Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 29-06-2017 - 14:27:04
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Avvenimenti - a cura della Redazione Nimue e Melusina
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
258 Ricordi del Cinema - LUIGI COMENCINI Avvenimenti Infinito 02/2007 Apre eventuale link con Articolo 258 già pubblicato
Testo Articolo
Nuova pagina 1 Nuova pagina 1

Luigi Comencini nasce a Salo' l'8 Giugno del 1916 e lascia al cinema italiano un'impronta indelebile, fatta di quella melodia che solo un grande maestro può comporre, regalando a chi ancora crede nel cinema italiano un segno profondo di umiltà e forza e che lascia nel tempo e nello spazio grande capolavori.
Nel cinema di Luigi Comencini ci sono sempre molti "bravi italiani", accomunati dal temperamento orgoglioso e dal linguaggio disinvolto.

Armonioso lo stile, che gli ha permesso di distaccarsi dall'amarezza e dall'asprezza del neorealismo, per avvicinarsi alla commedia all'italiana, e firma con Suso Cecchi D'amico, Age & Scarpelli delle sceneggiature perfette, dove i personaggi rimangono comunque autentici e sfaccettati, ma tornano a sorridere, anche dopo la guerra e la ricostruzione delle proprie esistenze, un mondo che, in fin dei conti, non cambia mai.

Comencini ci rende vicini alle sue storie, anche perché basate tutte su struttura familiare,molto simile al nostro quotidiano (o a quello di un tempo almeno). Per questo i protagonisti dei suoi film "nascono da soli", rendendoci fieri, man mano che la pellicola procede, di essere italiani come loro.
Lombardo, padre delle sorelle Comencini (Paola, Cristina e Francesca, avute dalla felice unione con la figlia della principessa Grifeo di Partanna, Giulia) e archiviata la laurea in architettura presso il Politecnico di Milano, dopo aver svolto l'attività di critico e giornalista, fonda con Alberto Lattuada e Mario Ferreri la Cineteca Italiana. Poi decide di dedicarsi alla regia, inizia con alcuni cortometraggi in 16 mm per il Cine-guf del capoluogo lombardo e con i documentari
La Novelletta (1937), Bambini in città (1946) e L'ospedale del delitto (1950).

Nel 1943, si affinerà anche come sceneggiatore (oltre che come aiuto regista) per Ivo Perilli ne La Primadonna, ma il suo primo film a soggetto troverà la luce solo nel 1948, si tratta di Proibito rubare con Tina Pica e Adolfo Celi. Pellicola che lo mise subito in vista da critica e pubblico per il suo talento.
Dopo aver diretto
Totò in una delle sue avventure (L'imperatore di Capri), troverà un enorme successo con la pellicola Pane, amore e fantasia (1953), storia d'amore tra un maresciallo e un'ostetrica di paese, incrociata a quella di una fanciulla poverissima, soprannominata "la Bersagliera" (interpretata da una memorabile Gina Lollobrigida che da quel momento in poi farà suo quel soprannome) e un carabiniere impacciato. Il film vince l'Orso d'Argento al Festival di Berlino e lancerà ufficialmente la nascita di un nuovo genere cinematografico tutto di casa nostra: la commedia all'italiana, che prosegue con Pane, amore e gelosia, La bella di Roma e Mariti in città.
Nel decennio successivo, continua a dare prove della sua bravura anche come regista drammatico in Tutti a casa (1960), La ragazza di Bube (1963) e Incompreso (1966). Temi ancora sentiti sulla pelle degli italiani.

Una su tutte: la povertà del dopoguerra. Mentre negli anni della liberazione sessuale e della contestazione, si specializza nella pungente commedia satirica ridendo e facendo ridere gli italiani dei loro stessi vizi. I piaceri del sesso, della ricchezza e del gioco sono rappresentati perfettamente in Infanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova, veneziano (1970), Il gatto (1977, in cui è anche attore) e Lo scopone scientifico (1972), film con i quali conquista anche la televisione. Sarà infatti consacrato a padre del cinema italiano del Novecento, firmando il telefilm che, più di ogni altro nella storia della televisione, ha riscosso unanime i plausi di critica e pubblico: "Le avventure di Pinocchio".

