Logo
     

 

Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
Articoli del Mese
Foto Articoli
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Le Rubriche del Giornale
|A spasso intorno a...|
|Angolo della fede|
|Appunti di Viaggio|
|ARTEFACTUM|
|Articolo di fondo|
|Attualità|
|Avvenimenti|
|Ciclopassione|
|Curiosità|
|Editoriale|
|Eventi|
|Gastronomia|
|Grandi Amori|
|I Miti del Cinema|
|I Miti della Canzone|
|Imparare elettronica|
|Intervista|
|La posta del cuore|
|Librarsi|
|Lo scrigno dei romanzi perduti|
|Misteri|
|Oroscopo|
|Pensieri e parole|
|Perle Italia|
|Pillole di letteratura|
|Poesie|
|Profili di citta|
|Racconti|
|Recensioni cinematografiche|
|Recensioni teatrali|
|Sanità e dintorni|
|Trekking|
|Ve lo dico in rima|

Collaboratori

Data di lettura dati Server: 11-12-2017 - 06:51:45
Navigation Menù
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro 
Presentazione delle città più belle d'Europa, con la descrizione di un percorso ideale, per far conoscere alcune delle loro piazze, palazzi e monumenti Antonio Timoni
IDTitolo ArticoloRubricaRedattore ArticoloLink
158 LONDRA - PARTE IV Profili di citta Antonio Timoni 01/2008 Apre eventuale link con Articolo 158 già pubblicato
Testo Articolo
Foto ArticoloContinuo Articolo
Nome: 158-Londra - Southwark Cathedral  foto 43.jpg - Ingrandisci
Eccoci finalmente alla parte conclusiva di questa splendida città che è Londra , dopo ben quattro appuntamenti che spero siano serviti a chiarire gli aspetti più significativi della capitale londinese. Un itinerario molto affascinante, ci vede ora giungere sulla riva sud del Tamigi, dove negli ultimi anni c’è stato un grande sviluppo con la creazione di una passeggiata che corre lungo il fiume e con la costruzione di centri commerciali, teatri e l’apertura della Tate Modern; siamo nel quartiere di Southwark. Il London Bridge, il ponte di Londra, è allo stesso tempo il più antico e il più moderno della città, dato che è stato ricostruito diverse volte. Nei suoi pressi troviamo la Southwark Cathedral, la chiesa di San Salvatore e Santa Maria, il cui edificio è stato realizzato nel XIII sec. e poi rimaneggiato successivamente. L’interno a tre navate è maestoso e da non perdere, in fondo al presbiterio, il dossale in pietra (1520); numerosi i monumenti funerari di cui alcuni anche curiosi. L’adiacente Cathedral Street ci conduce all’attracco della Kathleen e Mary, un antico veliero; poco lontana c’è una copia a grandezza naturale del Golden Hinde, il galeone di Sir Francis Drake. In Tooley Street troviamo la London Bridge Station, la prima stazione londinese (1836); sotto le arcate della ferrovia, c’è il London Dungeon, una specie di museo dove sono ricostruite fedelmente le vicende più macabre della storia della Gran Bretagna.
Nome: 158-s Gallery foto 45.jpg - Ingrandisci
Prendendo per Hay’s Lane, si raggiunge la Hay’s Gallery, ricostruita nel 1987 con un’alta volta a botte in vetro e ferro e che ospita un centro commerciale ed un ristorante.
Nome: 158-Londra - HMS Belfast  foto 46.jpg - Ingrandisci
Poco più ad est si trova l’attracco della nave da guerra HMS Belfast, il più grande incrociatore della Royal Navy, utilizzato nel corso della seconda guerra mondiale e nella guerra di Corea.
