Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 29-06-2017 - 14:29:04
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione della rubrica a cura del redattore. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
437 Vi racconto di me... Intervista a DIEGO GALDINO Intervista Luca Magrini Cupido 06/2008 Apre eventuale link con Articolo 437 già pubblicato
Testo Articolo
Nuova pagina 1

Se dovessi dividere la tua vita in tre decadi, mi diresti un fatto saliente per ogni decade?
Incominciamo subito con una bella domanda.
La prima decade penso che sia quella in cui ho cominciato a lavorare nel bar di mio padre, quando ho lasciato gli studi, inopinatamente, deludendo familiari amici e tutti quelli che pensavano che per me sarebbe stato molto facile arrivare all’università e oltre. Io non ero pronto a livello di maturità, di forza interiore e di fiducia in me stesso e quindi mi sono rifugiato nel bar. Sono cresciuto con il bar Mio padre mi teneva dietro la cassa dentro il passeggino, non avevo ancora quindici anni quando ho cominciato a lavorare. Ho passato così l’adolescenza, questo ha cambiato il corso della mia vita, come in “Sliding doors”, se avessi continuato gli studi, magari adesso, chissà, dove sarei…
La seconda decade è coincisa con la nascita della prima bambina, un grande cambiamento della mia vita, ero giovanissimo e mi sono buttato a capofitto nel ruolo di papà senza esperienza, ma con molto entusiasmo.
La terza decade è quando ho iniziato a scrivere. Quando ho avuto l’idea di diventare uno scrittore, ero abbastanza maturo da intraprendere questa strada, che poi mi sono reso conto che era quella che cercavo; la mia via.



Come nasce la tua passione per la scrittura?
Sono sempre stato un grande lettore e fin da ragazzino ho amato tantissimo la lettura, ma prima di dedicarmi a questa passione, scrivevo solo cartoline estive con frasi tipo: “Buone Vacanze da Diego”…
E’ stato come lo scoppio del cannone al Gianicolo a mezzogiorno; una cosa improvvisa in seguito a un viaggio fatto in Inghilterra;, un viaggio un pò folle. Sono andato a vedere un posto che conoscevo solo per averne letto in un romanzo, volevo verificare se effettivamente era così bello. Ho preso un giorno di vacanza dal mio lavoro e ho fatto le canoniche due ore e mezzo di volo fino a Londra, sei ore di treno, un’ora e mezza su un pullman scassatissimo e sono arrivato a Penzance in Cornovaglia, nella punta estrema dell’Inghilterra. Lì ho avuto una specie di folgorazione, come se in questo posto ci fossi già stato, mi ha emozionato è stato come un dejà vu, mi ha lasciato dentro delle emozioni fortissime; appena sono rientrato a Roma, ho sentito il bisogno di scriverle su pagine. Paesaggi bellissimi, scogliere meravigliose, così ho cominciato a raccontare di questo viaggio, delle emozioni che ho provato nel vedere quelle bellezze della natura e devo averle scritte bene queste emozioni, perché il mio primo romanzo “Leonor” ha fatto diventare quello che pensavo fosse un mio hobby personale, un hobby per tutti, da quel momento non mi sono più fermato, fino ad arrivare all’ultimo libro pubblicato.


Puoi dirci da cosa prendi spunto per le tue opere?
I miei romanzi sono cinque in tutto Il primo ha la sua importanza, perché ha sancito la mia nascita come scrittore. Il secondo è ambientato nella campagna senese, anche se poi il protagonista maschile è del Minnesota; una componente straniera che cerco di inserire in ogni mio romanzo.
La mia fascinazione per l’America nasce dai romanzi che ho letto, posti che posso solo immaginare, o vedere in foto. Questa voglia di conoscere, di fare un viaggio alla scoperta dell’America, mi aiuterebbe ad apprezzare di più me stesso, sarebbe un’iniezione di fiducia per la mia attività di scrittore.
La creazione nasce da situazioni casuali, sfogliando una rivista sui parchi naturali americani, trovai la foto di una ragazza con una divisa da guardia forestale, come al solito ho immaginato quale vita potesse avere quella ragazza, come avesse potuto diventare una ranger, poi tutta la storia ha cominciato a dipanarsi come una ragnatela.
Nel caso della narcolessia, mi riferisco al libro “Il cardo di Yosemite”, ho visto un film, dove s’ironizzava molto su questa tematica, così mi sono informato sulla malattia e ho iniziato a scriverne, proprio per dare al mio romanzo una ragione importante, come scoperta di una malattia poco conosciuta.
Ho parlato con una mamma che aveva paura di tenere in braccio il suo bambino, perché vedeva delle mani che le strappavano di dosso il bambino.
Potete immaginare gli effetti drammatici! Ho cercato di far capire alle persone, che malattie cosi dette rare, possono essere distruttive per la vita di una persona.


