Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 27-06-2017 - 14:13:00
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Passeggiate su luoghi e itinerari italiani, spesso a tema. Antonio Timoni
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
247 La Tuscia romana - parte seconda A spasso intorno a... Antonio Timoni 04/2007 Apre eventuale link con Articolo 247 già pubblicato
Testo Articolo
Nuova pagina 1

Foto ArticoloContinuo Articolo
Nome: 247-VALENTANO - Rocca Farnese e la Collegiata 1.jpg - Ingrandisci
Eccoci nella seconda ed ultima parte del nostro itinerario nella interessantissima Tuscia romana; avevamo finito di visitare Tuscania e i suoi dintorni e ci apprestavamo a lasciare la cittadina. Lasciata quindi Tuscania alle nostre spalle, prendiamo verso nord toccando i paesi prima di Piansano e poi di Valentano, visibile su un poggio a circa 500 metri di altitudine con la torre della Rocca e il campanile della Collegiata; nei dintorni sono visibili numerose cave di pozzolana, dato che il territorio è di origine vulcanica.
Nome: 247-ISCHIA DI CASTRO - la parte antica 2.jpg - Ingrandisci
Siamo ai margini del lago di Bolsena e girando a sud ovest verso la costa tirrenica, raggiungiamo velocemente Ischia di Castro (Km 41 da Viterbo),
Nome: 247-ISCHIA DI CASTRO - Palazzo Ducale detto anche La Rocca 3.jpg - Ingrandisci
borgo medievale posto su uno sperone di tufo arroccato intorno al Palazzo ducale o Rocca, da cui si accede attraverso una porta ad arco sovrastata dalla Torre dell’Orologio
Nome: 247-Ermete 4.jpg - Ingrandisci
piazza di Sant’Antonio dove sorge il Palazzo municipale, si raggiungono la Parrocchiale di S. Ermete con un fonte battesimale cinquecentesco e uno stupendo affresco raffigurante la Madonna del Popolo, la chiesa della Madonna del Carmine e la chiesa di S. Rocco. Da visitare il Museo civico con vari reperti archeologici rinvenuti nella vicina necropoli di Castro (a soli Km 10) che vale sicuramente la pena di raggiungere
Nome: 247-MONTALTO DI CASTRO - la torre civica con le mura medievali 5.jpg - Ingrandisci
Da Ischia di Castro alla zona etrusca di Vulci la distanza è breve e dando uno sguardo al paesaggio, si nota la bellezza della campagna laziale coperta da una distesa di coltivazioni a grano. Giungiamo così a Montalto di Castro (Km 49 da Viterbo e 115 da Roma), centro agricolo della bassa Maremma attraversato dal fiume Flora che alimenta nelle vicinanze un piccolo lago artificiale. Nell’antico borgo medievale sono visibili la Torre civica con parti delle Mura,
Nome: 247-MONTALTO DI CASTRO - Castello Guglielmi 6.jpg - Ingrandisci
il Palazzo del Chiarore, la Parrocchiale di Santa Maria Assunta (‘700) e il castello Guglielmi.
Nome: 247-tarquinia_panorama.jpg - Ingrandisci
Visitabile è anche la centrale nucleare che tanto ha fatto discutere nell’ultimo decennio per quanto riguarda la sua trasformazione; sul posto c’è un Centro informazioni ENEL dotato di computer, pannelli e modellini audiovisivi e molte scolaresche vengono portate qui per far conoscere ai ragazzi come si produce l’energia. Da Montalto di Castro incrociamo l’Aurelia (SS 1) che seguiamo in direzione di Roma fino al bivio di Tarquinia, situata su di un colle a Km 44 da Viterbo e anch’essa nota per l’area archeologica e i suoi monumenti medievali.
Nome: 247-Ara della Regina 8.jpg - Ingrandisci
Tarquinia è tra le più antiche città etrusche della Tuscia e la parte “vecchia” sorgeva su una spianata detta “La Civita” divisa in due settori: in uno sono stati rinvenuti i resti dell’antico nucleo urbano con strade e case, mentre nell’altro detto “Ara della Regina”, si trova il basamento di un tempio risalente alla fine del IV sec. a.C.
Nome: 247-TARQUINIA - la tomba del Barone 9.jpg - Ingrandisci
A Tarquinia sorge un’importantissima necropoli che si estende in un’area di oltre Km 4 di lunghezza; numerose le tombe che la compongono tra cui quella dei Giocolieri, dei Cardarelli, delle Leonesse, dei Tori e la tomba del Barone.
Nome: 247-TARQUINIA - Palazzo Vitelleschi 10.jpg - Ingrandisci
Il centro storico è sicuramente di grande interesse a partire da Palazzo Vitelleschi eretto nel 1440 splendida costruzione gotico rinascimentale,
Nome: 247-TARQUINIA - interno di Palazzo Vitelleschi 11.jpg - Ingrandisci
sede del Museo Nazionale che raccoglie reperti etruschi di inestimabile valore.
Nome: 247-TARQUINIA - veduta della chiesa di Santa Maria in Castello 12.jpg - Ingrandisci
Tra le chiese, la più antica è quella romanica di Santa Maria di Castello risalente al 1121, con una slanciata torre medievale;
Nome: 247-interno della chiesa di Santa Maria in Castello 13.jpg - Ingrandisci
la facciata è semplice e rettangolare e l’interno a tre navate con un notevole pulpito e un fonte battesimale ad immersione.
