Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 24-10-2017 - 13:15:05
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Rubrica che illustra, attraverso piccole pillole, alcuni dei più illustri letterati italiani, biografie e correnti letterali di pensiero. Antonio Timoni
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
245 La poesia dialettale - Trilussa Pillole di letteratura Antonio Timoni 01/2008 Apre eventuale link con Articolo 245 già pubblicato
Testo Articolo

19 - LA POESIA DIALETTALE
( TRILUSSA)

Trilussa è lo pseudonimo di Carlo Alberto Salustri ( Roma 26 ottobre1871 – 21 dicembre 1950 ), artista fine ed estroso e noto come favolista satirico in dialetto romanesco con una vena malinconica e amara, autore di un gran numero di poesie, alcune delle quali in forma di sonetti di cui spesso ne illustrava personalmente il testo; dopo un ‘infanzia molto povera e studi non proprio regolari, debuttò prestissimo nel 1887 con alcune brevi poesie romanesche, ispirato dalla gente e dalle strade di Roma di cui i suoi personaggi fanno parte e crebbe la sua fama tra il 1920 e il 1930 quando la sua notorietà raggiunse il massimo, pur non frequentando mai i circoli letterari del tempo.


La satira di Trilussa è scherzosa, diretta contro le piccole miserie della vita, i cui compromessi vengono ridicolizzati con umorismo punzecchiante. Nella sua poesia c’è un profondo insegnamento politico: fin quando gli sfruttati e gli oppressi sono divisi tra loro, i padroni avranno sempre la meglio. Il poeta non tacque neanche durante il fascismo, anzi espresse sempre, in maniera moderata ed onesta, l’ostilità popolare alla dittatura. Con arguzia e modi disincantati, Trilussa ha commentato circa cinquanta anni di cronaca romana e italiana, dall’età giolittiana agli anni del fascismo e a quelli del dopoguerra. Personaggio davvero particolare, Trilussa visse di proventi editoriali e di collaborazioni con vari giornali come “Rugantino”, “Il don Chisciotte di Roma”, “Il Travaso delle idee” e l’Almanacco “Er Mago de Vorgo”; era anche un bravo dicitore dei suoi versi e come lettore di poesie, fece anche diverse rappresentazioni in Italia e all’Estero. In molte sue opere i protagonisti sono animali che danno vita a momenti di indubbia ilarità, mettendo allo stesso tempo in ridicolo vizi e difetti dell’uomo. Trilussa collaborò anche con il famoso chansonnier Ettore Petrolini, per il quale scrisse alcuni importanti testi teatrali; nominato senatore a vita dal Presidente della Repubblica Luigi Einaudi il 1° dicembre 1950, morì soltanto venti giorni dopo la sua nomina.

 

 


Le sue opere più importanti sono: Quaranta sonetti (1895), Favole romanesche (1900), Er serrajo (1903), Ommini e bestie (1908), Lupi e agnelli (1919), Le cose (1922), Tutte le poesie (postume 1951); inoltre “Le storie” (1913), “Giove e le bestie”, “Cento favole”, “Acqua e vino” e “La gente” (1927).


Qui di seguito un piccolo assaggio della poesia di Trilussa con un sonetto tratto da “Acqua e vino” :
 


Felicità
C’è un’Ape che se posa
su un bottone de rosa:
lo succhia e se va....
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.


 

 

ANTONIO TIMONI
 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7