Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 18-08-2017 - 07:02:21
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione della rubrica a cura del redattore. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
534 Il genio made in Italy delle percussioni... Intervista a Tullio De Piscopo Intervista Luca Magrini Cupido 04/2009 Apre eventuale link con Articolo 534 già pubblicato
Testo Articolo

Potremmo definirlo il percussionista dalle bacchette d'oro; l'artista della batteria come pochi in Italia sanno esserlo...

Ciao, Tullio, leggo dalla biografia che i tuoi primi approcci alla musica arrivano da bambino com’è nato e cresciuto questo amore/passione per la batteria?
Sono nato con le bacchette in mano, appena ho aperto gli occhi ho visto percussioni di ogni genere, pelli animali e tamburi perchè mio padre e mio fratello Romeo erano batteristi. Ho studiato il solfeggio con Armando Desideri, un grande insegnante, con cui mi trovavo bene caratterialmente. Poi al conservatorio ho studiato solfeggio, canto e altro. Ho interroto gli studi per aiutare la famiglia, perchè mio fratello maggiore Romeo morì suonando la batteria, aveva appena venti anni. Ho continuato a suonare nei night club di Napoli per la flotta militare USA, poi con Paolo Zavallone a Genova, in seguito ho ripreso gli studi al conservatorio Martini di Bologna, dove ho approndito per due anni la conoscenza delle percussioni classiche. Il mio matrimonio è avvenuto a Milano,dove ho trovato la giusta posizione nel mondo del jazz. Ho suonato con i grandi della musica italiana: Franco Cerri, Gianni Basso, Bino Piana, Giorgio Buratti, Giorgio Baiocco, tutti grandi musicisti per arrivare a suonare con i grandi del jazz internazionale, Gerry Mulligan, Emil Donald, John Lewis e tanti altri. Il mio primo vero strumento l'ho comprato quando ero minorennne da Cerreti, in Via Arenaccia a Napoli; comprai una batteria Premier di colore bianco, presa a rate… 2500 lire a mese, mi ha portato molto successo e la custodisco gelosamente. La musica ce l’ho nel sangue, sono convinto che si nasce batteristi e musicisti! Ho realizzato numerose colonne sonore tra le quali ricordo: "Razza Selvaggia" di Pasquale Squitieri, "Mi manda Picone" di Nanni Loy, "Naso di cane" ancora di Squitieri e "32 dicembre" di Luciano De Crescenzo, però non ho composto quella del film “L’uccello dalle piume di cristallo”... come si dice in giro.

Chi ti ha maggiormente influenzato nello studio della batteria?
I musicisti black inizialmente e altri : Elvis Jones, Max Roach, Kenny Clarke,. Eumir Deodato, Giovanni Fenati, Roberto Fabbriciani,Gato Barbieri, Lucio Dalla, Alphonso Johnson, Manu Chao, Al Bano Carrisi. Per il pop: Steve Gadd, gli U2, i Pink Floyd, i Led Zeppelin.



 

Quali personaggi hanno inciso e incidono – sia in senso umano che professionale - nel tuo percorso di ricerca musicale?
Certamente Astor Piazzolla uno dei più grandi musicisti di tutti i tempi ho inciso con lui undici Lp.

Quali sono i musicisti che ami e che ti hanno influenzato?
Sicuramente: Pino Daniele, Gerry Mulligan, John Lewis.

Ti chiedo di tornare con la mente agli anni '80 per parlarci dell’incontro con Pino Daniele cosa vi ha uniti?
Pino Daniele lo conoscevo già da prima, fu mio padre a indicarmelo. Pino mi telefonò per farmi sentire nel ‘77 il suo primo lavoro “Terra mia”, da allora è diventata una collaborazione storica.

Come nasce il progetto Napoli Centrale? Come ha avuto inizio?
Napoli centrale era un gruppo capitanato da James Senese, Tony Esposito, Joe Amuroso, Tullio De Piscopo, Zurzolo, ognuno di noi con la sua storia.



 

Qual è la tua maggiore fonte d’ispirazione quando componi musica, o improvvisi sul palco in compagnia di altri musicisti?
L'improvvisazione non ha fonte, è sintonia con gli altri musicisti, per comporre, ogni momento è buono, spazio, tranquillità, luce, il buio favorisce cose tristi.

