Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 24-10-2017 - 13:13:27
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Perle d'Italia - Alla scoperta di piccoli ma incantevoli luoghi e città, da visitare. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
407 Gavorrano Perle Italia Nimue 05/2008 Apre eventuale link con Articolo 407 già pubblicato
Testo Articolo
Nuova pagina 1

 

Gavorrano sorge sulle pendici del monte Calvo, nella zona della Maremma Toscana, in provincia di Grosseto e appartiene alla zona compresa nel golfo di Follonica. Il suo nome deriva dal latino Caput Boreanum, divenuto successivamente Capo Borano, poi Lavorano, fino a giungere alla denominazione attuale. Le prime testimonianze dell’abitato risalgono al IX secolo. Della rocca di Gavorrano rimane oggi riconoscibile il circuito delle mura in filarotto, intervallato da diverse torri, notevoli le due sul lato meridionale sul quale si aprono anche due porte ad arco tondo.
La posizione, il clima, la particolare conformazione geologica, i rigogliosi boschi sempre verdi delle colline, le cerrete e i castagneti, costituiscono l'habitat ideale per una ricca fauna: cinghiali, caprioli, istrici, volpi rapaci e tanti altri piccoli animali sono comuni nei boschi e nelle campagne e tra essi anche specie altrove scomparse, come la martora ed il gatto selvatico.


Nelle campagne possono essere ancora ammirati scorci del tradizionale paesaggio rurale toscano, con oliveti, campi, siepi e filari di cipressi e vigneti. Questo ultimo settore è oggi uno dei più importanti dell’ agricoltura maremmana, con oltre 300 ettari di vigna coltivata ed in continua espansione, tanto da fare di Gavorrano uno dei maggiori produttori del comprensorio. Di rilievo, sia per la capienza sia per la loro struttura architettonica che si armonizza con il paesaggio maremmano, anche le grandi cantine che si stanno costruendo, una delle quali, in via di realizzazione, è stata progettata dall'architetto Renzo Piano uno dei maggiori architetti contemporanei le cui doti sono universalmente riconosciute.
Nella campagna di Gavorrano sorge il castello di Pietra, cuore di una delle leggende più care alla poesia dell’occidente, sia altissima che popolare. Da quando Dante fece dire a Pia de’ Tolomei quel “Disfecemi Maremma” non c’è stato cantastorie che non l’abbia ricordata. Oggi un interessante recupero archeologico lo restituisce alla visita e alla conoscenza.
 

Il Parco Naturalistico Minerario di Gavorrano si estende nell'ampia regione delle Colline Metallifere della Toscana Meridionale a pochi chilometri dal mare (Golfo di Follonica – Mar Tirreno) ed è caratterizzato da rilievi collinari con ripidi pendii, coperti da una rigogliosa macchia mediterranea, fra i quali spiccano il Monte Calvo (468 m slm) e il Monte Calvino (454 m slm).


Sugli opposti versanti del Monte Calvo si trovano gli abitati di Gavorrano e Ravi attualmente collegati da un complesso sistema minerario (più di cento chilometri di sviluppo di cantieri e gallerie) realizzato a partire dalla fine del XIX fino agli anni '80 del XX secolo e finalizzato alla coltivazione del minerale di pirite (solfuro di ferro).
Oggi il paesaggio storico del territorio di Gavorrano è profondamente segnato dalla presenza di numerosi castelli minerari, di grandi cave a cielo aperto, di resti di strutture per trattamento del minerale (laverie, dorr), di discariche, di pilastri delle teleferiche per il trasporto del minerale e di veri e propri villaggi minerari.

L’itinerario attraverso il Parco delle miniere parte da Gavorrano. Nei pressi del centro abitato a fianco della Galleria Impero sorge il centro visite dove si può attraversare un tratto di galleria scavata nella collina. Da Gavorrano bisogna spostarsi nel paese di Ravi dove sono da vedere le attrezzature complesse della miniera di Ravi Marchi.



