero pensando di proporre un'offerta combinata a prezzo ridotto. Un accordo che indebolirà ancor più le vecchie stazioni tradizionali. A cura di: Elisabetta Darsi
Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7