Al di là della musica, quali altri artisti ami?
Mi piace molto la pittura, la letteratura, Mimmo Rotella e il cinema, in particolare i film in bianco e nero, con storie di vita vera e autenticamente vissute, storie sentimentali, anche Chaplin, ma in particolare il bianco e nero degli anni '50.

Come hai fatto a raggiungere un tale livello di dimestichezza e libertà nel controllo di quello che stai suonando e quanto conta la tecnica e quanto la sensibilità personale dell'artista nell'interpretazione? Secondo te, c'è un suono ideale cui bisogna giungere per trasmettere le emozioni nell'esecuzione di un pezzo?
Ho sempre cercato di essere senza padrone, io sono musica senza padrone, non ho casa discografica, non ho chi m’impone nulla, ci vuole personalità sullo strumento e nella vita e sin da giovane ho cercato di acquisire dimestichezza sullo strumento. Ora vedo artisti sbandati, burattini che sono comandati da personaggi che li controllano, sono artisti di plastica, hanno la macchina, amano i ristoranti di lusso, diventano di plastica. L'ideale è fare quello che ti piace nel migliore dei modi, la musica oggi è uccisa dalla TV che non fa trasmissioni musicali culturali, spero solo che non stia finendo tutto.

Che cosa vorresti che "arrivasse" al pubblico durante e dopo una tua esecuzione?
La verità, il feeling, la spontaneità, il sudore, il calore, emozioni che traspaiono in qualsiasi ambiente sociale, non conta la provenienza. Anche avendo cambiato città, non ho modificato il modo di comporre, l'influenza maggiore che ho avuto è stata napoletana, nel modo di parlare e comunicare Napoli.

 



Cosa vorresti dire ai giovani musicisti che inseguono i propri sogni?
Difendere la grande musica e allontanarsi dal falso, dalla plastica, la Musica è la Vita e va difesa.

La tua canzone preferita?
“Ballando, Ballando” dedicata alla mia prima nipotina e “Come sei bella” dedicata alla mamma.

Quali sono i tuoi sogni per il futuro e i tuoi attuali progetti?
A Roma spesso suono per la RAI, col mio gruppo, siamo partiti per il jazz festival: Rapallo, Venezia, Milano. Non ho progetti discografici, ho composto “Hang Drum” un mio album strumentale e lo distribuisco solo ai concerti.

Ti sei impegnato per la società?

Molto negli anni ‘70. Il mio primo gruppo era Revolt Group Jazz Rock, io parlavo di Napoli, della cozza, del colera, ma non era la cozza ad aver diffuso il colera ma la colpa era di quello che era costretta a mangiare, di quello che c’era in fondo al mare.
Il gruppo è stato poi sostituito con Pino Daniele, Senese, Esposito. Eravamo una superband. E' tutto in mano ai politici, è difficile fare qualcosa per la società, che poi vota quello che non ti aspettavi. Credo nell'impegno sociale e molto nell'autonomia dell'arte. Mimmo Rotella negli anni 50 strappava manifesti dei film USA ed ebbe successo.


Puoi parlarci della reunion con Pino Daniele?
Il gruppo si è formato l'anno scorso e si è sciolto, non ci sarà un nuovo gruppo. Non so per colpa di chi. Non escludo che torneremo a suonare insieme a breve...

Ora a quale progetto artistico ti stai dedicando?
Mi dedicherò alle….serate e ai dischi.

Pensi di ritornare a Sanremo e cosa ha rappresentato per te questo grande palcoscenico?
No, aspettiamo tempi migliori per tornarci. Sanremo è stato importante per me già negli anni '60, sono stato batterista dell'orchestra del Festival poi vincitore con “Andamento lento”, un‘altra canzone; E allora e allora (Sanremo 1989). Sanremo è stato fondamentale per la mia carriera.


Tullio, con la speranza di ritrovarci in un prossimo futuro, ti ringraziamo per il tempo che ci hai dedicato in riferimento a questa intervista.
Grazie a voi. A risentirci presto e buon lavoro!
 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 534-Tullio De Piscopo Andamento lento.mid
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7