Nella chiesa di S. Giuliano è conservata una piccola statua di marmo raffigurante la Madonna con bambino opera dello scultore senese del ‘300 Giovanni d’Agostino. Da visitare nei pressi del Palazzo comunale il Centro di Documentazione dove sono conservati interessanti reperti degli scavi archeologici realizzati a Castel di Pietra.
Bagno di Gavorrano, antico borgo termale, divenuto oggi il centro più densamente popolato di tutto il comune. Si trovano qui numerosi impianti sportivi: piscina comunale, stadio, palestre, piste polivalenti e campo da golf.


TEATRO DELLE ROCCE a GAVORRANO




La sagra rurale del “ Luglio Casteanese”

fine settimana del mese di luglio (dal 7 al 17)
La sagra rurale del “ Luglio Casteanese”, che sta ormai divenendo un evento ricorrente, propone iniziative molto interessanti, dalla rievocazione della trebbiatura, alle mostre di arti e mestieri dell’artigianato locale, ai dibattiti sull’agricoltura e sull’ambiente, alla valorizzazione dei prodotti tipici e delle tradizioni.
GREY CAT FESTIVAL
Seconda metà del mese di agosto
Rassegna musicale dedicata al jazz che movimenta, nella seconda metà del mese di agosto di ogni anno, il Comune di Gavorrano, insieme a quelli di Follonica, Scarlino, Porto Santo Stefano, Massa Marittima, Roccastrada, Monterotondo e Capalbio, con il Patrocinio della Regione Toscana. I concerti vengono eseguiti da grandi nomi e giovani interpreti di questo genere musicale e sono allestiti nei teatri, nelle piazze e nei centri storici.
CHIARO DI LUNA


 


Periodo estivo
E' il cartellone estivo delle manifestazioni spettacolari (teatro, musica, danza, sagre, eventi sportivi) che si svolgono nei Comuni delle Colline Metallifere con il contributo della Amministrazione Provinciale di Grosseto.
FESTA DI MEZZO AGOSTO
Il 15 agosto e dintorni di ogni anno
Per alcuni giorni nel periodo di ferragosto si svolge a Caldana una festa con spettacoli, giochi, vecchi mestieri e sagra gastronomica. Possibilità di visita delle stupende cantine del centro storico.
SAGRA DEL TORTELLO
Nei fine settimana dei mesi di luglio ed agosto
La Sagra del Tortello si tiene nella frazione di Grilli
IL SALTO DELLA CONTESSA
Nella domenica più prossima al ferragosto di ogni anno
A Gavorrano, viene effettuato “Il Salto della Contessa” rievocazione storica in costumi medievali della tragica morte della Pia dei Tolomei nel Castello di Pietra. Cortei storici, esibizioni di sbandieratori, un palio equestre tra le due contrade dei Tolomei e dei Pannocchieschi, fanno da prologo alla rappresentazione serale nel centro storico. Questa iniziativa richiama ogni anno nel Capoluogo migliaia di turisti.
SAGRA DELLA POLENTA
Fine settimana del mese di Ottobre
Nei fine settimana del mese di Ottobre nella Frazione di Bivio Ravi si svolge ogni anno la Sagra della Polenta iniziativa gastronomica legata alla preparazione di piatti della tradizione maremmana.
FESTA D'AUTUNNO
Ottobre - Novembre
Sempre nel periodo autunnale, nella frazione di Caldana viene effettuata la sagra ”Festa d’Autunno”, nell’occasione è possibile gustare piatti preparati con funghi porcini, carne di cinghiale, castagne ed altri prodotti della nostra terra, si può inoltre assistere a spettacoli di vario genere ed alla rappresentazione di antichi mestieri, nonché visitare le spettacolari cantine del centro storico.











 


Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 407-Mattinata fiorentina.mid
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7