Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 24-10-2017 - 04:07:41
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione della rubrica a cura del redattore. Nimue
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
344 La musica nel cuore... Intervista a Stefano Mecca Intervista Nimue 03/2008 Apre eventuale link con Articolo 344 già pubblicato
Testo Articolo
Nuova pagina 1

 

Finalmente, dopo diverso tempo, riesco a farmi concedere questo appuntamento, più volte rinviato, a causa dei suoi tanti impegni professionali, ma lui, da buon napoletano, estremamente simpatico e galante, per farsi perdonare della lunga attesa, mi invita a raggiungerlo in un ristorantino del centro di Roma…

Ciao, Stefano, che bello rivedersi dopo tanto! Che ne dici se, per cominciare, ripercorriamo insieme i tuoi esordi, la musica, il teatro e il successo?…
Bene, carissima… La musica, il teatro, il successo… Io nasco musicalmente, all’età di quattro anni, nel senso, che mio padre mi faceva ascoltare già a quei tempi, le opere liriche. Lui era cantante al Teatro S. Carlo di Napoli, quindi sono cresciuto con questa bellissima atmosfera del teatro lirico, che in qualche modo mi appartiene tuttora; la giusta fusione fra la finzione scenica del teatro e la musica, che poi è ciò che più mi appartiene. Fin da bambino ho iniziato ad appassionarmi al canto, fino a quando mi fu regalata la mia prima chitarra, quando avevo otto anni, a Natale, acquistata dal grande maestro Roberto Murolo, che era amico di mio padre e da lì ho cominciato ad avvicinarmi più seriamente alla canzone napoletana.

E’ un percorso che sicuramente mi ha accompagnato nella mia infanzia, contrariamente a tutti i ragazzi della mia età, che impiegavano i pomeriggi a giocare a pallone dai Salesiani; una struttura vicinissima a casa nostra, io invece cercavo d’impegnarmi prendendo tutto ciò che era l’antica tradizione della canzone napoletana, avvicinandomi a questi grandi artisti, anche perché vivevo spesso con i miei nonni, che non ascoltavano altro che Roberto Murolo, Renato Carosone e quindi erano delle figure sicuramente fondamentali per uno come me, che già sentiva così vicina quest’affinità di anima, nei confronti di una tradizione, che poi, ancora oggi è presente a Napoli. La fortuna che abbiamo noi napoletani, è che fin da piccoli riusciamo ad addentrarci in un discorso così culturalmente profondo, che poi ci accompagna per tutta la vita.


Come nasce la scelta di avvicinarti alla canzone classica napoletana?
La scelta nasce sicuramente per passione, per questo avvicinamento di cui ti ho parlato prima. Tutto si ricollega alla mia prima chitarra classica, quando fortuitamente, conobbi “Robertino” (Roberto Murolo), come lo avevo soprannominato e dagli otto, fino ai sedici anni, ho trascorso la mia infanzia con lui, tutti i pomeriggi ero a casa sua, di nascosto dei miei genitori, che, in realtà, erano convinti che andassi all’oratorio, mentre io mi recavo dal grande maestro. La cosa stranissima, che ancora oggi non mi spiego, è che una persona di una certa età, già all’epoca anziana, si potesse così tanto appassionare ad un bambino, al punto di avere questa frenesia, quest’entusiasmo nel trasmettere delle storie, delle atmosfere, o degli accordi, che poi sono stati fondamentali per la mia formazione musicale. Indubbiamente è stata un’impronta fondamentale, per la mia infanzia, che ricordo con grandissima tenerezza. Casa di Roberto era un museo meraviglioso, tutto ciò ricollegava a un’epoca di ricordi, a partire dai mobili degli inizi del ‘900, che erano appartenuti a suo padre; era rimasto tutto invariato.
Figlio d’arte, discendente dalla famiglia dei Lambiase, ma quanta passione hai ereditato dai tuoi genitori?
Passione sicuramente tanta…grazie anche ai miei genitori. Come ti stavo dicendo, discendo da una famiglia di artisti del ‘700, per quanto riguarda i miei genitori, mio padre cantava nel coro del San Carlo e mamma, che a sua volta aveva avuto un’influenza artistica dai suoi genitori… C’è stato comunque un salto di generazioni, nel senso, che i miei non si sono comunque dedicati totalmente all’arte e quindi, pur provenendo da una famiglia certamente borghese, là dove l’arte non era più considerata fondamentale e sicuramente formativa per un giovane, che ha in mente di avere successo nella vita. Forse sono stato frenato dal punto di vista pratico, ma emozionalmente stimolato, grazie al fatto che da piccolo sono stato avvicinato a questo interesse, sia dal punto di vista musicale, che teatrale.
Sei stato l’ultimo allievo e musicista del grande maestro Roberto Murolo, che ricordi conservi del rapporto professionale che hai avuto con questo indimenticabile artista?
Intanto una grande fortuna. Lui non era un docente, non teneva lezioni di chitarra e tantomeno di musica napoletana, quindi, i pochi allievi che ha avuto, sono stati fortunati, io sono uno di quelli. Io sono stato l’ultimo, perché ero il più giovane e per me è stato un incontro magico. Tutto quello che porto dentro, da un punto vista personale ed emozionale, è dovuto soprattutto a quest’uomo meraviglioso, dolcissimo, tenerissimo, che oltre ad avere una cassa armonica all’interno del suo corpo, assolutamente unica, aveva una grande anima, che tanto ha saputo farsi riconoscere dalla mia.

 

 

 

E’ stato un bel percorso fondamentale, perché, all’epoca, all’età di sedici anni, un’età comunque difficile, eravamo deviati in altri interessi, che ci allontanavano certamente dalla tradizione, parliamo degli anni ’70-’80, per cui, anche molto influenzati dalla
Stai riportando in tour lo spettacolo Risate di Capodanno, che lo scorso anno ha ottenuto grande consensi in quel di Roma, che messaggio intendi dare al pubblico con questo musical?
Fra tutti i cabarettisti e attori, con chi ti piacerebbe condividere un’esperienza lavorativa teatrale?

 

 

 


Sei nato a Napoli, città quasi paragonabile ad una regina che ha perso la corona, eppure da sempre decantata dai più grandi poeti, artisti e musicisti di tutto il mondo. Quanta sofferenza prova un cittadino napoletano, davanti a problematiche importanti, come quelle che si vivono in questi giorni?
Da diversi anni collabori professionalmente con l’amico di sempre Pino Azzardo; egregio cantante e cabarettista, che progetti state realizzando insieme?


Un sogno nel cassetto?
Il ricordo più bello, quello che ha lasciato un segno profondo nel tuo cuore di artista…
Carissimo Stefano, grazie da parte mia e di tutta la redazione per la gentilezza e disponibilità dimostrataci. Spero di rivederti presto, per trascorrere insieme, ancora qualche ora in piacevole compagnia.


 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 344-Ie te vurria vasa.mid
clicca per aprire la foto 344-Track06.MP3 Tratto da CD Risate di Capodanno Alla chitarra classica: Stefano Mecca Voce: Pino Azzardo
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7