Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 26-05-2017 - 14:55:06
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Rubrica di approfondimento sui temi e sugli avvenimenti della fede. Paolo
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
210 San Francesco d'Assisi 4 ottobre Angolo della fede Paolo 09/2004 Apre eventuale link con Articolo 210 già pubblicato
Testo Articolo

Francesco nasce ad Assisi nell'inverno del 1182 da Pietro di Bernardone e Madonna Pica, una delle famiglie più agiate della città.
Il padre commerciava in spezie e stoffe. La nascita di Francesco lo coglie lontano da Assisi, mentre era in Provenza, occupato nella sua professione. La madre scelse il nome di Giovanni, nome che fu subito cambiato in Francesco quando tornò il padre. La fanciullezza trascorse serenamente in famiglia e Francesco potè studiare il latino, il volgare, il provenzale e la musica; le sue note insieme alle sue poesie furono sempre apprezzate nelle feste della città. Il padre desiderava avviarlo al più presto all'attività del commercio. Un giorno Francesco era intento nel fondaco paterno a riassettare la merce quando alla porta si presentò un mendicante che chiedeva elemosina in nome di Dio. Dapprima Francesco lo scacciò in malo modo, ma poi pentitosi lo seguì e raggiuntolo vi si intrattenne, scusandosi ed elargendogli dei denari. All'età di vent'anni partecipò alla guerra tra Assisi e Perugia, e fu fatto prigioniero. La prigionia e gli stenti plasmarono l'animo del giovane e più il corpo si indeboliva, più cominciava a subentrare in lui il senso della carità e del bene verso gli altri.
Tornò a casa gravemente malato e solo le cure della madre ed il tempo lo ristabilirono, ma la vita spensierata di prima gli sembrò ormai vuota.

Spinto da idee battagliere decise di seguire un condottiero nel sud Italia, ma giunto a Spoleto ebbe un'apparizione del Signore che gli ordinava di tornare indietro; fu questo l'inizio di una graduale conversione. Durante una breve permanenza a Roma si spogliò dei suoi abiti e dei denari, più tardi in Assisi davanti ad un lebbroso non fuggì come facevano tutti, ma gli si avvicinò e lo baciò. Gli amici lo schernivano e deridevano, il padre manifestava apertamente la sua delusione, solo la madre lo confortava. Francesco scelse il silenzio e la meditazione tra le campagne e le colline di Assisi, facendo spesso tappa nella Chiesetta di San Damiano nei pressi della città, e il crocifisso che era nella cappellina gli parlò: "Va, ripara la mia casa che cade in rovina". Francesco vendette allora le stoffe della bottega paterna e portò i denari al sacerdote di San Damiano, ma l'ira di Pietro di Bernardone costrinse Francesco a nascondersi. La diatriba col padre fu risolta solo con l'intervento del Vescovo di Assisi, davanti al quale Francesco rinuncia a tutti i beni paterni.

Cominciò un periodo di spostamenti: di quel periodo è l'episodio del lupo di Gubbio, un animale che incuteva terrore e morte ammansito dalle parole del santo. Le gesta di Francesco non passarono inosservate e dopo qualche tempo, si affiancarono i primi seguaci: Bernardo da Quintavalle, Pietro Cattani, Egidio e Filippo Longo.

Le prime esperienze con i compagni si ebbero nella piana di Assisi, nel Tugurio di Rivotorto e alla Porziuncola; tutti i compagni vestivano come Francesco di un saio e di stracci. La data ufficiale della nascita dell'Ordine dei Frati Minori è il 1210 quando Francesco ed i compagni vengono ricevuti dal papa Innocenzo III che verbalmente approva la Regola.