Nome: 158-Londra - New Globe Theatre e BanksidePower Station  foto 47.jpg - Ingrandisci
Sempre su Tooley Street, possiamo vedere i magazzini vittoriani di Butler’s Wharf con il Design Museum e il Tea and Coffee Museum, dove si racconta la storia delle due bevande e che contiene una collezione di rare teiere e caffettiere. Il centro della zona di Londra a sud del Tamigi è ricco di storia e Borough High Street è un polo di attrazione per i turisti. Qui troviamo l’Old Operating Theatre e il Guy’s Hospital, il grande ospedale da 1000 letti, che ha una delle torri più alte di Londra e che conserva l’entrata ed il cortile d’ingresso originali del 1725. Una successione di stradine e di cortili ospitano alcune taverne (inns) come la Gorge Inn, pittoresca taverna, ricostruita nel 1676, che alla fine del secolo scorso era una stazione per i cavalli di posta. Siamo quindi a Bankside, una stretta fascia di terra lungo il Tamigi la cui storia è legata a quella di Southwark; l’area è quella che si affaccia sul Tamigi tra la cattedrale di Southwark e il ponte dei Blackfiars. In passato la zona era malfamata, con taverne, case di tolleranza, bische e qui sorsero pure quattro teatri che resero famoso il Bankside: il Rose Theatre (1587) che poteva contenere sino a 3000 spettatori e che fu il teatro in cui Shakespeare rappresentò i suoi primi drammi; lo Swan Theatre (1595-96); il Globe Theatre (1599) il teatro di Shakespeare e l’Hope Theatre (1613). Tuttavia, questi teatri lentamente diventarono delle arene per i combattimenti di animali e nel 1642 furono quindi definitivamente chiuse. Nel maggio del 1997, però, il Globe Theatre ha riaperto e ricostruito a duecento metri dalla costruzione originale con il nome di New Globe Walk; qui si trova la Shakespeare’s Globe Exhibition, che offre una panoramica del teatro di Shakespeare dove il drammaturgo visse e lavorò e lo Shakespeare’s Globe Museum, dedicato al teatro del periodo Elisabettiano.
Nome: 158-Londra - la Tate Modern a Bankside foto 48.jpg - Ingrandisci
Un modo di esplorare Bankside consiste nell’attraversare la strada pedonale che costeggia il Tamigi e che collega il ponte di Westminster a Bermondsey, superando la cattedrale di Southwark e il ponte della Torre. Interessante da vedere è la Bankside Power Station, la centrale termo-elettrica con una ciminiera alta m 99 realizzata nel 1960 e chiusa nel 1981; dal maggio del 2000 è la sede della collezione contemporanea della Tate Modern.
Nome: 158-Londra - interno della Tate Modern foto 49.jpg - Ingrandisci
). La disposizione delle opere è tematica ed illustra gli sviluppi artistici dal XX sec. ad oggi, rappresentando paesaggi, natura morta, nudo, storia, memoria e società.
Nome: 158-Londra - Millenium Bridge visto dalla Tate Modern gallery foto 50.jpg - Ingrandisci
Dall’alto di questa struttura si può godere di un magnifico panorama del Tamigi e della City,con St. Paul’s sulla riva nord collegato al museo dal Millenium Bridge, il nuovo ponte sospeso (lungo m 370) di acciaio e alluminio,
Nome: 158-Londra - il Millenium Bridge di fronte alla Tate Modern foto 51.jpg - Ingrandisci
che di notte risplende sulle acque del fiume. L’ingresso alla Tate Modern è libero, ma si può contribuire con qualche donazione; nella galleria si trovano tre caffé situati a vari livelli.
