Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 22-08-2017 - 18:52:07
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione della rubrica a cura del redattore. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
466 Viaggi sul tempo - Intervista a Mario Grande Intervista Luca Magrini Cupido 01/2009 Apre eventuale link con Articolo 466 già pubblicato
Testo Articolo

Mario Grande, più che un cantautore dei giorni nostri, si definisce quasi un anziano spettatore di un’epoca, in cui tutto corre troppo in fretta, quasi fosse un viaggiatore del tempo...

Ciao Mario, se me lo consenti, prima d’iniziare questa conversazione, vorrei che ci dessimo del tu, per dare a questa nostra intervista un tono più amichevole. Per iniziare, puoi parlarci della tua infanzia?
Ciao, volentieri. Ho avuto la fortuna di abitare in un quartiere di Roma dove c’era ancora un pò di verde, per giocare all’aperto e quindi ricordo i pomeriggi passati nella campagna della periferia romana, che ormai non esiste più e che finivano al tramonto, quando le mamme si affacciavano ai balconi e alle finestre e ci chiamavano per la cena.

Com'è nata la tua passione per la musica?
La mia passione è nata con me. Ho cominciato a scrivere canzoni fin da ragazzino, le conservo ancora e quando mi capita di rileggerle, oltre a farmi tenerezza, mi ricordano quei momenti, i primi amori, le prime passioni.

Tuo padre era un famoso letterato del '900, che cosa ti ha insegnato, come lo ricordi?
Ho perso mio padre che ero ancora un bambino però ho di lui dei bellissimi ricordi.
Era per me soprattutto un compagno di giochi. Negli ultimi anni della sua vita dirigeva una rivista di cultura e lo faceva lavorando a casa, quindi trascorrevamo molto tempo insieme. Ricordo ancora l’espressione stupita di una nuova segretaria che era venuta a casa per ritirare degli articoli da pubblicare e che lo trovò a cavallo della poltrona, con una benda sull’occhio, vestito da pirata mentre duellava con me con una sciabola di cartone.



La tua storia di vita, il tuo percorso artistico?
Come dicevo ho cominciato molto presto a scrivere canzoni ma per una sorta di pudore, nei confronti dell’opera di mio padre, avevo deciso di tenerle solo per me, così mi sono dedicato ad altre attività anche se ogni tanto non riuscivo a resistere e mi concedevo qualche scappatella, così ho realizzato musica da film, spots e ho collaborato con alcune radio. Poi sollecitato soprattutto da Elio Buselli, un caro amico musicista con cui avevo realizzato la colonna sonora di un film, abbiamo deciso che era arrivato il momento di lavorare sui miei brani ed è nata l’idea di questo progetto musicale. E’ stato decisivo l’incontro con un musicista calabrese Tommaso Morrone, con cui siamo entrati subito in sintonia e che ha realizzato gli arrangiamenti acustici che volevo.

Quali sono i traguardi che hai raggiunto nella tua attività e quali vorresti raggiungere?
Ho realizzato un album con la partecipazione di grandi musicisti italiani del calibro di Marco Rinalduzzi, Cristiano Micalizzi, Fabrizio Palma e lo stesso Elio Buselli e questo per me è già un grande traguardo. L’interesse che comincia a riscontrare questo progetto fin da adesso, suscitato solo dai brani promo che si cominciano a sentire su internet e sulle radio, mi fa sperare bene.
Per quanto riguarda il futuro mi piacerebbe realizzarne la versione in lingua spagnola, ci stiamo cominciando a lavorare e vedremo che succede…


Quali musicisti del passato hanno ispirato la tua creatività?
Sono cresciuto ascoltando soprattutto la musica italiana d’autore e quindi ovviamente i nomi sono quelli che conosciamo tutti da Tenco, De André, Paoli per arrivare a Battisti-Mogol, ritengo che con le debite proporzioni siano stati per le generazioni dell’epoca quello che sono stati per la poesia i Montale, Quasimodo e Ungaretti per le generazioni dei primi anni del 900.



Come vorresti definirti, o meglio come ti piacerebbe che gli altri ti definissero?
Qui in Italia abbiamo inventato il termine cantautore, che però, ormai si usa raramente. A me piacerebbe essere definito così.

Come si svolge il tuo lavoro di composizione, preferisci partire dai testi, o dalla musica?
Quello della composizione per me è il momento più bello. In genere mi siedo al pianoforte e comincio a improvvisare, se viene fuori qualcosa che mi piace particolarmente e mi emoziona comincio a ricamare il testo.

I cantautori emergenti spesso sono costretti a subire paragoni con i loro colleghi più noti, come ti poni di fronte a ciò?
Trovo che sia giusto e inevitabile anche perché è difficile ascoltare qualcosa di particolarmente nuovo e che non sia simile a qualcosa già ascoltato prima, qualche volta la differenza la fa un timbro vocale particolare, o un testo particolarmente ardito, qualche volta un arrangiamento, ma quando parliamo di musica pop, o rock, è difficile essere originali.



Come nasce il titolo dell’album “Viaggi sul tempo”?
La parola tempo è intesa come stile musicale. Chi lo ascolterà farà proprio una sorta di viaggio attraverso vari generi che vanno dal pop italiano, al rock, alla bossa, al tango e al pop latino. Mi piace immaginare che chi si metterà all’ascolto avrà il piacere di scoprire qualcosa di diverso in ogni brano.

Dove affondano le radici, i tuoi testi, poetici e impegnati?
Sarebbe facile dire che, visto che mio padre era un poeta, probabilmente questa è un’ eredita cromosomica ma in realtà io posso solo dire che quando scrivo mi piace fare un lavoro quasi da artigiano, nella ricerca delle parole e delle immagini che mi piacerebbe suscitare. Credo però che quando si scrive un testo si debba comunque lasciare a chi ascolta anche la possibilità di potersi muovere liberamente con la propria fantasia.

Che progetti ha Mario Grande per il futuro?
Spero soprattutto che nella mia vita ci sarà sempre spazio per la musica e visto che ho realizzato un album acustico, mi piacerebbe provare nel prossimo a fare qualcosa di sperimentale.



La musica vive una profonda crisi, pensi si possa fare qualcosa per risollevarne le sorti?
Credo che questa crisi che investe l’economia del mercato discografico non sia invece una crisi di talenti musicali. Internet e le nuove tecnologie ci stanno portando verso un nuovo mercato dove ci sarà più spazio per le etichette indipendenti e per chi ha fantasia. Questo è un momento di passaggio in cui dobbiamo rodare queste nuove possibilità. Abbiamo perso il gusto di entrare in un negozio di dischi per portarci a casa un prezioso vinile ma, nello stesso tempo, il web ci dà la possibilità di ascoltare brani e performances di musicisti, che non avremmo mai avuto la possibilità di conoscere.

Siamo giunti alla conclusione di questo nostro incontro, che ci ha permesso di conoscerti meglio e soprattutto di farti conoscere ai lettori del nostro giornale e non solo… Da parte mia e di tutta la redazione, i nostri più cari ringraziamenti e un “in bocca al lupo”, per un futuro ricco di fortuna e successi.
Approfitto per salutare tutti i vostri lettori e colgo l’occasione per ringraziare tutti i musicisti, artisti e collaboratori che hanno lavorato con me a questo progetto.

mariograndeofficial  / mariogrande.com







Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 466-Cuore Di Sabbia.mp3 Cuore Di Sabbia tratto da: Viaggi sul tempo - Mario Grande
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7