Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 23-04-2017 - 12:02:29
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Nuova pagina 1

La rubrica nasce dalla necessità di informare.
Attualità a cura di Melusina

Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
447 Carcere e criminalità Attualità Melusina 06/2008 Apre eventuale link con Articolo 447 già pubblicato
Testo Articolo

Nel medioevo, le pene corporali e torture venivano eseguite pubblicamente in piazza,come simboli dell’autorità del potere del re. Era utile ai sudditi e al sovrano per misurare la distanza tra forza e autorità.
L’origine delle moderne istituzioni penitenziarie, risale alla seconda metà del ‘700 quando, abbandonate le pene corporali e ridotto il ricorso alla pena capitale, il carcere diviene uno strumento principale per colpire i trasgressori della legge penale. Tra la fine del ‘700 e primi dell ’800 si formarono sia in Europa, che nel NordAmerica vari sistemi, o teorie penitenziarie. Nella seconda metà dell ’800 nasce il carcere moderno e le prime libertà vigilate nel 1853. Nascono codici che giustificano e rieducano la disciplina caratterizzata con due forme: carcere duro con isolamento,ed ergastolo a vita, non per una morte reale ma sociale. Il sistema carcerario italiano è regolato dalla legge n354 del 1975(norme sull’ordinamento penitenziario sull’esecuzione delle misure privative e limitative di libertà). Nuove normative dopo 1975, da qui la nuova disciplina dell’affidamento in prova ai servizi sociali; una nuova previsione della detenzione domiciliare.


 

Nella legislazione italiana il carcere è suddiviso in stabilimenti di custodia preventiva per la pena ordinaria e la pena speciale. E’ il luogo dove vengono trattenuti individui privati della libertà personale, in quanto colpevoli di reati che prevedono la detenzione.
I compiti di sorveglianza vengono affidati ad agenti appartenenti al corpo delle guardie carcerarie. Il recupero sociale si basa sull'assoluta validità del prezioso insegnamento, illuministico del rispetto per il valore dell'uomo. Il 50% della popolazione carceraria è formata da imputati in attesa di giudizio. L'attuale legge, per quanto concerne il trattamento rieducativo e il reinserimento sociale, stando alle cronache, è generalmente carente, in particolare il lavoro carcerario, che è regolamentato da norme che lo rendono una concessione rara e arbitraria, anziché l'esercizio di un diritto e di una possibilità di reinserimento. Tuttavia, il compito prioritario della criminologia, rispetto al diritto penale, è quello di ricordare ai giuristi, che il reo va sempre perseguito per quello che ha commesso e non per quella che è l'analisi fenamenologica, la quale ha evidenziato, ad esempio, che la tendenza ad agire in maniera criminale è più frequente nei maschi, che nelle femmine, nella fascia di età compresa fra i 20 e i 35 anni. La vita carceraria è regolata da una legge denominata Ordinamento Penitenziario, dove esistono regole precise, ma le parole non possono mai dare il senso della realtà del vivere in carcere.

Bisogna tener conto di dove si viene collocati. Per esempio, il dover convivere con altri detenuti sottoposti a regime speciale denominato ,41 bis, dove il sistema di vita del detenuto  e piuttosto duro, anche perche spesso vengono rinchiusi mafiosi e altri soggetti pericolosi. Isolati dal mondo, ogni giorno a scontare le pene, una condizione che diventa sempre più pesante, per chi vive la solitudine e la sensazione di rimanere indietro nel tempo. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato (art. 27 costituzione). Il bilancio di carcerazione e scarcerazione sta creando una situazione esplosiva, dato che nell'arco degli ultimi 12 mesi, a fronte di 88.000 carcerati, ne sono stati carcerati circa 90.000. Alcuni esempi: per un’immigrazione clandestina, 13 giorni di fermo, meno di un anno per furto, due per rapina a mano armata, tre anni per droga, più di due anni per violenza carnale, tre per mafia e otto per assassinio e sequestro. Sovraffollamento, suicidi, pestaggi, proteste, il carcere è anche questo, la nostra società fa fatica ad affrontare tutto ciò con serenità e lucidità.

E’ vero, dentro ci sono soggetti che hanno sbagliato, ma in ogni caso individui che in qualche modo devono essere recuperati, è questo ciò che dobbiamo mettere in evidenza. L'inserimento deve essere sostenuto e socializzato e proprio per questo, le case circondariali rappresentano un'illuminante chiave che deve regolare la società. Possiamo concludere dicendo che il carcere è il luogo dove si trovano soggetti deboli e meno tutelati, il posto oscuro, dove ogni criminale rinchiude le proprie frustrazioni, l'odio e la ribellione per aver osato sfidare l'ordine pubblico e non solo.
 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 447-A stoira e nisciuno.mid
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7