Hai ricevuto premi per le tue opere? Quale emozione si cela nell'anima, ogniqualvolta ci si accinge ad essere premiati, veder riconosciuto un proprio lavoro artistico?
L’emozione è sempre fortissima, ricordo quando il mio libro primigenio, “Leonor”, si cimentava con altri delle major della produzione italiana; il premio in lizza era “Un libro per l’estate” la decisione a referendum popolare, votavano gli abbonati a RadiocorriereTv e quindi, le persone che avevano avuto modo di leggere il mio libro e mi avevano votato, ne erano rimaste entusiaste. E’ stata una splendida emozione e dopo questo il premio “Città di Pizzo”. In un intervallo, brevissimo, mi sono trovato dal non essere scrittore, ad essere due volte premiato, è stato difficile rimanere con i piedi per terra, quando sono tornato a fare i caffè è stata dura. Mi sentivo un po’ Clark Kent, un personaggio normalissimo di cui nessuno si accorge e dietro il quale si cela Superman, un uomo dalle grandi possibilità, dalle grandi potenzialità, che fa del bene al prossimo; io magari lo faccio facendo passare due ore serene ai lettori. C’è questa dicotomia totale tra il mio essere barista e scrittore, ho l’impressione di dover dividere due vite.

 

Parliamo del tuo libro ” L'osservatore di foglie ”, come nasce? Cosa puoi dirci circa la trama e le dinamiche tra i vari personaggi?
Questo romanzo nasce, come quasi tutti i miei romanzi, grazie ad un’immagine, una fotografia, che rappresenta il New England, un paesaggio del Vermont. Nella foto c’è una distesa di aceri rossi e gialli, che dà un effetto d’ incendio, con una donna che torna a casa a cavallo. Questa è la copertina del romanzo. Ho trovato la foto su una rivista e ho cominciato a lavoraci sopra con la fantasia, immaginando da dove la donna potesse venire, dove stesse andando, chi era, quale potesse essere la sua storia. Dentro di me è come se ci fosse una sfera con la trama, la storia esplode improvvisamente nel cervello, quindi fluisce dai centri nervosi fino alle mani e comincio a scrivere. La mia fortuna penso sia quella di riuscire in poco tempo a creare questo intreccio narrativo sulla base delle immagini e sulle sensazioni che queste mi danno. Non descrivo il paesaggio che vede il personaggio del mio romanzo, ma ciò che prova il personaggio stesso e lo proietto nel mio romanzo. L’osservatore di foglie ne è l’esempio lampante, c’è un paesaggio meraviglioso, alberi che cambiano colore dalla notte al giorno, c’è voglia di raccontare e far vedere alle persone un fenomeno naturale di rara bellezza, che attira numerosi spettatori, tra cui questi grandi appassionati del fenomeno, ossia, gli osservatori di foglie. La storia in breve è questa: una ragazza coglie l’occasione di un tirocinio al NewYork Times, per fuggire all’oppressione della sua famiglia e del suo fidanzato che non ama più. Conosce un suo collega, Clark Kent, con cui instaura un rapporto d’amicizia che poi si trasforma in qualche cosa di più, fin quando lei viene assunta dal giornale e deve comunicarlo alla sua famiglia. A questo punto succede qualcosa che non dico, altrimenti rovinerei il pathos del racconto. Un avvenimento tragico che sconvolge la vita dei due protagonisti, l’uno in un senso e l’altra in un altro. Questo evento costringe il protagonista maschile ad andare nel Vermont e a fingersi un osservatore di foglie.
Il tuo romanzo è ambientato nel Vermont, una realtà culturale e sociale così lontana dalla nostra, quali sono le motivazioni?
Kafka in “America” ci dà una delle descrizioni più' affascinanti di New York, senza esserci mai stato, è importante per uno scrittore aver visitato i luoghi di cui scrive, Salgari senza mai lasciare la sua terra ha descritto la Malesia….
Quando si parla di sentimenti, o di amore non c’è grande differenza nell’ambientazione.
Penso che una delle grandi prerogative di uno scrittore sia la fantasia, che è una finestra aperta sul mondo, con la quale supplisce alla mancanza di spostamenti e di viaggi.
Leggendo, documentandomi e utilizzando la fantasia, dò la possibilità di far credere al lettore di essere stato in questi posti senza esserci mai andato.
La mia passione nasce anche da altri romanzi che ho letto, è come se facessi una sorta di visita virtuale. Le mie descrizioni sono veritiere, posso aggiungerci qualcosa di mio, ma sono sempre studiate a tavolino.
Sono sempre stato affascinato dall’estero, con la scrittura cerco di evadere dal mio contesto quotidiano e offro dei viaggi, che materialmente non si possono fare, o per lavoro, o per mancanza di tempo. Ho approfittato della mia capacità di scrittore per viaggiare e far viaggiare. Cerco di far conoscere dei posti, come ne “Il cardo di Yosemite”, facendo una sorta di viaggio insieme ai miei lettori.

