Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 21-08-2017 - 16:07:15
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Nuova pagina 1

La rubrica nasce dalla necessità di informare.
Offriamo ai nostri lettori uno spazio di comunicazione, una bussola per orientarsi all’interno del mondo dell’arte in tutte le sue espressioni dall’arte classica, alla tecnoarte. Visibilmente questa società “si sorveglia” come si dice di un regime alimentare, regolando in uno stupefacente carnevale l’eccessiva percezione di sensi, immagini, arti. Un totalitarismo dolce, suadente, che tutto pervade.
L’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica perde le sue caratteristiche di unicità per divenire ripetibile: tutto è spettacolo, esplosione di simboli e segni per sovrasignificare sul reale.
Al punto che si sono creati neologismo come Global-loc (globale-locale), shopentertainment, architainment (architettura che fa spettacolo) o japanimation. Davanti alla mistificazione consumistica della vita, l’artista risponde con il gioco-spettacolo dell’arte. Sarà un Cicerone d’eccezione, fedele all’obiettivo del cardinal Scipione di condividere con i propri ospiti i capolavori d’arte.
Intingendo il pennello della scrittura nell’intelletto, invitando il lettore alla fruizione ipermediale degli articoli che vi proporremo.

Luca Magrini Cupido
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
456 Giovanni Bellini alle Scuderie del Quirinale ( Roma fino all’ 11 gennaio 2009) Artefactum Luca Magrini Cupido 05/2008 Apre eventuale link con Articolo 456 già pubblicato
Testo Articolo

Giovanni Bellini (Venezia, 1430 circa – Venezia, 1516) è uno dei più celebri pittori del Rinascimento, famoso anche con il nome Giambellino. E’ lui prima di Leonardo l’inventore della rappresentazione della natura; il motore dell’innovazione del linguaggio pittorico che pone Venezia e la sua arte ad un livello internazionale. E’ uno dei più formidabili sperimentatori, a livello tecnico, che l’arte mondiale abbia mai conosciuto, la sua pittura si evolve dai primi quadri fatti di stesure a velatura di pochi strati di colore, alla pittura sempre più complessa, a mano, a mano, che ci si avvicina al passaggio del ’500, con il colore intrecciato di numerose pennellate nate dalla miscela ed elaborazione di diversi pigmenti. Alle Scuderie del Quirinale sono mostrati ottanta dipinti, che rappresentano i tre quarti della produzione di Giovanni Bellini, veniamo immersi totalmente in un periodo storico, fatto di processioni, doni propiziatori, culto dei santi patroni, considerati protettori delle comunità, della Vergine e nuove forme di pratiche religiose come la venerazione del Corpus Christi.

Nel catalogo di Bellini sono rappresentate abbondantemente le Madonne. L’identità simbolica di Maria come Chiesa e la sua importanza come patrona di Venezia e di altre località sono universalmente riconosciute. La Madonna, avvolta da un ampio manto rosso o blu, è ritratta di tre quarti nell’atto di sorreggere il Bambino, che si volge a Lei pensieroso. Entrambe le figure si stagliano in un cielo diafano, chiarissimo. Questo tipo di rappresentazioni, molto frequenti nella produzione del pittore veneziano e della sua bottega, erano volte a suscitare nello spettatore un profondo senso di devozione derivato dall’intenso rapporto tra Madre e Figlio e dall’annunciazione della morte di Cristo, simbolicamente rappresentata dal parapetto marmoreo, equivalente metaforico della tomba o dell’altare eucaristico. Bellini raffigura in tutte le sue opere, il suo ambiente fisico di esistenza, vi sono cascatelle, fiumi o specchi calmi dietro tutte le sue figure. Il manto della natura rimane per lui un insieme sempre nuovo di bellezza quasi miracolosa.

 

Il dipinto che raffigura la Trasfigurazione del Cristo del 1464 ci permette di comprendere il profondo interesse che nutrì Bellini per tutta la vita nei confronti del paesaggio e degli eventi atmosferici, intesi come sostegno figurativo al dramma umano. La figura del Cristo e la sua carne sono rese con lo stesso colore giallo della mandorla di luce che incornicia la figura, i discepoli in posizione disordinata sul suolo, sconvolti dalla voce celeste sono assopiti. La pala d’altare del Battesimo di Cristo eseguito per la chiesa di Santa Corona a Venezia, dipinto con i polpastrelli stessi per distribuire l’impasto dei colori e sfumare delicatamente la piega degli abiti, il perizoma del Cristo è striato di un lilla evanescente dovuto al riverbero sulle acque del Giordano delle vesti rette da Fede e Speranza, imbrumate dai colori del cielo, creando quelle inusitate morbidezze cromatiche che apriranno la via a Giorgione e Tiziano. Bellini fa riferimento alla liturgia e alla dottrina francescana relativa all’immacolata concezione in particolare nel Trittico dei Frari, nell’incoronazione della Vergine, in cui la venerazione francescana di S. Giuseppe trova riflesso nella Natività raffigurata al centro della predella sottostante.

Negli ultimi anni della sua vita, circondato da allievi (Rondinelli, Boccaccino, Mazzola e molti altri), realizza dipinti nei quali la concezione luministica è alla base di tutta la successiva pittura veneziana, dalla pala di S. Zaccaria al Battesimo di Cristo di Vicenza, alla Mistica allegoria degli Uffizi e la pala luminosa, morbidamente chiaroscurata, della chiesa di S. Cristoforo. Giovanni Bellini sperimenta soluzioni moderne nella sua ultima opera, che chiude la mostra : La Derisione di Noé attribuita erroneamente a Lotto o Tiziano. L'ultima opera di Bellini presenta Noè, sotto l'effetto del vino rosso, addormentato in modo scomposto, in un hortus conclusus medievale schernito da Cam, il figlio traditore, che beffeggia il padre per la posizione assunta e per la nudità. I fratelli virtuosi, Sem e Jafet, invocati da Cam, per unirsi alla derisione, cercano, di coprire il padre per restituirgli una certa dignità. Uno scherno amaro, metafora della famiglia e dello Stato. L'artista con questo dipinto proclama la sua condanna della società contemporanea e del Governo del Doge. Giovanni Bellini raffigura con una calma pensosa, la Vergine, il Cristo, il Padreterno, San Marco, gli Apostoli o i popolani, tutti esprimono una pacatezza, una calma pensosa, tranquillamente composte, che sono coerenti con la sua immagine di uomo sostanzialmente buono. Bellini parla ancora oggi la lingua dei sentimenti umani. E lo fa con un senso interiore della bellezza, che corrisponde anche per lui alla moralità, alla giustizia.

Il suo mondo ha il fascino di una civiltà scomparsa, di cui si avverte la più acuta nostalgia, come più intelligente e armonico modello di vita; e che si riveste, perciò, dei colori speciali dell’ideale. Un regalo che potete e dovete offrirvi per le feste…

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 456-YERUSHALAIM SHEL ZAAV.mid
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7