Nome: 158-Londra - panorama con la Millenium Eye foto 61.jpg - Ingrandisci
Proseguendo il nostro cammino verso sud lungo il Riverside Walk, la strada pedonale che corre lungo il fiume, incontriamo il South Bank Centre, uno dei poli principali della scena artistica londinese e sicuramente il maggior complesso teatrale d’Europa; comprende numerose sale da concerto, spazi espositivi e musei (Royal National Theatre, Royal Festival Hall, Museum of the Moving Image che in 50 sale percorre la storia del Cinema e della Televisione). Per l’arrivo del nuovo millennio, Londra si è costruita la British Airways Millenium Eye, la ruota panoramica più grande del mondo che dai suoi 135 m offre un’ incantevole vista della città ed oltre;
Nome: 158-Londra - capsula del London Eye foto 52.jpg - Ingrandisci
la sua struttura può trasportare, in trenta capsule di vetro, circa 15.000 persone al giorno.
Nome: 158-Londra - Imperial War Museum foto 62.jpg - Ingrandisci
Sempre lungo il Tamigi, troviamo il London County Hall, un monumentale edificio costruito in stile rinascimentale nel 1912-32, che ospita oggi lo splendido London Acquarium (visita a pagamento). Superato l’imbocco del Westminster Bridge, il lungofiume prosegue con l’Albert Embankment, da cui si ha una splendida vista del Parlamento; ci siamo quindi ormai addentrati nel quartiere di Lambeth. Il palazzo di Lambeth (Lambeth Palace) è l’ultimo superstite dei palazzi signorili che un tempo si affacciavano sul Tamigi e da un insieme di costruzioni, in cui si intravede la torre dei Lollards (1435), dove sembra venissero rinchiusi gli eretici, e la Great Hall con un magnifico portale del 1490. In Lambeth Nord, Elephant e Castle, importante snodo stradale, c’è l’Imperial War Museum che espone materiale relativo alla prima guerra mondiale; nel bel giardino sono presenti due cannoni e un pezzo del Muro di Berlino.
Nome: 158-opera del Tunnel completata foto 54.jpg - Ingrandisci
Siamo giunti così in Waterloo Road, nei pressi della Waterloo Station, la stazione dei treni EGV e della metropolitana con il tetto a vetrate, i cui pannelli s’incastrano gli uni negli altri e dove si trova anche un ampio parcheggio. All’angolo con The Cut è l’Old Vic (1817) e sul Cut, lo Young Vic, un teatro di Avanguardia. Il quartiere ospita infine la St. George’s Roman Catholic Cathedral, la cattedrale di San Giorgio, sede dell’arcivescovo cattolico di Southwark, ricostruita dopo l’ultima guerra e riaperta nel 1958. Sicuramente Londra offre molto di più, io però mi fermo qui, sperando di aver dato più di un’idea circa la grandiosità di questa città così particolare, invasa in tutti i periodi dell’anno da tantissimi turisti che nemmeno gli ultimi attentati terroristici sono riusciti a fermare. Come ho già detto, Londra è visitabile tutto l’anno, anche se è conosciuta per il suo cielo basso e grigio; certamente in primavera ed estate la visita è più consigliata, ma come dimenticare il periodo natalizio, quando le vetrine e le strade assumono un aspetto scintillante. Il viaggio non è più un grosso problema con l’avvento delle numerose compagnie aeree low-cost e anche per chi avesse paura di volare, grazie al tunnel sotto la Manica, si può andare a Londra con le navette ferroviarie che in 35 minuti collegano la Francia con l’Inghilterra.
Nome: 158-Londra - Taxi  foto 65.jpg - Ingrandisci
Una volta giunti nella capitale londinese, la metropolitana è sicuramente il mezzo più veloce e pratico per spostarsi all’interno della città, anche se i percorsi degli autobus sono chiaramente descritti e sono da preferire per coloro che vogliono conoscere meglio i luoghi da visitare. La Visitor Travel Card, una tessera di libera circolazione, permette di usufruire di tutti i mezzi della London Trasport e che ha validità a seconda delle esigenze, come pure la Family Travel Card che serve invece per i nuclei familiari. Molto pratici, confortevoli e caratteristici sono i Taxi (Cab), che offrono un ottimo servizio.