 

Ecco, visto che l’abbiamo citato, puoi parlarci in maniera più dettagliata de “Il Cardo di Yosemite”?
“Il Cardo di Yosemite” è ambientato nel parco naturale di Yosemite, penso sia lo spazio per eccellenza. Innumerevoli paesaggi diversi l’uno dall’altro, dalle cime alte, alla Sierra Nevada, Dal South Carolina a Charleston, una delle più belle città del Sud dell’America.
Nel penultimo romanzo che ho scritto, c’è una forte drammaticità di fondo, la protagonista è narcolettica. La narcolessia è una malattia del sonno, che porta una persona a vivere una vita a metà, o a non viverla per niente; provoca un rilascio muscolare totale che fa crollare al suolo, fa rimanere cosciente senza muovere neanche le palpebre degli occhi. Un narcolettico non può dire “ti amo”, perché basterebbe una piccola emozione per provocare una paralisi. La narcolessia che io tratto è quella medica, come deficienza del sistema nervoso, con i suoi effetti invalidanti e l’ho molto romanzata, perché è ancora più grave. Scrivendo “Il Cardo di Yosemite”; un romanzo d’amore, ho cercato di calarmi nel personaggio, sentendomi io narcolettico, per far trasparire sulle pagine le sensazioni e le emozioni con le quali le persone affette da questa patologia autodistruttiva sono costrette a convivere giorno, dopo giorno. Sono stato molto contento e orgoglioso di essere apprezzato dal presidente dell’associazione italiana narcolettici, che mi ha fatto capire di essere riuscito nel mio intento.

 

Ti consideri un autore romantico?
Sicuramente sì, sono uno scrittore romantico. Nei miei libri di romantico nel senso ottocentesco del termine, ci sono sentimenti e comportamenti che si trovano di rado nei contesti sociali dei giorni nostri, cerco di dare valore all’idealismo e al sentimentalismo del rapporto di coppia, una delle mie autrici preferite è Jane Austen. A me piace far sì che i miei personaggi possano ricreare atmosfere romantiche che si sono perse di vista.
Novalis cominciò a scrivere poesie perché aveva perso la fidanzata, da lì è nato il romanticismo; per far sbocciare la scrittura ci deve essere qualcosa d’interiore che si sviluppa in maniera prepotente.


 

Trai ispirazione anche dal cinema?
Le mie sono commedie romantiche alla George Cooper. Mi ispiro a film come “Sabrina”, “Colazione da Tiffany”, ma anche ai film più contemporanei come “C’è Posta per te” con Tom Hanks, o storie drammatiche come “l’Uomo che sussurrava ai cavalli” e “I ponti di Madison County”. Il genere dei miei romanzi è questo, sono appassionato di cinema e di questo genere di film. Cinematografia e letteratura si fondono molto nei miei romanzi, amo ricreare immagini con le parole, dare al lettore l’idea di trovarsi davanti ad uno schermo. Il mio sogno è quello di vedere trasformato in sceneggiatura cinematografica quello che ho scritto.

 

Porteresti un tuo libro da leggere in un'isola sperduta?
Sinceramente, lo faccio anche adesso, porto sempre con me il mio ultimo romanzo. Lo porto con me come un figlio.
Un libro che porterei su di un’isola è uno dei miei libri preferiti, Persuasione di Jane Austen.



Quali scrittori, tra i contemporanei, o quelli del passato, ami particolarmente e per quale motivo? C’è qualcuno di essi al quale ti sei ispirato?
Tra i contemporanei, apprezzo molto Ken Follett, o anche scrittori di romanzi sentimentali come Nicholas Sparks o Mark Levy, che scrivono il mio genere. Ho avuto l’onore di conoscere di persona Ken Follet alla presentazione del suo ultimo libro dove ci siamo scambiati i rispettivi romanzi. Non si aspettava di vedersi dare un altro romanzo, gli ho scritto una bella dedica: “Ho letto Hemingway Faulkner e tutti i più grandi scrittori americani, ma quando leggo uno dei suoi romanzi sono orgoglioso di essere diventato uno scrittore. “ I Pilastri della terra”, penso che sia uno dei romanzi più belli che siano mai stati scritti. Fu pubblicato in Germania senza avere molto successo, solo in seguito è stato rivalutato.
Ci sono un fatto, una persona, o un qualcosa cui dedichi i tuoi scritti?
Sinceramente cerco sempre di trovare delle dediche particolari, per esempio l’ultimo l’ho dedicato a Vincent Papale; un giocatore di footbal americano barista come me. Vincent fece un provino e fu preso proprio come è successo a me. Il mio penultimo romanzo è dedicato ad una ragazza narcolettica, che purtroppo non c’è più, le mie sono tutte dediche ponderate.