Il Papa, in sogno, ebbe la visione della Basilica Lateranense in rovina ed un uomo che la sorreggeva per evitarne la distruzione: quell'uomo era Francesco. Iniziano i contatti con Chiara d'Assisi e nasce così l'Ordine delle Povere Dame di San Damiano, chiamate Clarisse dopo la morte di Chiara. Nel 1213 Francesco riceve dal Conte Orlando di Chiusi il Monte della Verna. Inizia la sua predicazione a più lungo raggio rivolta in particolare ai "mori" che lo spinge a recarsi in Marocco, ma una malattia lo ferma in Spagna. Nel 1216 ottiene da Onorio III l'indulgenza della Porziuncola, " Il Perdono di Assisi", la più importante della cristianità dopo quella di Terra Santa. Nel 1219 Francesco parte per Acri e Damietta al seguito della crociata e giunge in Egitto alla corte del sultano Melek el-Kamel, per poi raggiungere la Palestina; predicò davanti al sultano, senza però riuscire a convertirlo. Nel frattempo l'Ordine ha i suoi primi martiri, uccisi in Marocco. Nel 1220 Francesco torna ad Assisi dove i suoi ideali di povertà, di carità, di semplicità hanno fatto presa su molti, ma trovò anche dissenso tra i frati specialmente riguardo al concetto di "povertà"  e allo stile originario di rifiutare qualsiasi possesso e possedimento.  Si dimise dall'incarico di superiore, dedicandosi a quello che sarebbe stato il terzo ordine dei francescani, i terziari. Inizia così un nuovo ciclo di predicazioni in tutta Italia. A Fontecolombo, nei pressi di Rieti, redige una nuova Regola, approvata poi da Onorio III. A Greccio, in dicembre, istituisce il Presepio, una tradizione cara alla cristianità. Nel 1224 sul Monte della Verna riceve le stimmate, il segno di Cristo e della santità. Francesco è stanco, ammalato e affetto ormai da una cecità quasi totale: il peregrinare per le predicazioni e i digiuni ai quali si sottoponeva l'hanno provato fuori misura; viene così curato a San Damiano, ospite di Chiara e delle Sorelle. Qui compone  il Cantico delle Creature, opera di alta religiosità e lirismo, che contiene tutti gli ideali dell'umiltà e della grandezza francescana. Sentendo prossima la fine terrena, Francesco si fa portare alla Porziuncola, in Santa Maria degli Angeli, dove muore al tramonto della giornata del 3 ottobre 1226. Il 16 luglio di due anni dopo veniva dichiarato Santo dal papa Gregorio IX.

Ora, dopo esserci rinfrescati la memoria riguardo alla vita di Francesco (chi di noi non la conosceva già?), accostiamoci ad lcune osservazioni.

San Francesco è senza dubbio un Santo simpatico, anche presso chi non crede. Proprio perciò le distorsioni sul suo conto non consistono, come per altri Santi, in una denigrazione del suo operato, quanto nel fraintendimento di esso. Ne citiamo alcune fra le più frequenti:

S.Francesco, un ecologista ante litteram?

Alcuni in effetti sottolineano in lui l'amore per la natura (che c'è effettivamente stato) in termini del tutto analoghi a quelli che potrebbe avere un ecologista del XXI secolo, intendendo con ciò uno che concepisca la natura ("questa bella d'erbe famiglia e d'animali") come un assoluto, superiore all'uomo e suo orizzonte esauriente, e chiusa in sè stessa.

Ora in Francesco l'amore per la natura è invece riconducibile al suo amore per Dio, ossia al suo amore per Gesù Cristo. Il  Cantico delle Creature testimonia che Francesco ama la natura solo perché vede in essa un segno della bontà e dello splendore della Presenza del Mistero. Quindi per Francesco la natura non è fine e sa stessa ma è un mezzo per giungere più facilmente a Dio. Anche quando predica agli uccelli egli richiama la lode della Gloria del Mistero, e quando incontra il lupo di Gubbio lo affronta senza paura ma in spirito in qualche modo fraterno solo ed esclusivamente in virtù della fede, che fa riconoscere nella natura un segno di Altro.

Francesco, indifferentemente aperto ad ogni fede?

