Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 27-04-2017 - 03:21:01
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione delle città più belle d'Europa, con la descrizione di un percorso ideale, per far conoscere alcune delle loro piazze, palazzi e monumenti Antonio Timoni
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
453 ROMA - Parte Seconda Profili di citta Antonio Timoni 02/2009 Apre eventuale link con Articolo 453 già pubblicato
Testo Articolo

Foto ArticoloContinuo Articolo
Nome: 453-panoramica sul Colosseo FOTO 0.jpg - Ingrandisci
Il colle Palatino è alto 70 metri e guarda da un lato sul Foro Romano e dall'altro sul Circo Massimo; il sito è ora un grande museo all'aperto e può essere visitato durante il giorno.
Nome: 453-palatin-Rome_circo massimo FOTO 1.jpg - Ingrandisci
Un tempo residenza di imperatori e aristocratici, è il luogo archeologico più ameno della città.
Nome: 453-Roma - Palatino, Domus Flavia FOTO 2.jpg - Ingrandisci
Le rovine comprendono la casa nella quale si dice abbia vissuto Augusto, la Domus Flavia destinata a palazzo di rappresentanza,
Nome: 453-Domus Augustana stadio privato FOTO 3.jpg - Ingrandisci
la Domus Augustana adibita a vera e propria residenza
Nome: 453-Roma - Palatino, domus augustana FOTO 3BIS.jpg - Ingrandisci
con annesso uno stadio privato e le due ali, pubblica e privata, del lussuoso Palazzo di Domiziano;
Nome: 453-plastico tempio mgna mater FOTO 4.jpg - Ingrandisci
il Tempio della Magna Mater;
Nome: 453-PalatinoCasaLivia FOTO 5.jpg - Ingrandisci
la casa di Livia di cui si sono conservati molti degli affreschi che ornavano la parte privata dell’abitazione (era la moglie di Augusto);
Nome: 453-casa di Romolo FOTO 6.jpg - Ingrandisci
il Tempio di Apollo, interamente in marmo, aveva tre statue; la casa di Romolo, dove sono stati trovati i resti di un villaggio dell’VIII° secolo a.C.;
Nome: 453-circo-massimoFOTO 7.jpg - Ingrandisci
il Circo Massimo, nato inizialmente come struttura in legno e poi divenuta in muratura, fu più volte modificato sotto i vari imperatori, sino a raggiungere dimensioni colossali e capace di ospitare oltre 300.000 spettatori.
Nome: 453-roma-colosseo veduta panoramica piazza FOTO 8.jpg - Ingrandisci
Ristoranti e bar sono concentrati in piazza del Colosseo, dove si trovano anche piccoli negozi e bancarelle di souvenir.
Nome: 453-colle oppio FOTO 9.jpg - Ingrandisci
Il Colle Oppio è parzialmente occupato da un bel parco che offre la possibilità di una sosta tranquilla e gradevole, dopo le fatiche di una lunga giornata a passeggio tra le rovine della città.
Nome: 453-Domus Aurea sala ottagonale FOTO 10.jpg - Ingrandisci
Proprio qui Nerone fece costruire una reggia ancor più grande e sontuosa della precedente e che per la sua ricchezza, venne appunto chiamata Domus Aurea (dimora aurea).
Nome: 453-domus_aurea_FOTO 11.jpg - Ingrandisci
Il palazzo, che si estendeva su tutto il Colle Oppio e per la sottostante valle dove sorge il Colosseo, occupando una superficie pari a cento ettari (il doppio di quella della Città del Vaticano tanto per rendere l’idea),
Nome: 453-domus-aurea3.jpg - Ingrandisci
era decorato con affreschi e opere d’arte pregiatissime, nonché da un complesso di bellissimi giardini con fontane, tempietti e addirittura un lago artificiale,
Nome: 453-gruppo_laocoonte FOTO 14.jpg - Ingrandisci
situato sul luogo nel quale sorse più tardi il Colosseo o Anfiteatro Flavio FOTO 13. La Domus Aurea comprendeva anche ricche sculture fra cui il celebre gruppo del Laocoonte, conservato oggi presso i Musei Vaticani.
Nome: 453-colleoppio FOTO 15.jpg - Ingrandisci
Colle Oppio venne trasformato in Parco pubblico tra il 1928 e 1932
Nome: 453-Palazzo Brancaccio FOTO 16.jpg - Ingrandisci
utilizzando anche parte dei giardini di Palazzo Brancaccio, che venne adibito a sede del Museo nazionale d’Arte Orientale.
