Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 24-11-2017 - 06:49:56
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Rubrica che illustra, attraverso piccole pillole, alcuni dei più illustri letterati italiani, biografie e correnti letterali di pensiero. Antonio Timoni
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
200 La poesia dialettale di Cesare Pascarella Pillole di letteratura Antonio Timoni 01/2007 Apre eventuale link con Articolo 200 già pubblicato
Testo Articolo



L’Italia attraversava un momento particolare, ancora alle prese con i popoli invasori, quando iniziò ad affermarsi nelle varie regioni italiane il linguaggio particolare delle persone umili, a volte definito volgare, che spaziava però su svariati argomenti; il dialetto fu così un nuovo modo di esprimersi e in questo periodo si segnalarono poeti di notevole levatura quali Cesare Pascarella, Salvatore Di Giacomo, Carlo Alberto Salustri (Trilussa), Giuseppe Gioacchino Belli, Carlo Porta e Renato Fucini che scelsero proprio il loro dialetto, romanesco, napoletano, toscano o milanese che fosse, per raccontare la vita popolare e le imprese del tempo.



CESARE PASCARELLA. Nacque a Roma il 28 aprile 1858 da Pasquale Pascarella di origini ciociare e da Teresa Bosisio, piemontese; morì sempre a Roma l’8 maggio 1940 nella sua casa di piazza del Popolo, in assoluta solitudine. Cesare Pascarella, sicuramente di carattere piuttosto vivace, fu mandato da piccolo in seminario a Frascati, dove però fuggì il 20 settembre 1870, proprio nel momento che i Bersaglieri giungevano a Roma. Lo scrittore fu afflitto da sordità e condusse per molti anni una vita solitaria; tra i suoi amici più cari Giosué Carducci e Gabriele D’Annunzio. Frequentò la scuola dell’Apollinaire e l’Accademia delle Belle Arti e seguì all’inizio quella che era la sua vera passione, la pittura; fu infatti prima pittore che letterato, ritraendo con una comicità intelligente il mondo degli animali, tanto da essere definito il pittore degli “asinelli”. Pascarella in gioventù viaggiò molto come corrispondente di vari giornali e nel 1885 partì addirittura per l’India, lasciando sulla porta del suo studio un biglietto che diceva pressappoco così: “vado un momento in India e torno subito”. Poeta in dialetto romanesco, acquistò fama con “Villa Gloria”(1886), venticinque sonetti sull’impresa eroica ma sfortunata dei fratelli Cairoli e con “La Scoperta dell’America”(1893), cinquanta sonetti sull’impresa di Cristoforo Colombo raccontata da un popolano; i suoi scritti esaltarono e commossero personaggi di notevole importanza come Luigi Pirandello, Giuseppe Verdi e Giosué Carducci. Di maggiore impegno è “Storia nostra”, un’opera rimasta purtroppo incompiuta, che tratta la storia d’Italia dalla fondazione di Roma fino al 1870 e pubblicata soltanto dopo la sua morte. Nel 1930 Pascarella fu anche chiamato a far parte dell’Accademia d’Italia fondata nel 1929 da Benito Mussolini. Molto giovane, seguendo i modi del Belli, Pascarella aveva composto “Er morto de campagna”, cinque sonetti riguardanti la ricerca di un morto, che poi si rivela ammazzato, nella desolata campagna romana e l’anno dopo “La serenata”, dove anche qui come nella precedente opera, è uno dei protagonisti a raccontare la storia di una serenata finita tragicamente, in un’atmosfera notturna quasi come presagio di tragedia; fu anche autore di prose colorite come “Viaggio in Ciociaria”.
Pascarella trattò con estremo gusto e un’acuta ironia, argomenti sulla vita popolare e soprattutto proponendoci
grandi imprese viste con gli occhi della gente e contribuì con un sorriso a far ragionare le persone più con il cuore che con il cervello; l’uso semplificato del dialetto (da qui il successo anche nelle città del nord) lo pose all’attenzione dei letterati di quel periodo. Qui di seguito ho voluto riportare un suo sonetto per meglio far capire la fusione delle parole con le immagini, in cui Pascarella fu maestro:


‘ Na predica de mamma

L’amichi? Te spalancheno le braccia
Fin che nun hai bisogno e fin che ci hai;
Ma si, Dio scampi, te ritrovi in guai.

Tu sei giovene ancora, e ‘sta vitaccia
Nu’ la conoschi; ma quanno sarai
Più granne, allora te n’accorgerai
Si a ‘sto monno c’è fonno o c’è mollaccia. (cioè se il fondo è duro o fangoso)

No, fio mio bello, no, nun so’ scemenze
Quer che te dice mamma, ‘sti pensieri
Tiètteli scritti qui, che so’ sentenze;

Che ar monno, a ‘sta Fajola d’assassini, ( Fajola, è un bosco che sembra fosse un ritrovo di briganti)
Lo voi sapé chi so’ l’amichi veri ?
Lo voi sapé chi so’? So li quatrini.

CESARE PASCARELLA
 

 

Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7