Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 23-08-2017 - 06:20:30
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
I miti del cinema Nazionale ed Internazionale. Biografie e titoli dei film. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
45 Vivien Leigh I miti del cinema Nimue 03/2005 Apre eventuale link con Articolo 45 già pubblicato
Testo Articolo
VIVIEN LEIGH Nata in India il 5 novembre 1913 da un alto funzionario inglese delle colonie, poco prima della Prima guerra mondiale, vive in quel fantastico ed esotico continente fino all'età di sei anni. La famiglia si stabilisce poi in Inghilterra dove Vivien frequenta una scuola gestita da suore: un'infanzia complicata che la costringe a subire i rigidi sistemi che le venivano imposti per darle un'educazione che fosse sufficientemente adeguata. A diciotto anni, spinta dalla vocazione artistica, ma anche dalla consapevolezza della sua eccezionale bellezza, si iscrive all'Accademia di Londra. E' attratta dal teatro, ma guarda anche con occhio interessato la nuova forma di spettacolo che va prendendo sempre più piede: il cinema. Il suo ingresso nel mondo dei set cinematografici è datato 1932. Un anno prima, dunque poco meno che ventenne, era fra l'altro già convolata a nozze con Hubert Leigh Holman. Le prime pellicole girate dalla bella attrice non lasciano il segno e anche la sua personalità sembra non destare particolare interesse. E' il 1938 quando arriva la grande occasione, quel vero e proprio biglietto vincente che si chiama "Via col vento", film tratto dal fortunatissimo romanzo di Margaret Mitchell. Con questo film Vivien Leigh vincerà un Oscar. Qualcuno nell'ambiente subito sostenne che avesse approfittato della relazione instaurata, malgrado la fede nuziale al dito, con il celebre Laurence Olivier. Al di là di come andarono realmente le cose, il successo del film non modificò più di tanto la personalità della Leigh; da sempre più interessata al teatro, che al cinema. In questo fu una diva decisamente anomala nel panorama hollywoodiano, avendo girato nell'arco della carriera, nonostante le numerose offerte, solo una ventina di film. Ma la depressione delle donne che interpretava sullo schermo era anche la sua. Dalla capricciosa Rossella di "Via col vento" alla psicotica Blanche di "Un tram chiamato desiderio" (altro Oscar nel 1951, al fianco di Marlon Brando), i ritratti femminili di Vivien Leigh riflettevano la sua stessa debolezza di vivere e le sue stesse ansie interiori. La passione per il fumo (pare che durante le riprese di "Via col vento" fumasse 4 pacchetti di sigarette al giorno) e una terribile depressione sembrano condannarla e la situazione non migliora di certo dopo l'allontanamento da Olivier, nonostante sembrasse che i rapporti tra i due fossero sempre ottimi. Trascorsi gli ultimi anni di vita con tale John Merival, il suo corpo deperì lentamente con il tempo, fino a che una grave forma di tubercolosi se la portò via il 7 luglio 1967, all'età di cinquantatre anni. Incredibilmente bella e seducente, Vivien Leigh rimarrà per sempre negli annali del cinema. A cura di: Nimue
Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7