Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 23-05-2017 - 01:14:06
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Avvenimenti - a cura della Redazione Nimue e Melusina
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
489 Un bagaglino di ricordi per Oreste Lionello Avvenimenti Luca Magrini Cupido 02/2009 Apre eventuale link con Articolo 489 già pubblicato
Testo Articolo

 

IL RICORDO DI WOODY ALLEN :"Oreste Lionello mi ha reso per anni un attore molto migliore di quanto non fossi veramente. Ci siamo conosciuti personalmente e mi è sempre sembrato un uomo molto amabile".
IL RICORDO DI GIULIO ANDREOTTI "Mi dispiace molto della scomparsa, scherzando, mi lamentavo qualche volta perché mi faceva più brutto di quello che sono. Lo ricordo con simpatia".
E’ morto Oreste Lionello, dopo una lunga malattia a 81 anni. I suoi funerali sono stati celebrati a Roma nella basilica di Santa Maria in Aracoeli in Campidoglio; hanno preso parte in tanti per ricordare questo personaggio particolarissimo per la sua comicità irriverente e irresistibile. C’era la famiglia, il figlio attore Luca e le figlie doppiatrici Cristiana e Alessia , gli amici di sempre: Franco, Pingitore, Martufello, Pamela Prati e Leo Gullotta, il sindaco Alemanno e moltissime persone del mondo dello spettacolo e della cultura. Oreste Lionello nacque il 18 aprile 1927 a Rodi, in Grecia, la sua vita è stata dedicata al cinema al teatro e al doppiaggio.

 

Le sue prime esperienze su un palcoscenico, all’età di dieci anni, quando vestito da valletto chiudeva il sipario del teatro Francesco Cilea a Reggio Calabria. Esordisce nel 1954 nella compagnia comico-musicale di Radio Roma, dove è autore e interprete di spettacoli di successo. In seguito lavora in televisione con la serie di film tv per ragazzi ‘Il marziano Filippo’. Parallelamente inizia la sua carriera nel mondo del doppiaggio: è la "voce" di Woody Allen. Questa è una delle sue interpretazioni più famose, dà un timbro e un’espressione vocale personale all’attore americano, al punto che diviene assurdo immaginarlo con un’altra voce. Sono indimenticabili altre sue interpretazioni, l’esilerante “Frankenstein Junior” in cui prestava la voce al Professor’Frankstin’ che era interpretato da Gene Wilder; l’interpretazione della ri-edizione degli anni ‘70 de “Il Grande Dittatore” di Chaplin, è stato la voce di Peter Sellers nel “Il dottor Stranamore“ di Robin Williams nella serie tv Mork & Mindy, di Jerry Lewis, Groucho Marx e Marty Feldman.Ha doppiato anche cartoni animati come Gatto Silvestro, Lupo de Lupis, Topolino, Paperino e Winnie Pooh. Nel 1965 è tra gli interpreti di ‘Le avventure di Laura Storm’, una serie giallo-rosa interpretata da Lauretta Masiero. Nel 1966 interpreta degli episodi de’ ‘Le inchieste del commissario Maigret’, con Gino Cervi, e nel 1970 partecipa a ‘I racconti di Padre Brown’, con Renato Rascel. Alla sua attività di attore televisivo affianca quella di cabarettista e comico nella compagnia del Bagaglino, che nasce nei primi anni '70.

Il suo humor è fine e surreale, basato su allusioni e doppi sensi, indimenticabile, la sua interpretazione di Andreotti che con grande irriverenza imitava perfettamente. Da allora partecipa (assieme agli autori Castellacci e Pingitore e agli attori Leo Gullotta e Pippo Franco) al rilancio del genere dell'avanspettacolo, che raggiunge un buon successo di pubblico in Tv. Tra gli spettacoli più famosi si possono citare Dove sta Zazà? (1973), Mazzabubù (1975), Palcoscenico (1980) e Biberon (1987). Proprio con ‘Biberon’ si inaugura una nuova stagione di varietà imperniati sulla satira politica, che prosegue con numerosi programmi, come Crème Caramel (1991), Saluti e Baci (1993), Bucce di banana (1994), Champagne (1995) e i recenti Rose rosse (1996), Viva l'Italia (1997-98) e Miconsenta (2003).

Oreste Lionello è stato anche un bravo attore: Ha recitato in film come : Allegro squadrone (1954) di Paolo Moffa; È arrivata la parigina (1958) di Camillo Mastrocinque; Le pillole di Ercole (1960) di Luciano Salce; Totò, Fabrizi e i giovani d'oggi (1960) di Mario Mattoli; Totò truffa '62 (1961) di Mastrocinque; Gli imbroglioni (epis. Medico e fidanzata, 1963) diLucio Fulci; Il magnifico gladiatore (1964) di Alfonso Brescia. Negli ultimi anni lo abbiamo visto in “No Problem” di Vincenzo Salemme, e in alcuni film horror, come “Quattro mosche di velluto grigio” di Dario Argento.
.


 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 489-Tantopecanta.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7