Nome: 247-Tarquinia  il Castello.jpg - Ingrandisci
Il Duomo ha un campanile isolato e all’interno si fa apprezzare per i stupendi affreschi del Pastura (XVI sec.). Lungo via di Porta Castello s’innalza la Torre del Seminario e subito dopo la Porta Castello sono visibili i resti del Castello della contessa Matilde di Canossa.
Nome: 247-700 15.jpg - Ingrandisci
Da segnalare anche la chiesa di Santa Maria di Valverde, raggiungibile passando lungo le antiche mura della città; è una costruzione del duecento a tre navate con all’interno una tavola bizantina della Madonna col Bambino. In piazza Matteotti incontriamo il Palazzo Comunale romanico con davanti una fontana settecentesca
Nome: 247-TARQUINIA - chiesa del Suffragio 16.jpg - Ingrandisci
e nelle vicinanze la bella chiesa del Suffragio e i resti del Palazzo dei Priori. Percorrendo l’antico borgo e scorgendo altre torri e palazzi, giungiamo al quattrocentesco ospedale di Santo Spirito. In piazza S. Martino troviamo invece la chiesa più antica della città, quella romanica di S. Martino (XII sec.) e non lontana la chiesa romanico-gotica della SS. Annunziata; presso la via di Porta Spartana c’è inoltre la chiesa duecentesca di S. Francesco affiancata da un convento con un bel chiostro.
Nome: 247-Tarquinia - le torri.jpg - Ingrandisci
Tarquinia, come già detto, vanta un numero elevato di torri che ne caratterizzano il centro storico ed è definita per questo la San Gimignano del Lazio.
Nome: 247-gravisca_veduta_aerea 18.jpg - Ingrandisci
Nei suoi dintorni (circa Km 5) si possono ammirare le Saline di Tarquinia, una zona riconosciuta come riserva naturale per la protezione di numerosi uccelli; nel 1969 alcuni scavi archeologici nella zona, hanno riportato alla luce i resti dell’antico porto di Gravisca.
Nome: 247-immagine_mare di Tarquinia 19.jpg - Ingrandisci
Poco più a nord si distende il lido di Tarquinia, uno sviluppatissimo centro balneare sulla costa tirrenica. Qui di fronte al mare termina il nostro itinerario nelle zone della Tuscia, sperando di essere stato d’aiuto anche a chi è interessato alla storia etrusca, convincendolo a visitare questi paesi davvero interessanti. Come al solito vi aspetto al nostro prossimo appuntamento tra le bellezze del nostro Paese.
Nome: 247-gastronomia.jpg - Ingrandisci
CURIOSITA’ E GASTRONOMIA VITERBO : oggetti di antiquariato, ferri battuti, bigiotteria; in trattoria si possono gustare i piatti della cucina romanesca, ma anche le anguille del Lago di Bolsena, la cacciagione, la imbracata (pasta e fagioli) e l’acquacotta, i salumi, le ciambelle all’anice e gli struffoli. Il 3 settembre di ogni anno, 90 uomini vestiti di bianco e legati tra di loro da una fascia rossa, trasportano in processione una torre riccamente illuminata di oltre 30 metri con Santa Rosa, patrona della città, uno spettacolo ormai famoso in tutto il mondo e da non perdere. VETRALLA : il paese è noto per l’artigianato della terracotta. Possibili escursioni a Norchia (Km 5) dove c’è un’importante zona archeologica e a Blera, un piccolo centro agricolo situato a sud di Vetralla ( km 11), anch’esso di origine etrusca. Tra le manifestazioni che si svolgono a Vetralla, l’8 maggio si festeggia “lo Sposalizio dell’albero sul monte Fogliano”, presso l’Eremo di S. Angelo con un corteo di cavalieri in costume e gruppi folcloristici; la Festa della Madonna del Carmelo che si celebra l’ultima domenica di maggio con la statua della Madonna che attraversa le strade del paese; la Festa della “Madonna del Soccorso” che si festeggia la prima domenica di settembre con una solenne processione e la caratteristica Sagra del fungo porcino. TUSCANIA : prodotti artigianali in legno, cuoio, pietra e ferro battuto e tipici piatti culinari come le pappardelle alla lepre, i maccheroni con le noci, le “frascarelle” (pasta in brodo), la “pezzata” (zuppa di pane) e i “piscialetti” (verdura). Tra le manifestazioni, la “Benedizione degli animali”, sfilata dei Butteri in costume fino alla chiesa di S. Maria del Riposo il 17 gennaio, in occasione della festa di S. Antonio Abate con la Sagra della frittella al cavolfiore; Festa della Madonna del Cerro il 25 Marzo; Festa della Madonna della Neve il 3 Agosto con pellegrinaggio al santuario e i festeggiamenti popolari dei Santi Patroni dal 1 al 15 Agosto con spettacoli musicali ed il Palio dei somari. ISCHIA DI CASTRO : molto sviluppata l’agricoltura con grano, patate, legumi, barbabietole, oliveti e vigneti; ancora in uso l’estrazione del travertino. Non lontano dal paese, il Santuario del Santissimo Crocifisso, meta ogni anno di numerosi pellegrinaggi. Molto bella la Rievocazione della passione di Cristo che si svolge lungo le vie del paese con una processione il Venerdì Santo. TARQUINIA : la cucina è basata sui prodotti della terra (abbacchio, lumache, funghi, carciofi, uve da tavola) e del mare (aragoste, sogliole e orate). Tra le manifestazioni da ricordare: la corsa dei facchini con la statua del Redentore a Pasqua; il palio delle Contrade con sfilate in costume nel mese di maggio.
Nome: 247-Titolo-LaTuscia.jpg - Ingrandisci
Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7