Nome: 453-Thermes-de-Caracalla FOTO 17_.jpg - Ingrandisci
Sempre nell’area della Roma antica, vicinissimi al Palatino, incontriamo le Terme di Caracalla dove sorgono ancora i resti in mattoni rossi del più grande edificio termale del tempo, situate a ridosso delle pendici del cosiddetto “Piccolo Aventino”;
Nome: 453-terme_caracalla_roma veduta aerea FOTO 19.jpg - Ingrandisci
nella sua più ampia estensione, recinto compreso, l'edificio misurava 337 metri x 328, mentre il corpo centrale 220 metri x 114. La pianta rettangolare è tipica delle “grandi terme imperiali”.
Nome: 453-TermeCaracallaVedutaAerea.jpg - Ingrandisci
La parte più pianeggiante inserita nel perimetro delle Mura Aureliane, era in pratica una valletta poco profonda delimitata a nord dal Celio, al centro della quale si trovava la “Piscina Publica”, un bacino artificiale usato come bagno pubblico;
Nome: 453-acq_marcia FOTO 20.jpg - Ingrandisci
qui a partire dal 212 d.C., grazie all’imperatore Caracalla, furono costruite appunto le Terme, alla cui alimentazione si provvide creando appositamente un ramo dell’Acqua Marcia, l’Aqua Antoniniana, che partiva dall’acquedotto principale scavalcando la via Appia,
Nome: 453-cisterne terme caracalla FOTO 21.jpg - Ingrandisci
rifornendo delle cisterne colossali capaci di contenere ben 80.000 litri d’acqua e che poteva ospitare più di 1500 persone.
Nome: 453-caracalla interno terme FOTO 21BIS.jpg - Ingrandisci
Le terme non erano solo un edificio per il bagno, lo sport e la cura del corpo, ma anche un luogo per il passeggio e lo studio.
Nome: 453-Caracalla a Roma FOTO 22  .jpg - Ingrandisci
Si entrava nel corpo centrale dell’edificio da quattro porte sulla facciata nord-orientale.
Nome: 453-termecaracallafrigidarium FOTO 23.jpg - Ingrandisci
Sull’asse centrale si trovavano in sequenza il calidarium, il tepidarium, il frigidarium e le natatio; ai lati di questo asse erano disposti simmetricamente attorno alle due palestre altri ambienti.
Nome: 453-RomaTermeDiCaracallaPanoramica FOTO 16BIS.jpg - Ingrandisci
Le Terme di Caracalla sono uno dei rari casi in cui è possibile ricostruire, sia pure in parte, il programma decorativo originario. Le fonti scritte parlano di enormi colonne di marmo, pavimentazione in marmi colorati orientali, mosaici di pasta vitrea e marmi alle pareti, stucchi dipinti e centinaia di statue e gruppi colossali, sia nelle nicchie delle pareti degli ambienti, sia nelle sale più importanti e nei giardini. Restaurato più volte, l’impianto termale cessò di funzionare nel 537 d.C.
Nome: 453-il_palcoscenico_gallery_TERME CARACALLA FOTO 25.jpg - Ingrandisci
Oggi, nelle calde serate estive, tra le rovine, vengono messe in scena opere all’aperto, la cui splendida ambientazione contribuisce ad incrementare la spettacolarità degli allestimenti e la bravura degli interpreti; lo scenario è per così dire straordinario ed ogni anno turisti di tutto il mondo e amanti dell’arte, assistono agli spettacoli che si tengono nelle Terme. Come arrivarci: l’ indirizzo è Viale delle Terme di Caracalla 52 - Bus 118 – 160 – 628 – Metro Linea B fermata Circo Massimo. L’entrata è a pagamento, gratuita sotto i 18 e sopra i 65 anni.
Nome: 453-800px-brecciaportapia FOTO 26.jpg - Ingrandisci
Le mura imperiali, fatte costruire dall'imperatore Aureliano (da qui anche il nome Mura Aureliane) arrivarono a circondare completamente la città e andarono a sostituire quelle più vecchie, erano lunghe 19 km, avevano un’altezza media di quasi 8 metri e dotate di 14 porte principali e di 5 secondarie e rimasero in uso nel corso dei secoli fino alla famosa "breccia" di porta Pia del 1870, subendo poche modifiche (ad esempio a Trastevere), alcune aggiunte (come le Mura Gianicolensi e le Mura Vaticane) e limitati rifacimenti come il Bastione del Sangallo.
