Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 22-08-2017 - 18:42:29
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione della rubrica a cura del redattore. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
370 FRA MUSICA E TEATRALITA’ - Intervista a Sal Da Vinci Intervista Nimue 03/2008 Apre eventuale link con Articolo 370 già pubblicato
Testo Articolo
Nuova pagina 1

Sal Da Vinci, artista dalle grandi doti canore e professionista del teatro, il primo debutto all’età di sei anni accanto al papà Mario Da Vinci, erede dei più grandi interpreti e personaggi della musica napoletana…

Musica, cinema, teatro, ambasciatore di solidarietà…Come fa un artista come Sal Da Vinci a seguire tutto questo e a farlo egregiamente?
E’ una scelta di vita, è un modo di confrontarsi con il mondo esterno, è un mio modo di essere. Mi sono sempre preoccupato, nel mio piccolo, di aiutare chi era meno fortunato di me, solo che, forse oggi, ha più risonanza, perché la gente mi ha regalato la popolarità.

Quanto hai ereditato da tuo padre Mario?
Sicuramente mio padre mi ha dato la possibilità di “affacciarmi alla finestra” di questo mondo fatto anche di arte, quindi, grazie a lui, ho avuto delle opportunità, anche se, sono sempre stato convinto, che se non ti migliori, se non costruisci una tua visione delle cose, non vai da nessuna parte.



Che rapporto hai con la tua città natale?
Il mio rapporto con Napoli è viscerale; ho a cuore la mia città. Nonostante le tante opportunità che ho avuto di spostarmi, non l’ho fatto, perché Napoli mi ha dato più di quello che io le ho dato, per cui sono in debito. Poi, magari, succede come è accaduto ad altri miei colleghi, che per esigenze di lavoro si sono dovuti spostare, cambiare città, dove, per altro, sono stati comunque accolti benissimo. Il mio sogno è quello di poter continuare a vivere nella mia Napoli e divulgare questo linguaggio musicale nel resto del Paese. Svegliarsi ogni mattina, sotto il cielo della mia città è una delle priorità. Napoli non è soltanto spazzatura… non ci voglio nemmeno pensare e sono convinto che questa città ce la farà un giorno a riscattarsi, i napoletani ce la faranno ad uscire da questo torpore.

Gli esordi… Un film di grande successo, al fianco di un bravissimo Carlo Verdone e di un indimenticabile Alberto Sordi. Che ricordi hai di quel periodo?
Un ricordo di transizione, è stato un periodo particolare della mia vita, segnò la fine di quell’era della sceneggiata, che avevo condiviso con mio padre in quegli anni, mi affacciavo ad affrontare la vita da solo. Non è stato facile… L’unica cosa che non abbandonerò mai sono i sogni, sognare non costa nulla. Io continuo a farlo attraverso quel cammino, che ricordo sicuramente con tenerezza, anche perché mi sono confrontato con un linguaggio diverso…è stata una bellissima esperienza.
 

Come nasce la passione per la musica?
La passione per la musica è nata in ritardo. Io da adolescente non ero un cantante, mi sono dedicato per lungo tempo al teatro e poi ho iniziato ad affrontare il discorso musicale dopo i vent’anni. E’ stato bellissimo, perché ho incontrato una mia cara amica che è la musica, che mi accompagna e spero mi accompagnerà ancora per molto tempo e questa mia cara amica mi ha anche salvato, perché mi ha dato la possibilità di poter imparare un mestiere, di confrontarmi con la gente e di farla emozionare e questa è la cosa più bella. Posso ritenermi fortunato da questo punto di vista, anche se le avversità sono tante, non parlo personalmente, ma per quello che vedo, per la nostra società, le cose che mi passano davanti e mi piacerebbe tanto poter risolvere… Nel frattempo, spero di farlo almeno con la mia musica.