Nome: 158-Londra - locazione degli aeroporti foto 59.jpg - Ingrandisci
Londra è ben collegata e come ho già accennato è servita da ben cinque aeroporti:
Nome: 158-Londra - treno sulla Piccadilly Line  foto 55.jpg - Ingrandisci
Heathrow (il più importante e il più vicino) che accoglie tutti i voli della British Airways, tutti i voli intercontinentali e quelli europei di alcune compagnie soltanto; si può raggiungere in autobus, con la metropolitana (Piccadilly Lane) e con l’Heathrow Express che compie il tragitto dalla Paddington Station ai Terminal 1-3 in quindici minuti e al Terminal 4 in venti.
Nome: 158-Londra - aeroporto di  Gatwick foto 56.jpg - Ingrandisci
Gatwick Airport, 50 Km a sud di Londra, è raggiunto dal Gatwick Express che effettua la corsa dall’aeroporto alla Victoria Station in trenta minuti. Stansted Airport, nell’Essex, è collegato con lo Stansted Express che dall’aeroporto alla stazione di Liverpool Street, impiega circa un’ora. - Luton Airport, nel Bedfordshire, è raggiunto dai treni Thameslink da St. Pancreas o King’s Cross in 35 minuti, oppure da autobus. - City Airport (Docklands) è situato a 3 Km da Canary Wharf e 10 Km dalla Bank of England ed è collegato con un servizio gratuito di autobus per Canary Wharf (10 minuti) e per Liverpool Street Station (25 minuti).
Nome: 158-Londra - escursioni sul Tamigi foto 60.jpg - Ingrandisci
Londra ospita popolazioni di ogni paese e cultura ed offre quindi un’ampia varietà di ristoranti; quelli delle grandi catene americane non sono affatto economici e si trovano soprattutto nella zona di Piccadilly e Leicester Square, mentre negli ultimi anni si è affermata l’usanza di mangiare all’interno dei grandi magazzini con i loro Coffee bar o Snack bar, che offrono un pasto veloce a prezzi accessibili. A prezzi ragionevoli si può mangiare anche nei Pub e Wine bar con piatti che vanno dai cibi freddi, a zuppe, a carni con patate e fritture; caratteristici sono i Fish and Chips, piccoli locali che friggono sul posto alcuni tipi di pesce con patatine. Per fare un po’ di shopping, i negozi in genere sono aperti dalla 10 alle 18 e a volte anche sino alle 20 e le zone preferite per gli acquisti sono quelle intorno a Regent Street, Bond Street, Oxford Street, King’s Road e Piccadilly. Altre brevi indicazioni che posso darvi sull’Inghilterra, sono quelle che benché faccia parte della Comunità Europea, non ha aderito ancora ad avere l’Euro come moneta (gli Inglesi infatti sono noti per essere molto conservatori), ma vige la Sterlina e quindi fate molta attenzione al cambio; l’ora inglese è quella del meridiano di Greenwich anticipata di un’ora rispetto all’Italia. E’ possibile effettuare gite sul Tamigi e numerose sono le compagnie che le fanno con servizi regolari; tutte le informazioni si possono comunque avere presso il London Tourist Board Riverboat Information Service o direttamente presso le compagnie di navigazione private.
Nome: 158-Londra - le tipiche cabine telefoniche foto 66.jpg - Ingrandisci
Non mi rimane che darvi appuntamento al prossimo numero che riguarderà i sobborghi di Londra, sicuramente interessanti come la città se non di più e che completano questo nostro viaggio virtuale nella capitale londinese. Per ulteriori informazioni potete rivolgervi al BTA (ufficio del Turismo britannico), Corso Magenta 32 Milano tel. 02/8808151 oppure al British Council, via Quattro Fontane 20 Roma tel. 06/478141.
Nome: 158-TitoloLondra4parte.jpg - Ingrandisci
Midi ArticoloFileNome FileCommento
 
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina Torna Indietro
 
Powerd by Multimedia Web Service / Ver. 4.7