Nome: 453-Muraille-Aurelien-Rome FOTO 27.jpg - Ingrandisci
Dopo il 1870 hanno perso la loro funzione dopo ben sedici secoli dalla prima costruzione di cinta murarie. Nell'ultimo secolo, dopo essere state raggiunte e superate dall'espansione della città, sono diventate un punto di riferimento e vanno a delimitare quello che è comunemente definito come il "centro storico" che equivale alla Roma dell'età imperiale.
Nome: 453-mraureliane FOTO 28.jpg - Ingrandisci
Le Mura di Roma conservate pressoché integralmente nel loro circuito con torri, baluardi e bastioni difensivi, nonché da un considerevole numero di porte fortificate, mantengono ancor oggi tutta la loro suggestione.
Nome: 453-aventino FOTO 29.jpg - Ingrandisci
28 Per rimanere in zona e rendere quindi più agevole la visita della città, proseguiremo il nostro percorso toccando l’Aventino, oggi uno dei quartieri residenziali più belli della capitale con le sue tranquille strade alberate, sulle quali si affacciano ville e palazzine spesso circondate da ampi giardini e dove svetta il bianco palazzo della F.A.O.,
Nome: 453-santaprisca FOTO 30.jpg - Ingrandisci
oppure visitando le antichissime chiese come quella di Santa Prisca risalente probabilmente al periodo in cui S. Pietro e S. Paolo vivevano a Roma e che sorge sui resti di una casa romana del I° sec. d.C.;
Nome: 453-av-santasabina esterno FOTO 31.jpg - Ingrandisci
la basilica di Santa Sabina, stupendo esempio paleocristiano del V° secolo,
Nome: 453-av-santasabina INTERNO FOTO 32.jpg - Ingrandisci
che affascina chi vi entra per la particolarità della luce che proviene a fasci da ben 26 finestre;
Nome: 453-Parco Savello FOTO 33.jpg - Ingrandisci
accanto alla basilica si apre il piccolo parco Savello, un delizioso giardino conosciuto meglio come “il giardino degli aranci” ( dalle piante d’arancio che sono nel suo interno), dal quale si gode un magnifico panorama di una parte della città.
Nome: 453-piazza_dei_cavalieri_di_malta_934.jpg - Ingrandisci
Proseguendo per via di S. Sabina e oltrepassando la chiesa di S. Alessio (sec. XVIII°), si giunge a piazza dei Cavalieri di Malta, una graziosa piazzetta settecentesca ornata di piccoli obelischi e trofei di armi;
Nome: 453-veduta_S. Pietro dal buco della serratura FOTO 35BIS.jpg - Ingrandisci
è divenuta famosa perché dal buco della serratura del portone che introduce alla villa dei Cavalieri, sulla destra FOTO 35, si gode una vista inconsueta e veramente straordinaria della cupola della basilica di S. Pietro.
Nome: 453-cavalieri-malta-serratura FOTO 35.jpg - Ingrandisci
Il complesso nato nel 939 come monastero benedettino, alla fine del XII sec. passò in proprietà ai Templari, i monaci-guerrieri difensori della cristianità contro la minaccia musulmana;
Nome: 453-800px-Piazza_dei_cavalieri_di_Maltafoto 33bis.jpg - Ingrandisci
nel 1522 qui si ebbe il Gran Priorato di Roma dei Cavalieri di Malta.
Nome: 453-Plastico_circo massimo FOTO 37.jpg - Ingrandisci
Il quartiere ospita anche il Roseto Comunale di Roma situato proprio sulle pendici dell'Aventino, in via di Valle Murcia, un nome che ricorda l'antica valle posta tra il Palatino e l'Aventino, occupata in seguito dal Circo Massimo;
Nome: 453-roseto comunale FOTO 38.jpg - Ingrandisci
comprende circa 1100 specie di rose provenienti da tutto il mondo, persino dalla Cina e dalla Mongolia: fra le più curiose vi sono la Rosa Chinensis Virdiflora, dai petali color verde, la Rosa Chinensis Mutabilis, che cambia colore con il passare dei giorni e la Rosa Foetida, una rosa maleodorante.
Nome: 453-Testaccio negozi FOTO 39.jpg - Ingrandisci
Il centro commerciale più vicino all’Aventino è il quartiere di Testaccio, dove si trovano ristoranti, bar, negozi e trattorie per tutte le tasche e dove si possono ancora assaggiare le vere ricette dell’antica cucina romana; piatti come i rigatoni co' la pajata, la coratella con i carciofi o con la cipolla, la trippa alla romana, la coda alla vaccinara, sono specialità che vanno assolutamente provate.