Perché a certi artisti viene concesso molto spazio per farsi conoscere ed apprezzare, mentre ad altri, meritevoli, spesso non viene dato il giusto riconoscimento?
Sono dei meccanismi, che in quel momento girano in quella direzione. Io credo, che quando hai del talento, prima, o poi, la possibilità ti viene data, è solo questione di tempo.

Hai partecipato ad un solo festival di Sanremo e poi nulla, come mai?
Ho partecipato al festival Italiano di Canale 5, che voleva essere un anti-Sanremo e l’ho vinto. In quell’occasione c’era un cast straordinario ed io mi sono ritrovato a gareggiare con la grande Mia Martini, Fausto Leali, Cristiano De André, Nek… Un cast molto forte, è stato un evento straordinario, sicuramente indimenticabile. Io presentai un progetto musicale, il brano s’intitolava Vera e da lì, in seguito, mi sono sempre diviso fra musica e teatro, attraversando anche periodi difficili.

Hai duettato con grandi artisti del calibro di Lucio Dalla, Gigi D’Alessio e Gigi Finizio, com’è nata questa collaborazione?
La collaborazione è nata, perché D’Alessio ci convocò a me e a Gigi Finizio, per realizzare un pezzo dedicato a Napoli. Ci trovò subito disponibili, perché era un brano bello, spensierato, poi Gigi D’Alessio chiamò anche Lucio Dalla per avere un ulteriore contributo musicale e così realizzammo questa canzone che si chiama Napule. In seguito Lucio mi chiese di partecipare ad un suo concerto di Capri, io quella stessa sera avevo un altro spettacolo, ma accettai ugualmente, facendo un omaggio a Renato Carosone, di un brano scritto da Claudio Mattone, che s’intitolava ‘Na canzuncella doce, doce”.



Dal punto di vista musicale, che progetti stai curando?
Sto lavorando per un pezzo che uscirà ad aprile, scritto da me e da Vincenzo D’Agostino.
Poi andrò a fare una serie di concerti ai quali seguirà un tour estivo. Inoltre, voglio ricordare, che sono anche testimonial per la ricerca della talassemia; lo dico sempre in tutte le mie interviste.


Qual è il brano che riesce a emozionarti di più, ogni volta che lo riproponi al pubblico?
Tutte le canzoni hanno un valore e quelle che canto sono sempre interpretate con sentimento.
Non ti saprei dire…mi piace raccontare le cose attraverso le canzoni.

Parlaci delle straordinarie realizzazioni teatrali: Anime napoletane e C’era una volta scugnizzi…
C’era una volta scugnizzi è stata un’esperienza che ho sposato da subito, scritta da Enrico Vaime, testi e musica sempre di Claudio Mattone. Mi ha dato la possibilità di toccare con mano quelle storie che mi hanno sicuramente cambiato e anche segnato, alle quali prima non davo troppa importanza. Oggi, al di là del mio lavoro, ho cercato di costruire anche una strada di solidarietà. Anime napoletane, invece, è una sorta di percorso a ritroso nel tempo, riprendere un repertorio musicale internazionale, fatto di classici napoletani e farne uno spettacolo teatrale. I passati storici del nostro Paese… anche qui è stata una bellissima esperienza.




A quando un concerto nella capitale?
Spero al più presto, mi auguro che si possa realizzare prima possibile. Sono già stato quattro volte a Roma con C’era una volta scugnizzi, però mi piacerebbe tornare in questa meravigliosa città, in veste di cantante, proponendo al pubblico la mia musica. Io ho tanti amici romani e il popolo romano lo considero bella gente, di cuore.

Purtroppo il tempo a nostra disposizione termina qui, io ti ringrazio per la gentilezza e disponibilità dimostrataci, con la certezza di risentirci presto, per un’altra intervista.

Un abbraccio forte a voi. Quando uscirà il singolo, sarò comunque disponibile per un’altra intervista. Grazie e a presto.




 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 370-COSAGRAN.MID
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7