Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 24-04-2017 - 19:07:02
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Rubrica curata da Antonio Timoni che si occupa di far conoscere piccole curiosità dal mondo o dalla scienza Antonio Timoni
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
526 SGARRO ALLA MAFIA - JOE VALACHI Curiosità Antonio Timoni 03/2009 Apre eventuale link con Articolo 526 già pubblicato
Testo Articolo

LO SAPEVATE CHE :

Fino agli anni sessanta non si è mai saputo di tradimenti verso la mafia, anche perché un affronto del genere avrebbe portato quasi sicuramente alla tomba. Questo almeno fino all’avvento di Joe Valachi, che si può considerare il primo vero pentito della mafia; se fu una sua decisione o se avesse avuto qualcuno dietro le spalle, questo non è stato mai chiarito.
Chi era nella realtà Joe Valachi e che posizione aveva all’interno del crimine in America?
Per sua stessa ammissione, si sa che sicuramente era un personaggio secondario nell’organizzazione della malavita, uno dei tanti uomini della famigerata “famiglia” di Vito Genovese, ricattatore, spacciatore e truffatore di piccolo calibro. La storia della sua infanzia non è diversa da quella di tanti altri ragazzi della New York italo-americana, con il padre immigrato di origine napoletane, senza un lavoro specifico, rivenditore ambulante, povero e che morirà alcolizzato in un ospedale del Bronx. Joe Valachi già ad undici anni finisce in un carcere minorile per quattro anni e rimane poi ferito gravemente alla testa nel 1924 tanto da perdere completamente la memoria per circa sei mesi. Era il 1930 quando Joe entrò a far parte di “Cosa Nostra”, la potente organizzazione mafiosa al servizio di Salvatore Maranzano; lì apprese subito la difficile convivenza nella famiglia, facendo il cosiddetto “patto di sangue” con Joe Bananas (Joseph Bonanno), nominato suo padrino.
Maranzano si affrettò a spiegargli poi quali erano i principi di Cosa Nostra e i due motivi per cui si poteva essere uccisi: uno per tradimento della famiglia ed il secondo per aver importunato la moglie di uno di loro. Iniziò così la sua vita mafiosa che lo vide presente in numerosi omicidi a partire da quello di Masseria il 5 aprile 1931, ideato da Lucky Luciano e Vito Genovese e come quello dello stesso Maranzano l’11 settembre dello stesso anno, assassinato nel suo ufficio di New York.


Valachi passò quindi al servizio di Genovese di cui nutriva paura e rispetto, apprezzando le sue capacità nel comandare; sarà anche suo testimone di nozze con Mildred Reina, figlia di un noto gangster, ma il matrimonio di Joe non durò molto a lungo a causa del suo pessimo carattere. Negli anni in avanti è difficile fare il conto di quanti omicidi si macchiò Joe Valachi, sicuramente svariati, finché non venne fermato nel 1960 da una condanna di quindici anni per traffico di stupefacenti. Nel carcere fu sospettato poi di aver tradito la causa, ma lui negò con molta fermezza; messo in cella con il suo capo Vito Genovese, Joe insistette nell’affermare la sua fedeltà tanto che ci fu un bacio tra di loro in ricordo dei vecchi tempi e che in seguito verrà definito come il “bacio della morte”.
Valachi si rese conto però di non aver convinto nessuno con le sue affermazioni ed iniziò a temere per la sua vita, la conferma gli fu data da un amico durante l’ora d’aria e scoprì anche chi fosse l’uomo incaricato di ucciderlo, un certo Joe Beck. Il 22 giugno 1962 nel vedere tre detenuti avvicinarsi a lui minacciosamente, fu preso dal terrore, afferrò un tubo metallico e fracassò la testa ad un individuo che aveva avuto il solo torto di stargli vicino. Questo episodio lo colpì profondamente ed il timore di finire sulla sedia elettrica a causa del suo gesto, aggiunto alla delusione procuratagli da Vito Genovese che non gli aveva creduto, lo indussero a collaborare con la giustizia. Fu così che Joe convocò in carcere l’agente della Narcotic Bureau che lo aveva arrestato e si dichiarò pronto a parlare, tanto era già morto, ma prima si sarebbe vendicato di chi lo aveva tradito veramente. Valachi comprese che per vivere doveva parlare e chiedere in cambio protezione, altrimenti se non era la sedia elettrica, sarebbe stata una coltellata o del veleno a porre fine alla sua esistenza.


Uno dei primi ad essere informato della decisione di Joe Valachi, fu l’allora ministro della giustizia, senatore Robert Kennedy che immediatamente rese pubblica la notizia. Quello che però Valachi disse su Cosa Nostra, non si rivelò poi così importante tanto che il procuratore distrettuale di New York, Aaron E.Koota, lo accusò di aver mentito e raccontato solo chiacchiere, cose già sentite, ma sicuramente nulla di importante e di certo materiale non utile per il tribunale, lo definì inoltre solo un essere paranoico, soprattutto dopo aver scoperto che alcuni suoi familiari erano stati in manicomio.
Quando più avanti Valachi dettò le sue memorie al giornalista Peter Mass con il titolo “The real thing” (La cosa vera), alcuni italo americani cercarono di non far pubblicare il libro perché sarebbe stato un danno per tutti i cittadini di origine italiana; il libro tuttavia uscì nel 1968 col titolo “Valachi papers” (le carte di Valachi) e da cui fu tratto anche un film.
Di certo fu che dal momento in cui Joe Valachi decise di parlare, divenne il detenuto più sorvegliato degli Stati Uniti e a Fort Monmouth, dove rimase per circa un mese, fu addirittura interrotto il traffico nelle vicinanze della base; la polizia militare lo piantonava giorno e notte e per paura di una vendetta della mafia, iniziò nel massimo segreto a pellegrinare in diversi penitenziari e ogni volta otteneva la cella migliore.

La sua testimonianza fu un susseguirsi di rivelazioni, dilungandosi nel cercare di chiarire le ramificazioni dell’organizzazione che controllava la prostituzione e il commercio della droga, il gioco d’azzardo e le manifestazioni sportive, per non parlare poi dell’usura e delle scommesse clandestine, avevano quindi le mani un po’ dappertutto. Dalle sue affermazioni ne uscì un’ America segreta, crudele e corrotta e lui, condannato all’ergastolo dalla Legge e a morte da Cosa Nostra, era ormai un uomo finito, roso dalla paura, ossessionato dalla solitudine e dal terrore di essere ucciso, tanto che in cella tentò anche di impiccarsi con un filo elettrico. Il dubbio che attanagliava le autorità era quello di scoprire se tutto quello che raccontava Valachi fosse vero oppure inventato o di più che la verità si trovasse a metà strada; di certo Joe era un personaggio minore della malavita organizzata e forse molte informazioni che aveva avuto erano state di seconda, terza mano o filtrate addirittura dalle alte sfere. Col passare degli anni, dopo le sue apparizioni in TV e la pubblicazione delle sue memorie, Valachi rimase ossessionato dall’idea della vendetta della mafia e la stessa polizia federale non riuscì a garantirgli la sicurezza totale. Così, quando il 4 aprile del 1971, a quasi otto anni dalle sue clamorose rivelazioni, fu trovato morto pare per un infarto, non tutti furono pronti a credere a questa versione, sospettando che dietro ci fosse stata la mano di Cosa Nostra.

 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 526-Il Padrino.mid
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7