Quanta autobiografia c’è in un’opera letteraria?
C’è un pò di me in ciascuno dei personaggi, sia maschili, che femminili. La passione per l’arte, o il modo di vivere l’amore, le loro vite, le loro storie, nascono e muoiono nel romanzo. Qualche cosa c’è di me, ma non è così marcato. E’ più uno spazio aperto sulla fantasia. E’ come se raccontassi a una persona un film che ho visto, cerco di descriverlo nel miglior modo possibile e quindi i miei sono personaggi fini a se stessi. Spesso nei romanzi ci sono riferimenti autobiografici, i nomi dei personaggi sono quelli delle mie figlie, o delle mie compagnie.

 

Come concili il tuo lavoro nel bar, con il ruolo di padre di due bambine e la passione per la scrittura? Quando trovi il tempo di scrivere, o qual è il momento più creativo per te?
Sicuramente non è molto semplice conciliare queste tre parti importanti della mia vita.
Per scrivere mi alzo un’ora prima la mattina, scrivo tre quarti d’ora e poi mi preparo per andare a lavoro, mi dedico alle mie figlie, rubo un’ora al sonno per scrivere le mie storie.
Per rappresentare il mio libro a Milano mi sono svegliato alle quattro di notte, ho preparato tutto, affinché mia madre avesse meno da fare, sono corso all’aeroporto, ho fatto appena in tempo a prendere l’aereo, sono arrivato a Milano ho fatto la presentazione, ho firmato le copie dei miei libri, di corsa, ho ripreso l’aereo, sono tornato a Roma in tempo per chiudere il bar.
In poche parole sono passato dalla presentazione di un libro al lavare il pavimento del bar.
Ho fatto presentazioni a Piacenza, Genova, Milano, tutte così, anche perché cerco di non pesare sui miei genitori al negozio. Trovare la passione per la scrittura, la stima delle persone, mi spinge e mi dà la forza di continuare a fare sacrifici per scrivere.

 

Racconti le favole, o i tuoi romanzi alle tue bambine?
Ultimamente la più grande si è appassionata di Stephanie Meyer che è una scrittrice bravissima. Ho sempre amato leggere alle mie figlie i libri fantasy che leggevo io.
Il primo libro che ho letto è stato le Nebbie di Avalon, questo è per me, uno di quei componimenti che crea una nicchia, dove rimane per sempre.




Ti ringraziamo per la tua gentilezza, disponibilità e umiltà, infine ti chiediamo di anticiparci, se vuoi, qualche altro tuo lavoro imminente, o in cantiere.
C’è un romanzo che vedrà la luce nel giugno prossimo ed esula dal mio genere quotidiano. E’ la storia di una sacerdotessa della religione Wikka che s’innamora di un sacerdote; una tematica molto complessa, gotica. L’ambientazione è sempre l’America, Boston e Salem che è la città delle streghe per eccellenza. Credo che sia una bella storia d’amore, che fa conoscere un’altra tipologia di figura di donna, che è accomunata al malefico al male. Questo libro farà scoprire a tante persone qualcosa che magari adesso vedono in maniera distorta. Il libro è fantasy – storico - thriller, totalmente diverso da quelli pubblicati finora, le poche persone che l’hanno letto in anteprima sono rimaste molto entusiaste.

Pensando a un aforisma, una frase che può rappresentare e lasciando un messaggio a un tuo potenziale lettore, cosa vorresti fargli sapere ?
Una cosa che posso regalare ai miei lettori è la scoperta di un video. Andando su Youtube digitare Steve Jobs Stanford University, praticamente è il discorso che fece Steve Jobs nel 2005 alla consegna delle lauree a Stanford, dura dieci minuti e penso che ciascuno di noi dovrebbe ascoltarlo, perché ci fa capire molte cose.
In particolare nella parte finale dice, che noi abbiamo poco tempo da vivere su questa terra e di non sprecare questi giorni vivendo la vita di qualcun altro, ma cercare la cosa che amiamo di più fare, avendo fede e seguendo i nostri sogni. Lui finisce il discorso dicendo: “Siate affamati, siate folli”. Vale la pena ascoltarlo, dalla prima parola all’ultima.

http://www.diegogaldino.it

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 437-Diego Galdino midi file.mid
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7