Un'altro mito riguarda il preteso "pacifismo" del Santo, nel senso di una sostanziale indifferenza al dogma, sacrificato all'idea di una "tollerante" convivenza con qualsiasi fede e cultura. A conferma di tale "ecumenismo sincretista" si cita lo spirito di umiltà del Poverello di Assisi, alieno dalle dispute e propenso alla arrendevolezza. Tanto più che poca importanza diede allo studio nella impostazione lasciata ai suoi frati: segno, pensa qualcuno, che non tanto il dogma, non tanto una verità dai contorni definiti, ma la prassi contava ai suoi occhi, per prassi intendendo un atteggiamento etico di accoglienza e di remissività non fondato su alcuna verità.

Tale interpretazione della figura e del pensiero di S.Francesco non è corretta: infatti è  evidente la grande passione missionaria del Santo di Assisi, che rischiò la vita pur di andare in Oriente a convertire i Saraceni, e svolse presso il "Soldano" ("Saladino") una accorata opera di testimonianza. 

Quello di convertire i mussulmani fu un suo costante pensiero, si potrebbe dire un suo chiodo fisso, che non a caso sarebbe poi rimasto nella storia del francescanesimo, ricco di martiri in terra islamica (si pensi ai martiri francescani in Marocco, nel 1220 e nel 1226). 

Francesco, contrario allo studio ed alle scienze?

Per quanto riguarda una apparente trascuratezza dello studio, ciò va inteso non come una indifferenza alla verità: prima di tutto si trattava di una sua personale consapevolezza di non essere "portato" a una vocazione intellettuale e non di una sfiducia nei confronti dello studio in quanto tale. In secondo luogo vi era in lui la preoccupazione che un certo modo di intendere lo studio e la vita intellettuale fosse pericoloso per l'umiltà e la semplicità. Ma che lo studio del vero in quanto tale non fosse incompatibile con lo spirito del francescanesimo lo avrebbe dimostrato benissimo un suo fedele discepolo, San Bonaventura. 

Francesco disprezzava la corporeità?

Si potrebbe pensare che il santo di Assisi abbia nutrito un "platonico" disprezzo per la corporeità in quanto tale, vista come causa di peccato; non per nulla egli parlava del proprio corpo come di "frate asino" e lo sottoponeva a sacrifici e sofferenze di notevole entità, come un suo lunghissimo e severissimo digiuno quaresimale, o come il fatto di dormire sulla nuda terra o sulla pietra.

Senza escludere una qualche forma marginale di "contaminazione" platonica, si può dire che l'esperienza complessiva di S.Francesco è genuinamente cristiana e non ha implicato un disprezzo per la corporeità in quanto tale. Non dimentichiamo che Francesco è il cantore della Gloria di Dio che si manifesta attraverso la materialità del creato: il sole, la luna, le stelle, l'aria e le nuvole, il vento, i fiori e l'erba.

Ma anche nei confronti del proprio corpo non vi è disprezzo, ma spirito di penitenza. Sono due cose diverse: Francesco non macera il proprio corpo perchè "cattivo", ma per penitenza dei propri peccati, che hanno come radice l'orgoglio e la superbia ( e non l'attaccamento al piacere), e perché il corpo può, se assecondato troppo, diventare occasione di peccato, un peccato che resta comunque secondario rispetto a quello "spirituale".

Che Francesco non disprezzasse il corpo in quanto tale appare, ad esempio, dall'episodio in cui, essendo ormai imminente la sua morte, egli chiese a una signora di preparargli dei dolci che gli piacevano molto.

Al termine di questa "carrellata"  sulla figura di Francesco d'Assisi, possiamo domandarci quale insegnamento, quale arricchimento, può avere per noi oggi l'esempio di tale santo. Mi azzardo a sintetizzare in una sola frase l'intera vita di Francesco:

è possibile vivere gli insegnamenti e lo spirito del Vangelo!

 

Arrisentirci

Paolo

Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7