Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 22-10-2017 - 19:22:45
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Rubrica di approfondimento sui temi e sugli avvenimenti della fede. Paolo
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
207 Il Natale dell'apparenza ? Angolo della fede Paolo 12/2004 Apre eventuale link con Articolo 207 già pubblicato
Testo Articolo

E' Natale! Ma quale natale? 

    quello dell'impegno per gli altri, o quello dell'indifferenza?

    quello dello spreco, o quello dell'essenzialità?

    quello godereccio, o quello spirituale?

    quello delle agguerrite partite a carte, o quello della messa di mezzanotte?

    quello della sostanza, o quello dell'apparenza?

 

Poiché non sono uno che pensa che i tempi passati siano stati necessariamente migliori dei tempi presenti, mi piace riportare un brano scritto nel 1827 da Stendhal, scrittore e viaggiatore francese, tratto dalle sue famose "Passeggiate Romane", nel quale ci descrive come nella Roma dell'epoca ci si preparasse al Natale. Vi invito a notare bene quale fosse la convinzione della gente nella Roma  del papa-re (figuriamoci poi altrove !)...

21 dicembre 1827 - Sono quindici giorni che i "pifferai", o suonatori di cornamusa, ci svegliano alle quattro del mattino. E' gente capace di far odiare la musica. Sono rozzi contadini ricoperti di pelli di capra, che in occasione delle Feste discendono dalle montagne abruzzesi e vengono a Roma a far serenate alle Madonne. Arrivano quindici giorni prima di Natale e ripartono quindici giorni dopo; ricevono due paoli per una serenata di nove giorni, sera e mattina. Chi vuol essere stimato dai vicini e non vuole incorrere in una denuncia al parroco, nonché tutti quelli che temono di passare per liberali, si abbonano per due "novene".

Non c'è niente di più odioso dell'essere svegliati nel cuore della notte dal suono melanconico delle cornamuse, un suono che dà ai nervi. Leone XII, che li conosceva bene già prima di salire al pontificato, proibì ai "pifferai" di svegliare i cittadini prima delle quattro. 

In fondo a tutte le botteghe, a Roma, c'è una Madonna illuminata da due lampade. Credo che non esista un romano che non abbia in casa almeno una Madonna. Ho visto artisti che temono di passare per liberali affrescare sul muro del loro studio una Madonna e pagare ai "pifferai" quattro paoli per due "novene". Il "pifferaro" col quale ho avuto a che fare nel mio appartamentino mi ha detto che sperava di tornare a casa con cento scudi, somma enorme in abruzzo, che gli permetterà di stare sette o otto mesi senza lavorare. 

 

25 dicembre 1827 - Ritorniamo da San Pietro, dove si è svolta una magnifica cerimonia. C'erano molte signore inglesi, alcune di rara bellezza. Non ho mai visto niente di più imponente. San Pietro era veramente sublime di magnificenza e bellezza: mi sentivo cattolico quasi quanto un romano.

Le mie amiche non fanno che parlare di questo spettacolo, così maestoso e semplice nello stesso tempo. Eppure nel settore riservato alle donne non c'erano che due sole signore romane, venute soltanto perché dovevano accompagnare certi parenti di provincia a vedere la gran funzione.

Torniamo a noi. Sinceramente siamo un po' "finti" anche oggi, vero? Se nel 1827 facevano suonare gli zampognari per non essere criticati dai vicini e dal parroco, cosa facciamo nel 2004 per non essere criticati dalla zia o dal cugino? dalla suocera o dal nonno? dagli amici o dai colleghi?

Siamo a dicembre, Natale è fra pochi giorni: c'è chi lo subisce (chi è solo) e chi   lo anela (i bambini), c'è chi spera di fare affari (i negozianti) e chi deve stare attento a non spendere troppo (gli stipendiati). Siamo in tanti ad aspettare il Natale e ciascuno porta con sé un particolare sentimento. E' la storia dell'uomo: anelare a quello che non si ha e poi annoiarsi di quello che si possiede... Siamo strani, vero?

Anche nel campo spirituale siamo parecchio strani! Ci lamentiamo dell' "assenza"  di Dio (il mondo va a rotoli, l'umanità è sempre più cattiva, e perché Dio non interviene?) e poi quando Dio si fa presente e viene ad abitare in mezzo a noi lo zittiamo sotto a montagne di pacchetti, lustrini, alberelli, suoni, luci, cenoni e pranzoni. Preferiamo vivere il Natale come evento mondano piuttosto che coglierne l'aspetto dell'incontro con un Dio che ci viene vicino per condividere e santificare tutta l'esistenza umana; sì, proprio quell'esistenza umana della quale noi ben conosciamo i difetti e i limiti, è stata rivalutata da Dio, nella persona di Gesù, ed è stata trasformata in tempo di grazia e di santità.

Il mio augurio è questo: che possiamo accorgerci che Dio è più vicino di quello che sembra, e che la sua presenza è per noi fonte di amore.

Buon Natale da

Paolo

Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7