Nome: 453-TESTACCIO -FOTO 40.jpg - Ingrandisci
I negozi di Testaccio si adeguano al carattere popolare del rione, per cui è possibile trovare di tutto ed in special modo al mercato che ogni mattina offre veramente un autentico “pezzo” di vita romana.
Nome: 453-testaccio_aventino FOTO 41.gif - Ingrandisci
Il rione Testaccio, compreso tra via Marmorata, le Mura Aureliane e il Tevere, ha la forma di un quadrilatero quasi regolare, pianeggiante, tranne che per la collinetta artificiale da cui trae il nome, il Monte Testaccio, la grande discarica del porto dell'antica Roma, l'Emporium, formatasi per l'accumulo dei vasi di coccio,” le testae “, per l'appunto.
Nome: 453-Testaccio_caserma_dei_pompieri FOTO 42_.jpg - Ingrandisci
Da allora, fino ai tempi recenti (1975) in cui è cessato l'uso del Mattatoio, la piana tra la collina e il fiume ha mantenuto, pur attraverso ridimensionamenti e trasformazioni, una significativa attività commerciale.
Nome: 453-piazzale-ostiense con la Piramide FOTO 43.jpg - Ingrandisci
Bastano soltanto pochi minuti per raggiungere da Testaccio la Piramide Cestia dedicata a Caio Cestio Epulone, pretore e tribuno della plebe nell’antica Roma (I° sec. a.C.).
Nome: 453-piramide cestia FOTO 44.jpg - Ingrandisci
La Piramide di Caio Cestio fu costruita dal personaggio omonimo, come sua grandiosa sepoltura intorno al 20 a.C., seguendo la moda (egizia) dell'epoca. Misura circa 30 metri per lato, è alta poco più di 36 ed è costruita da un nucleo di calcestruzzo rivestito di blocchi di marmo bianco con camera sepolcrale in mattoni all'interno.
Nome: 453-cimitero deglli inglesi FOTO 45.jpg - Ingrandisci
Nelle vicinanze meriterebbe una visita il Cimitero Protestante chiamato anche “cimitero degli Inglesi”,
Nome: 453-cimitero_protestante testaccio FOTO 44BIS.jpg - Ingrandisci
dove in un bellissimo giardino, sono sepolti artisti e scrittori della fama di Shelley, Keats, Gramsci e il figlio di Goethe.
Nome: 453-S. Paolo fuori le mura esterno FOTO 46.jpg - Ingrandisci
La chiesa attuale di S. Paolo fuori le Mura (pl. di S. Paolo), è una fedele ricostruzione della basilica del IV° sec. distrutta da un incendio la notte del 15 luglio 1823 e comprende, oltre vari mosaici, sotto l’altare la “confessio” la tomba di S. Paolo, il cui corpo si dice sia sepolto qui;
Nome: 453-S.Paolo fuori le mura Interno FOTO 47.jpg - Ingrandisci
è la più vasta delle basiliche patriarcali di Roma dopo San Pietro e la sua pianta è di dimensioni identiche a quella della Basilica Ulpia nel Foro Traiano, della quale può dare un'idea quasi perfetta.
Nome: 453-San-Paolo-fuori-le-mura_interno del complesso FOTO 48.jpg - Ingrandisci
Attiguo alla basilica troviamo un bellissimo chiostro con intarsi di marmi policromi; attorno si sviluppano la Sala del Martirologio o Oratorio di S. Giuliano, il Battistero, la Sala Gregoriana, la Cappella delle reliquie e la Pinacoteca.
Nome: 453-Abbazia_Tre_Fontane FOTO 49.jpg - Ingrandisci
La Basilica di S. Paolo fuori le mura è situata sulla via Ostiense, a circa 2 Km dalla Porta S. Paolo, sul luogo dove la tradizione vuole che Timoteo, discepolo del Santo, abbia sepolto in un'area sepolcrale le spoglie del maestro decapitato in una località lì prossima denominata ad Aquas Salvias (l'odierna Abbazia delle Tre Fontane).
Nome: 453-porta-san-paolo FOTO 51.jpg - Ingrandisci
Porta S. Paolo, posta all’inizio della vecchia via Laurentina e della via Ostiense, anticamente era chiamata Porta Ostiense e contiene nel suo interno il Museo della via omonima, che raccoglie reperti, testimonianze e ricostruzioni della strada che collegava la Roma di una volta al porto di Ostia. Vi aspetto al prossimo capitolo !
Nome: 453-TitoloRoma.jpg - Ingrandisci
Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 453-Antonello Venditti - roma capoccia.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7