La sua firma dietro la macchina da presa, lascia una traccia fortissima e vitale nell'immaginario e nello sviluppo dell'Italia post Sessantotto, stimolandola con il suo occhio pungente e sagace, a guardare al di là delle apparenze e delle facili bugie.
Membro della giuria del Festival di Venezia, nonché Leone d'Oro alla carriera nel 1987, negli anni Ottanta firma i suoi ultimi lungometraggi:
Cercasi Gesù (1982), Un ragazzo di Calabria (1987) e Buon Natale… Buon Anno (1989). Poi è ancora televisione con Cuore e La Storia, mentre la sua ultima regia è tutta per il remake di Marcellino pane e vino (1955), intitolata semplicemente Marcellino (1991).


Luigi Comencini ha diretto tra i più grandi attori italiani:
Giulietta Masina, Gassman-Tognazzi-Mastroianni, Alberto Sordi, franco e ciccio , Gino Cervi, Stefania Sandrelli e Silvana Mangano.

Ma non si fece mancare star straniere come Fernandel, Gérard Depardieu e Bette Davis.

Direzione fatta con maestria e con quella una vocazione unica al cinema che tangibile e totale in tutte quelle storie che sono accomunate dalla stessa matrice tipicamente italiana. Trame e scene intense che avvolgono lo spettatore rendendo plausibili sentimenti ed emozioni.

Inventivo, coraggioso, disposto a rischiare e a provare diverse situazioni, anche quando potrebbe rendere i suoi personaggi dei comuni stereotipi di casa nostra, Comencini è, oltre che un mentore, un conoscitore del valore delle parole. Soprattutto di una: italiani.

Come scegliere dunque di parlare di uno solo dei suoi film?

seguendo il suo esempio; scegliendo ogni cosa con il cuore, con la verità di un sentimento unico e che si discioglie dinanzi alla grandezza di tale Maestro, ritrovando nella conclusione dei suoi lavori un film tenero e forte, che oggi mi ricorda un lieto fine seppure nella sua amarezza, e che scelgo per la stessa malinconia del suo protagonista. Lo scelgo per dedicarlo oggi a mia madre, sentendo forte la fede e la profondità di questo amore.

 

Marcellino(1992)

Luigi Comencini e lo sceneggiatore E. De Concini l'hanno strutturato il film come una favola ,con frati buoni e un conte cattivo e con un finale che dà nel magico invece che nel miracoloso, mettendo in immagini con sobrietà e concisa eleganza figurativa la sottile differenza tra realtà e miracolo con forti effetti emozionali senza però il minimo artificio.

Per questo remake si rifà alla filosofia originaria del film, ma con uno slancio nuovo, ironico che si propone in un contesto verosimiliare ma che non disturba i miracoli, ma sorride al fantastico.

Tratta da un'antica leggenda popolare la storia racconta di un bambino che i frati raccolgono in fasce e allevano con tanta cura e amore. Fattosi più grande, Marcellino sente moltissimo la mancanza della mamma, che nelle sue fantasie ha i connotati della Madonna. Un nobile del luogo, credendolo un suo figlio naturale, decide di adottarlo. Ma la vita del castello non è fatta per Marcellino, che fugge e torna al convento e ai suoi adorati frati. Un giorno egli trova un crocefisso abbandonato in una soffitta.

Tra il bimbo e l'effige di Cristo si stabilisce una tenera amicizia: ogni giorno Marcellino porta al suo "amico" del pane e del vino sottratti alla dispensa dei frati. Gesù ascolta le pene e i desideri del bambino e quando questi gli chiederà di vedere la sua mamma, Cristo lo accoglierà nelle sue braccia e gli chiuderà gli occhi nel sonno eterno...

Commuovente e ingenuo racconta la capacità del regista di entrare nel mondo fanciullesco e interpretare l'emozione rara e pura di un bambino senza essere mai banale, ne impropriamente sdolcinato. Straordinario il piccolo protagonista Nicolò Paolucci.

·

A cura di INFINITO

Midi ArticoloFileNome FileCommento
clicca per aprire la foto 258-Elenco di riproduzione1.wpl
clicca per aprire la foto 258-Sigle TV - Pinocchio (1972) Fiorenzo Capri.mp3
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7