Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 24-08-2017 - 10:50:37
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
I miti del cinema Nazionale ed Internazionale. Biografie e titoli dei film. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
402 Agostina Belli I Miti del Cinema Nimue 05/2008 Apre eventuale link con Articolo 402 già pubblicato
Testo Articolo
Nuova pagina 1

Agostina Belli nasce a Milano il 13 aprile del 1949. Segretaria alla Rinascente di Milano, interpreta per gioco un ostaggio in Banditi a Milano di Carlo Lizzani nel 1968.
Trasferitasi a Roma, partecipa a una sterminata serie di commedie, musicarelli e thriller tra cui i cult Giornata Nera per l'Ariete con Franco Nero e Barbablù con Richard Burton.
La sua bellezza semplice e luminosa la rende un sex symbol degli anni settanta, tanto che i press agent cominciano a incitare una rivalità con Laura Antonelli.

Agostina riesce a farsi notare per il ruolo della moglie di Giancarlo Giannini in Mimì Metallurgico ferito nell'onore di Lina Wertmüller anche se sono i più popolari L'ultima neve di primavera di Raimondo Del Balzo e Sepolta viva di Aldo Lado a imporla al grande pubblico e farle conoscere il futuro compagno, l'attore Fred Robsahm, cognato di Ugo Tognazzi.


Nel 1974 è Sara in Profumo di donna di Dino Risi, il ruolo della sua vita, anche se ammetterà che il rapporto con Vittorio Gassman non fu facile.
Ormai famosa, la Belli viene chiamata per parti più importanti ma non vuole slegarsi dal cinema prettamente commerciale. Nel frattempo, infatti, continua a frequentare la commedia erotica all'italiana, talora ambiziosa come ne Il piatto piange di Paolo Nuzzi, tratto da Piero Chiara, per il quale vince un Globo d'Oro, altre volte trascurabile come Due cuori, una cappella con Renato Pozzetto e Virilità di Paolo Cavara.


Risi la vuole ancora per Telefoni Bianchi, che le vale il David di Donatello speciale. Il film viene accolto freddamente in Italia ma ha grande successo in Francia, dove la Belli viene subito chiamata per affiancare Philippe Noiret in Giochi di Fuoco.
Sul finire degli anni settanta, la Belli è un'attrice perfetta per le coproduzioni internazionali come Holocaust 2000 con Kirk Douglas, Il Genio con Yves Montand, Doppio delitto con Marcello Mastroianni e Peter Ustinov, Un Taxi color Malva con Fred Astaire, Charlotte Rampling e ancora Ustinov e nel 1978, Enfantasme di Sergio Gobbi un inquietante dramma che segna il suo abbandono dalla scene per alcuni anni.

Quando torna sul set, sono gli anni ottanta, il cinema è cambiato e dividersi, come aveva sempre fatto, tra film di cassetta come Vai avanti tu che mi vien da ridere con Lino Banfi e altri più ambiziosi come La Guerrigliera di Pierre Kast non l'aiutano a risollevarsi. Nel 1996 decide di ritirarsi dalle scene.
Nel 2006, dopo un lungo silenzio, interrotto solo da qualche dimenticabile fiction televisiva, la Belli torna sulle scene con il film Uno su due di Eugenio Cappuccio, con Fabio Volo. Nel 2007 viene presentato al festival di Venezia Natural Born Star un commovente documentario di Even Benestad, ispirato al periodo d'oro e al declino dell'ex compagno Fred Robsahm.

Come dimostrano film come Conviene far bene l'amore e Cara Sposa, oltre alla bellezza, Agostina Belli possiede una vis comica notevole, mai veramente sfruttata dal cinema italiano.

 


Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 402-PATTY PRAVO La bambola.mid
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7